Sintesi dell’intelligenza: stoccaggio, cernita, espulsione delle scorie.

Lo sosteneva con fermezza quel vecchio trombone di Freud: “gli opposti si attraggono e si compensano”, nutro riserve in merito ma penso sia doveroso evidenziare un passaggio chiave, indispensabile, cioè l’individuarsi, termine in auge: “localizzarsi”. Pratica che riesce meglio ai simili: “chi si somiglia si piglia”, con buona pace del citato Sigmund.

Ogni volta che partecipiamo ad affollati contesti ludici e non: feste, inaugurazioni, matrimoni, vernissage, magari funerali e quant’altro. Diveniamo inconsapevoli testimoni di “agganci” (non chiamiamole empatie) creati da occhi scafati che hanno imparato a decodificare e capitalizzare istinti primordiali. Anche nella calca… gay, lesbiche, presunte dive, maschi alfa, cougar e mammisti, Master e slave, alcolisti, tossici, ex galeotti, giargiana baccaglioni, cazzari faine, stronze genetiche, zoccole mascherate, predatori e prede, si sgamano in uno sbatter di ciglia. Lungo elenco, stringiamo il limone, vi è una categoria che non stabilisce contatti: gli “intelligenti”.

La definizione di “intelligenza” è, sostanzialmente, un artificio interpretativo, cito testualmente la Treccani: intelligènza (ant. intelligènzia) s. f. [dal lat. intelligentia, der. di intelligĕre «intendere»]. – 1. a. Complesso di facoltà psichiche e mentali che consentono all’uomo di pensare, comprendere o spiegare i fatti o le azioni …”. Ergo, la “intelligenza” non esiste, non nella sua applicazione pratica, reale (universo della informazione docet, per non parlare dell’istruzione), trattasi di opinabile convenzione selettiva ed elettiva. Il “gene” individuato avrebbe valore solo di fronte a una certificazione supportata in modo inconfutabile, cosa mai avvenuta tranne qualche “vittoria di Pirro”. Gli “intelligenti” non stabiliscono sinapsi nemmeno in un deserto, perché? Risposta inquietante: la presunta “intelligenza” è, di fatto, un impasto soggettivo tirato col mattarello di una oggettività figlia di un falso ideologico.

Cognizioni tecniche, conoscenza, cultura, malizia, furbizia, scaltrezza, cattiveria, perfidia, esperienza, percezione e, me lo si lasci dire, quel tirare a indovinare spacciato per “capacità di leggere dentro” (quando si azzecca il garbuglio con una botta di culo), sono elementi prosaici poco significativi per idolatrare quell’immenso caos chiamato “cervello”. Residenza ufficiale della “intelligenza”, evidentemente inquilina morosa, visti gli innumerevoli e pedissequi sfratti.

Un idiota che spara cazzate random è come un orologio rotto, due volte al giorno segna l’ora esatta, quindi, la sua, dovrebbe essere definita “intelligenza da voucher”, istintiva la connessione con le unità Aristoteliche (luogo, tempo, azione). Scapicollandosi nel tempo si arriva al più celebre aforisma di Andy Warhol: “quindici minuti di notorietà non si negano a nessuno”, pensiero meno “off topic” se abbinato alla sua frase famosa numero due: “la bellezza è già intelligenza”. Teoria che mette in discussione convinzioni millenarie, la “intelligenza” è mente oppure immagine, elaborazione o carne?

Come non menzionare William Blake: “la strada dell’eccesso porta al palazzo della saggezza”, se è “intelligenza” la bellezza, figuriamoci la saggezza, mi si perdoni il cinismo ma il più delle volte la strada dell’eccesso porta al camposanto, quando gira bene finisce nel cortile di una comunità di recupero. In un mondo che spesso confonde la cultura col nozionismo, c’è poco da meravigliarsi se in tanti faticano a distinguere la “intelligenza” codificata dalle flatulenze della genialità demente.

