CILLIT BANG FANS’ CLUB

Il CILLIT BANG (tappo arancione) è incontrovertibilmente, dopo la ruota, la salama da sugo, il rasoio Bic ed il clima bizona, la più straordinaria invenzione che il genio umano potesse estrarre dal cilindro della creatività. Nemico implacabile dello sporco impossibile e, come etichetta annuncia, di quello più ostinato che ama giocare a nasconderella depositandosi nelle pieghe e negli anfratti più difficili da raggiungere. In veste di uomo dotato di un grande spirito umanitario, non posso non augurarmi che tale efficace prodotto sia presto dato in dotazione alla neurochirurgia. Proprio così, ormai il sole non tramonta se prima non ci costringe ad assistere, nostro malgrado, ad un progressivo aumento di un certo disagio femminile sicuramente prodotto da residui sedimentosi infrattatisi nelle scissure  cerebrali. Urge una passatina di CILLIT BANG (tappo arancione) per ristabilire nitidezza di pensiero e pulizia concettuale, non voglio eccedere in pretese e quindi mi impongo di panchinare momentaneamente la razionalità. Continua a leggere

Annunci

Il commiato…

Ho sempre pensato che un buon libro dovrebbe avere in calce una riflessione che faccia il paio con la prefazione ed un “titolo di coda” capace di ricongiungersi a quello della copertina, chiudendo così il trend narrativo in una degna e meritevole confezione del pensiero espresso, per intenderci sulla falsa riga delle produzioni cinematografiche, anche se in molti tendono ad ignorare lo scorrere esplicativo di fine pellicola. Per sillogismo potremmo dire la stessa cosa della nostra vita, titoli, qualifiche, carriere, esperienze positive e negative… il tutto privo di quel “codino” chiamato “epitaffio”, peculiarità riservata, odiosa discriminante, solo ad alcuni personaggi che hanno lasciato chiare disposizioni in merito o semplicemente fedeli amici dotati di una riconoscenza estrosa…

  Continua a leggere