Quando ero ragazzo una donna matura mi disse: “noi femmine siamo più intelligenti dei maschi perché abbiamo il sesto senso”, lì per lì feci mia questa leggenda metropolitana, paesana, borgatara e condominiale ma, in tutta sincerità, impiegai ben poco a rendermi conto che se le donne si scrollassero di dosso questa stupidaggine, vivrebbero molto più serene. Evidentemente serve a poco visto che, prima o poi, tutte finiscono nella “pauta” dell’ansia e del tormento, angoscia e martirio sentimentale, il vittimismo è forse espressione di “intelligenza”? Mastodontica contraddizione in termini.

Noi siamo semplicemente mammiferi che hanno sviluppato una blanda forma di “intelligenza” negativa (lo scrivo da sempre e mi piace ripeterlo), così non fosse non devasteremmo la natura né faremmo nostro il concetto di prevaricazione, presunzione e prepotenza. Come è possibile considerare “intelligente” una specie che macera nella logica del dominio, del possesso e della tirannia, del finto acculturamento e della imposizione finalizzata a interessi di bottega?

Probabilmente la famigerata “intelligenza” consiste semplicemente nel conoscere se stessi e nella capacità di interagire e interpretare il resto del mondo seguendo regole non scritte, cosa scomoda e di difficile applicazione, meglio omologarsi e diventare “pedine” col sogno di far “dama” per poter fagocitare i più deboli. Locuzione latina: “Risus abundat in ore stultorum”, flebile segnale di riconoscimento, gli “intelligenti” non ridono mai, come i nerds, sfigati per antonomasia. Mi risulta esistano individui che fanno test on line a pagamento per quantificare il “QI”, obiettivo: tatuarsi il punteggio ottenuto. Gli stessi che per scegliere un nome estroso da affibbiare ai figli (rovinando loro l’esistenza) sfogliano il catalogo Ikea.

Pietra di paragone… Consultando testi di settore redatti da psicologi e terapeuti si attiva l’interesse, la percentuale di pazienti in analisi che svolgono lavori manuali (muratori, carpentieri, fabbri, imbianchini, ecc. ecc.) è irrisoria rispetto a quella dei preposti a mansioni di concetto. Non è una questione economica, un bravo artigiano che si è costruito un portafoglio clienti degno di nota, guadagna molto più di un capo ufficio e di un manager di prima fascia. Delle due l’una: “lavorare sudando rafforza gli equilibri psichici, oppure sono in troppi ad aver sbagliato nello scegliere tastiera e mouse anziché un utensile?”. Anche qui la “intelligenza” non ne esce vincente, antico adagio conifero: “braccia rubate all’agricoltura”.

Il genere umano è talmente coglione da usare la millantata “intelligenza” per creare la “intelligenza artificiale”, siamo nel cuckoldismo, anzi, direi nella triolagnia galoppante. Quando le automobili non avranno più bisogno di essere guidate, quando gli elettrodomestici si attiveranno da soli, quando lo scarico del cesso stabilirà autonomamente se trattasi di minzione o defecazione, quando l’armadio connesso sceglierà l’outfit in base alla temperatura e alle esigenze programmate… gli umani potranno passare molte più ore della loro vita a scrivere minchiate sui social e su whatsapp. Orrore e raccapriccio uscire di casa e imbattersi in individui che si estraniano dall’habitat deambulando con lo smart in mano, rapiti da chissà quale irrinunciabile e vitale conversazione. C’è poi la galassia “app”, quelle insulse sono le più scaricate, anche questo è un termometro che misura la “intelligenza”.

Titolo e immagine sguazzano nelle paludi dell’amaro sarcasmo. Incorporiamo, depuriamo e poi scarichiamo il materiale di risulta ma tutto ciò non è “intelligenza”, è prassi lapalissiana. Stucchevole e grottesca la tendenza new age, quelli che una volta venivano qualificati come “intelligenti”, oggi (storia contemporanea) si auto-definiscono “intellettuali”, pietra miliare di polistirolo! La “intelligenza” è un dogma religioso o forse semplicemente un rarissimo terzo occhio capace di vedere ciò che ad altri sfugge?

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

Il crescente diffondersi della omosessualità è dovuto a due sostanze chimiche che si trovano nei cosmetici e nelle confezioni alimentari…

gay not gayIl 17 maggio 1990 l’OMS sentenziò: “l’omosessualità non è una malattia mentale”, nel 2010 una equipe di scienziati accreditati ebbe a certificare: “esistono due elementi chimici che agevolano, accelerano il processo di femminilizzazione, addirittura già nello stato embrionale, sono il BPA e gli ftalati”, “disfunzione dei testicoli, riduzione del pene, sterilità, disturbi della sessualità”. “l’esposizione al BPA rende i bambini più femminili e le bambine più maschili”, “per non parlare degli ftalati presenti nelle confezioni alimentari”, test accreditati hanno cassato una incredibile alterazione dei valori, non dopo anni, no, semplicemente dopo aver ingerito/usato per due giorni prodotti confezionati e/o contenenti le suddette sostanze..

Difficilmente l’OMS si produrrà in una clamorosa retromarcia, sarebbe devastante, però “due più due” forse fa ancora quattro, le alterazioni “esterne” finiscono sempre per incidere sulla psiche, ergo, sarebbe intellettualmente onesto dividere i gay naturali dai gay “chimici”, ammesso che i gay “naturali” esistano e non siano una devianza spudoratamente occultata, alias una patologia… quindi… !!!

Il problema non alberga affatto nell’accettare o meno i gay, ci mancherebbe altro, PARI DIRITTI, PARI OPPORTUNITA’, la vexata quaestio sta nella menzogna sociale, ipocrita e fuorviante, i gay costituiscono un mondo parallelo a quello etero, loro stessi sono i primi a dirlo, ben vengano ma si propongano come una diversità pronta al confronto costruttivo. Landa a loro poco consona.

Sarebbe interessante sviscerare… nel ‘700 qualcuno disse: “in ogni uomo si nasconde un guardone così come in ogni donna si nasconde una lesbica”, da ciò si evince l’esigenza femminile di esibirsi e quella maschile di gratificare la stimolazione ottica, il concetto di trasgressione non prescinde dalle regole sociali, non sempre, forzarle oltremodo non è palanco costruttivo, tutt’altro, si attiva la demolizione.

Non posso e non potrò mai sentirmi “sessualmente uguale” a un individuo anagraficamente maschio avvezzo a praticare fellatio, farsi sodomizzare e magari vestirsi da donna, faccia pure, non sarò certo io a impedirglielo, semplicemente vorrei si giungesse al riconoscimento ufficiale del terzo sesso. Una distinzione gratificante per tutti, uomini, donne, lesbiche, trans e gay.

Esistono tre società, quella civile che deve, “OBBLIGATORIAMENTE”, garantire i diritti in egual misura, poi esiste una società applicata, quella della tolleranza, della comprensione e della dovuta accettazione, infine esiste una società a corrente alternata, quella che fermenta in ognuno di noi, quella che ci porta a difendere l’erba del vicino purchè non sia come la nostra.

Dovessero stilare una classifica Europea dell’ipocrisia noi Italiani vinceremmo sicuramente la medaglia d’oro, quello che realmente ci fotte è la distanza culturale tra regioni, non è un problema di nord, centro o sud, in alcune aree del nord vige una mentalità integralista ben peggiore di quella attribuita al mezzogiorno. Spalmare e ibridare per partito preso la libera convivenza “omnia” a matrimoni virginali sotto la stessa bandiera è impresa titanica, diciamo assurda. Penso sia giusto guardarsi allo specchio e rendersi conto che il progresso debba essere una medicina da assumere in piccole dosi, ad “alzo” calcolato, ogni forzatura è destinata a produrre effetti collaterali destabilizzanti.

Gli esseri umani sono tutti uguali di fronte alla natura, non c’è un dio, la fa da padrone la legge della sopravvivenza, la fa da padrone la legge delle pulsioni, se veramente non siamo bestie dovremmo decodificare nella giusta misura il tutto.

Tullio Antimo da Scruovolo

 

Con quell’aria un pò così…

deforestazione

Da alcuni decenni i maschi praticanti sono divenuti spettatori e fruitori, spesso loro malgrado, di un nuovo filone artistico, molto creativo, molto estroso, molto in voga, la depilazione intima delle donne, alcuni pubi sono delle vere e proprie installazioni che meriterebbero un posto al “Museum of Modern Art” di New York, altri in quello degli orrori. I “designer” del monte di Venere, i “monacoiffeur” , gli scultori del “velluto” più costoso al mondo, i “tosatori” del piacere ottico e tattile, gli ecologisti del “sorriso verticale”… competono tra loro con un impeto sconfinato nell’accanimento. Ma che mestiere è rovinare la fre… la fi… la to… la pe… ù sticc…???  Insomma… quella cosa che per pudore espressivo e sillogismo chiameremo “Amazzonia”.

Per meglio comprendere è d’uopo compiere un volo d’aquila sul trend progressivo della manipolazione del pelo “Amazzonico”, agli inizi il disboscamento riguardava esclusivamente l’area di accesso, poi la riduzione a ciuffetto sulla zona superiore, test propedeutico alla “strisciolina punto esclamativo”, infine… tabula rasa, totale, estrema, definitiva, irreversibile, deprimente. Superati i “40” la “Amazzonia” glabra è oggettivamente brutta, inquietante, soprattutto quando se ne è fatto un uso eccessivo, poiché al peggio non vi è limite, eccoci all’apoteosi dell’orrido, piercing e tatuaggi. Rilevanti anche le “sculture”, ali di farfalla, fungo atomico, iniziale del nome, segno zodiacale e via sforbiciando indefessi. Molto glamour la ”tinteggiatura”, verde pisello, giallo limone, rosso vermiglio, blù elettrico… che roba ragazzi, si raccomanda agli uomini particolarmente sensibili o tradizionalisti di copulare al buio evitando pratiche orali potenzialmente tossiche.

Quando da ragazzini, ancora verginelli, ci infrattavamo dietro un albero o in un portone per limonare con la ragazzetta… se riuscivamo a sfiorare qualche pelucco dopo aver scardinato le resistenze di jeans, collant e mutandazze da monaca… ci sentivamo conquistatori come Giulio Cesare in Gallia. Era il limite ultimo, l’obiettivo, la meta, arrivanti al pelo dovevamo fermarci, quello era il confine con la “do not touch zone”. Che dire poi delle vacanze al mare passate all’insegna dell’onanismo sfrenato provocato da quei pelazzi irti che, grintosi e stoici come Rambo, si ribellavano alla prigionia dei costumi esponendosi al sole e agli occhi indiscreti dei maschi sognatori e delle acide femmine criticone. In illo tempore l’estetica pilifera era un “fai da te” approssimativo, infatti  nei “tagliandi” settembrini ci si imbatteva in inguini pieni di brufoli post depilazione, non di rado effettuata col rasoio BIC del marito già abbondantemente usato.

Se la natura ha fatto la “Amazzonia” rigogliosa di vegetazione ci dovrà pur essere un perchè, discutibili le motivazioni della “trebbiatura”: “mi depilo totalmente per una questione di igiene”, “cioè??? usare l’acqua no???”, neanche fosse una moquette piena di acari, batteri e parassiti di ogni specie. Molto probabilmente trattasi di una mera questione di comodità e immagine, la discromia tra pelo e capelli a volte suscita imbarazzante ilarità, certo ora è più semplice dire: “sono una bionda/mora/rossa naturale”, aggiungiamoci anche che la “Amazzonia” incanutita è anagraficamente sincera, pur non esprimendo al meglio il concetto di “vintage”.

Volendo spendere una parola di accondiscendenza… la biancheria intima femminile ha raggiunto dimensioni Lillipuziane, è materialmente impossibile contenere la pelosità in francobolli chiamati tanga e bigliettini da visita chiamati perizoma, ancor meno indossando minigonne inguinali. Il business dell’estetica pressa, fomenta mode, crea necessità, niente più BIC usati, niente più brufoli, oggi ci si deforesta professionalmente  con sofisticati strumenti  tecnologici e prodotti all’avanguardia. Quella contro il pelo pubico è una vera e propria guerra all’arma bianca.

Non posso esimermi dall’innestare in questo post un capoverso di disappunto, i canoni dell’estetica e della bellezza sono dettati, vergati, prevalentemente da gay, lapalissiano il loro intento di mortificare gli stimoli che da sempre fanno leva sulla sessualità maschile. Se disegnassimo il prototipo di “donna ideale”, assemblando mode e tendenze, verrebbe fuori un mostro orripilante. Diffondere la convinzione, in particolar modo tra le nuove generazioni di donne, che la “Amazzonia” naturale sia indice di arretratezza tamarra è una subdola ritorsione nei confronti dell’universo etero.

I tempi cambiano, si abbattono muri, frontiere e tabù, purtroppo per i cultori, anche l’ultimo baluardo di quella femminilità che in qualche modo alimentava il fascino del mistero, della scoperta.

Una “Amazzonia” senza bosco è come un palcoscenico senza sipario.

Tullio Antimo da Scruovolo

Papà, ti presento Mutumbo…

mutumbo 3

Dialogo involontariamente captato in un ristorante: “sei razzista?”, “razzista io?, assolutamente no, sono per la tolleranza e per una società multietnica”, “se non ricordo male hai una figlia femmina”, “sì, studia all’università”, “come reagiresti se ti portasse a casa un fidanzato africano nero come la pece?”, lunghi secondi di silenzio e poi con isterica ironia… “cazzo ma perchè proprio a me dovrebbe capitare un genero negro? (testualmente)”!!!

Nel nostro bel Paese termini come tolleranza, uguaglianza, integrazione, multirazzialità, omosessualità e pluralismo delle religioni sono grandi valori, indici di civiltà e crescita, arricchimento culturale ed evoluzione sociale… a patto che non superino la soglia di casa e non creino scompiglio e angosce nella “normalità” domestica, non di rado sottoposta al giudizio di amici, parenti, colleghi e frequentazioni varie (il vecchio, caro, genuino provincialismo Italico). L’apertura mentale teorica, l’accettazione “conto terzi” della “diversità”, il nostro dire (facendo gli scongiuri con la mano in tasca): “hai un figlio gay? E allora?… siamo nel terzo millennio”, ci tengono acquartierati nelle nicchie del compatimento travestito da modernità.

Nell’ovile degli “Italian stallion”, del “sacro cuore di Gesù”, del “mogli e buoi dei paesi tuoi” e del “sì però, sai mica come ragionano questi…”, vestire i panni del “cittadino del mondo” diventa una farsa, più precisamente una farsa recitata sotto la regia del pensiero “politically correct”. Corrente innovativa che trova l’applicazione pratica nel “predicare bene e razzolare male”, l’aspetto più viscido lo si coglie nella incriminazione esasperata ed esasperante della “normalità”.

Di quali colpe si macchia un credente che NON festeggia la conversione di un figlio a religione diversa??? Di quali colpe si macchia un genitore che NON festeggia la scoperta di avere un figlio gay??? Di quali colpe si macchia un genitore che NON festeggia il cambio di razza nella progenie??? Perché tacciare di razzismo, xenofobia e omofobia colui che è ancorato ad un modo di vivere tramandato per secoli??? La presunta ottusità del conservatorismo chi la stabilisce???

Recentemente in un interessante scambio di vedute su un blog amico,  un commentatore mi ha chiesto cosa intendessi per “normalità”, ho risposto sintetizzando i valori della tradizione, dei costumi, degli usi, ovviamente senza condannare né giudicare chi decide di intraprendere strade diverse. La libertà individuale è sacra, così come lo è il diritto di condividere o meno le scelte di vita dei propri cari. In Italia una famiglia “normale” è costituita da un padre maschio, una madre femmina e da figli educati e cresciuti stando al passo coi tempi senza perdere di vista i valori radicati (è imbarazzante dover parlare di “padri maschi” e “madri femmine”).

Una società che guarda veramente al futuro non dovrebbe puntare alla creazione di una torre di babele eretta, abusivamente, tra le sterpaglie di sodoma e gomorra, la società ideale è quella in cui si ottimizzano le diversità all’interno di una convivenza basata sul rispetto reciproco. Un grande condominio dove ogni appartamento rappresenta una cultura diversa ma con aree comuni da condividere. Ben vengano eventuali “fusioni” ma si sfrattino con decisione i pregiudizi boomerang, chi non intende farlo non può essere messo alla gogna. Il cambio di “look mentale” è soggettivo, non una necessità oggettiva/collettiva.

E’ indice di civiltà ed evoluzione l’accettazione di un genero nero, purchè il genero nero sia genero di qualcun’altro, è indice di civiltà ed evoluzione l’accettazione di un figlio gay, purchè il figlio gay sia figlio di qualcun’altro, è indice di civiltà ed evoluzione la tolleranza nei confronti dei rom, purchè questi si accampino nei pressi di case altrui. Quali subdoli interessi si nascondono dietro il pensiero politicamente corretto? Cosa si cela dietro l’imposizione di un fariseismo rivisitato??? Chi ci guadagna in questo assalto alla “diligenza della normalità”??? Gli Italiani “normali” non sono ideologicamente razzisti né omofobi, perché qualcuno vuol farli diventare tali creando disagi, contrapposizioni e rivalità intellettuali dando vita a doppiopesismi e colpevolizzazioni di massa??? L’integrazione degli immigrati deve obbligatoriamente passare attraverso la denigrazione della identità culturale di chi li accoglie??? Siamo alla strumentalizzazione totale della “diversità”. Si vuole trasformare l’universo gay da minoranza discriminata (sbagliatissimo)  a casta privilegiata (altrettanto sbagliatissimo), quando il Papa ha detto: “chi sono io per giudicare…”, i gay hanno reagito con una certa freddezza perché si sono sentiti “normalizzati”.

Il giorno in cui si terranno i “CAMPIONATI MONDIALI DI IPOCRISIA”, il resto del mondo dovrà impegnarsi senza lesinare le benché minime energie per conquistare l’argento e il bronzo. La medaglia d’oro, a noi Italiani, non ce la toglierà NESSUNO. In questo Paese la stragrande maggioranza dei cittadini è costretta a vivere con due linee di pensiero contrastanti, politicamente corretti in pubblico e tradizionalisti nell’intimità, c’è un vantaggio, quando la speranza si muta in rassegnazione è meno dolorosa la resa.

In un futuro non troppo lontano saranno i “normali” a dover fare “coming out”, davanti alle telecamere confesseranno timidamente: “sono Italiano, eterosessuale, mangio, bevo, vesto e scopo SOLO Italiano, vi prego, abbiate pietà di me”.   

Tullio Antimo da Scruovolo

Chi ha paura delle donne???

post4

Tra i chiassosi baracconi delle giostre spopola una nuova attrazione, fantasioso restyling del “castello fantasma”, all’interno non ci sono più mostri, zombi, streghe orripilanti e vampiri assetati di sangue,  babau esodati per essere rimpiazzati da donne bellissime che ammiccano lascivamente in abiti succinti e lingerie da bordello. Proprio così, pare che niente terrorizzi gli uomini più delle donne “liberate”. Dopo la grande illusione della fase “A”: “è sempre la donna che sceglie”, si è passati al finto “vittimismo aggressivo” della fase “B”: “gli uomini hanno paura delle donne”. Mi sono sempre chiesto a quale mulino porti acqua un fiume che scorre in senso inverso, è sufficiente osservare con attenzione la questione per rendersi conto del caos cronologico che impera.

Innegabilmente per millenni gli uomini hanno guardato con circospezione alla sessualità femminile,  vissuta sempre come elemento potenzialmente destabilizzante da tenere sotto controllo, gestire, reprimere. Regole, codici e soluzioni anche estreme (basti pensare alla infibulazione e alla clausura coatta) hanno espresso un maschilismo puerilmente preventivo, voluto soprattutto dalle tre grandi religioni monoteiste. La verginità considerata dote primaria per maritarsi serviva, in teoria, a costringere una donna ad accoppiarsi con un solo uomo per tutta la vita, eliminando così deprimenti valutazioni comparative e alimentando il machismo da taverna. C’è poi la questione dell’onore, l’onorabilità di una famiglia era minata sia nel senso orizzontale che verticale, il fatto che l’utero estroverso di casa fosse mamma, sorella, moglie o figlia non faceva differenza alcuna, in questo si coglie una profonda contraddizione, se l’onore aveva tutta questa importanza perché lo si è convogliato in scrigni così fragili??? Padri, fratelli, mariti e figli erano responsabilizzati in egual misura, l’onore comportava l’onere di sorvegliare la “virtù”. Lo diceva anche Baudelaire: “maledetto sia quell’uomo che per primo ha mischiato le cose dell’amore con le cose dell’onore”. Non scordiamoci gli aspetti folcloristici vincolati ai costumi del territorio, ad alcune neospose madri e zie suggerivano di simulare l’orgasmo (una moglie “freddina” induceva il marito a cercare altrove gratificazioni alla propria virilità), ad altre consigliavano di reprimere l’orgasmo (una moglie eccessivamente “calda e vogliosa” creava gelosie e ossessioni). Le donne moderne hanno da tempo risolto questo rompicapo, con alcuni fingono, con altri si controllano e con altri ancora si liberano.

Ciò che ho scritto sono dati diffusi da sondaggi dichiarati attendibili, senza generalizzare, pare che moltissime donzelle tendano a contestualizzare il sesso alla relazione, viverlo in modi diversi.  Gli uomini, molti, soprattutto nei primi incontri, seguono stereotipi comportamentali mirando a una buona valutazione, le donne sono più attendiste e comunque ancorate a giustificazioni che vanno oltre i luoghi comuni. Una prestazione mediocre rende l’uomo mediocre, la prestazione mediocre di una donna è imputabile all’uomo in quanto incapace di trascinarla nel vortice dei sensi. Sì, certo, esistono donne “cougar” che amano prendere le redini in mano ma queste sono ancora numericamente insignificanti a livello statistico, comunque non spaventano affatto. Nella sostanza il sondaggio dice che una donna particolarmente attiva sul fronte scopereccio (marito, amante fisso e frequenti carpe diem), tenda a darsi in modi diversi, cosa che ritengo comprensibilissima. Elemento determinante è anche l’età ma qui entriamo nel territorio della chimica e delle rivalse personali e sociali.

Contrariamente a quando urlato dalle attiviste “fase B”… Non credo che i giovani leoni abbiano paura delle leonesse, fossero queste anche in carriera, realizzate, vincenti ed economicamente indipendenti, nemmeno penso che l’effetto domino, sessualmente parlando, prodotto da tali condizioni sia un problema, al contrario, per la maggior parte degli aspiranti mariti neofiti l’incubo più ricorrente è proprio quello di sposarsi una donna da mantenere. Quella di temere il gentil sesso è una diceria che nasce dal disagio di una generazione, forse due, comunque siamo alla terza se partiamo dalla genesi della “liberazione”. Oggi è venuta meno la necessità di continuare a investire su quella morale di comodo che ha caratterizzato le unioni del passato. Evoluzione che ha decretato il crollo del maschilismo di vecchia concezione, siamo in una fase certamente ancora un po’ confusa ma all’orizzonte si intravedono nuovi dettami. Oltre il molo ci attende la  rivalutazione della fiducia e quindi il conseguente crollo delle maschere e dei ruoli precostituiti, intendo quella fiducia liberatoria fondamentale per vivere appieno anche i piaceri complici delle pulsioni più intime, inconfessabili. Quando tutti vivranno la fedeltà come scelta e non come obbligo, quando uomini e donne capiranno che scoparsi tutto quello che passa davanti non è sinonimo di libertà né di appagamento, quando tutti vivranno il rispetto come chiave di lettura della vita e, me lo si lasci dire, quando le donne smetteranno di copiare gli aspetti più beceri degli uomini… Cesseranno diatribe, contrapposizioni, ostilità. “Un uomo che scopa tante donne è un vincente, una donna che la dà a tanti uomini è una puttana”, irritante codificazione dura a morire, non la si elimina trasformando le puttane in “vincenti” e nemmeno i vincenti in “puttani”.

Poco solida la teoria che vede nella determinazione sessuale delle donne la causa del proliferare dei gay, l’omosessualità è sempre esistita, esattamente come il piacere femminile, la “liberazione” dai due ghetti è stata quasi contemporanea. Tendenze omo e bollori del sesso “debole”, hanno convissuto per secoli reclusi nel braccio della vergogna. Gli Uomini non hanno paura delle donne, non più, ce l’avevano un tempo. Attendiamo con curiosità l’imminente arrivo della fase “C”,  probabilmente il prossimo slogan sarà: “per le donne la cosa più importante è l’amore”. Le leggende, metropolitane o bucoliche che si voglia, sono percorsi circolari, non portano da nessuna parte e il paesaggio è sempre lo stesso.

Tullio Antimo da Scruovolo