Fellatio matutina est bona medicina…

untitled

I soggetti estranei alle relazioni fedifraghe non si spiegano la caoticità del traffico alle prime luci dell’alba, sì certo, molti si recano sul posto di lavoro, altri accompagnano figliolanza a scuola, commissioni e incombenze di varia fatta. Un significativo contributo lo danno le coppie adultere, a quanto pare il tradimento perpetrato al sorgere del sole è molto gradito, per non dire ambito, non a caso gli hotel a ore che si trasformano in temporanee alcove iniziano ad affollarsi alla sette del mattino (giorni feriali, non c’è angelus e non si deve fare la pasta al forno), tuttavia non sempre trattasi esclusivamente di irrefrenabili fregole ma anche di logiche “logistiche”.

Inventarsi qualche scusa per sgattaiolare fuori casa tra brina e rugiada è sicuramente più facile che prodursi in poco credibili copioni mal recitati per giustificare imbarazzanti ritardi serali. Molti mariti hanno la carburazione post dormita lenta e spesso ammorbata da quello scazzo tipico di chi si appresta a vivere il nuovo giorno con lo stesso entusiasmo che aveva Robespierre mentre veniva portato al patibolo, status che agevola la cornificazione.

Tra le varie combinazioni clandestine possibili quella che meglio si presta a consumare sesso all’albeggiare è sicuramente la coppia “donna sposata/amante single”. Fugaci ma significative “colazioni” che danno il via al quotidiano sacrificio. Per lapalissiani motivi è lei che si reca da lui e questo riempie di fascino misterioso quello che io considero essere il più “artistico” degli incontri scavati nella monotonia e nella metonimia dell’esistenza.

Per capire cosa spinga una donna a levatacce da militare sotto addestramento per andare ad elargire un pugno di “caldi” minuti all’amante è d’uopo addentrarsi nei meandri della “pink psyco”. Meccanismi che sviluppano spinte motivazionali superiori al semplice coinvolgimento sentimentale o passionale, forse bisognerebbe parlare addirittura di “idolatria pagana” dove l’essere feticcio e adepto si alternano in nebbie che non consentono differenzazioni nitide

Scetarsi al virtual cantar del gallo, deambulare in cucina con gli occhi cisposi per ingozzarsi di caffè, fare toeletta, truccarsi e poi vestirsi al buio con il russare del marito che fa da colonna sonora… è un rito compiuto in una trance ipnagogica che crea incensi mistici. Il godimento rubato che combatte contro l’inesorabile scorrere delle lancette si identifica, prevalentemente, in un rapporto orale. L’immagine di una donna inginocchiata che pratica la fellatio a un uomo in piedi rievoca il sacramento dell’eucarestia, l’accettazione incondizionata di un momentaneo dominio voluto e cercato con adorazione. E’ proprio questo “voluto e cercato con adorazione” che induce a interpretazioni articolate.

Quando si ha poco tempo prima di recarsi in ufficio è impensabile, impossibile prodursi in” rate” performanti, la fellatio è l’ottimizzazione, sbagliato parlare di egoismo maschilista, così fosse praticarla sarebbe un dovere, un obbligo, non un piacere. Dopo aver realizzato “Deep Throat” il regista Gerard Damiano disse che Linda Lovelace aveva il punto “G” nella gola, in effetti nella scena plot non pare affatto recitare, la sua “partecipazione” estasiò tutta la troupe, quel film detiene ancora oggi, a distanza di oltre 40anni, il record “minimo costo massima resa”, costò circa 20.000 dollari è incassò miliardi. Probabilmente spiegò al mondo un concetto diverso di fellatio, fino ad allora vissuta come un contentino o un escamotage per mantenere la verginità prematrimoniale.

Sono in diversi a ritenere che in una coppia sado-maso il vero Padrone sia lo slave, in quanto “fulcro” che si concede stabilendo modi e limiti, lo stesso dicasi per la fellatio, un rapporto unilaterale solo in apparenza che attraverso una apparente sottomissione “generosa” schiavizza e annichilisce di fatto l’uomo nel fisico e nello spirito, arpionandolo così a una barca alla deriva nella tempesta della perdizione segmentata.

Il concetto di “fellatio matutina est bona medicina”, assimilabile al proverbio “chi ben comincia è a metà dell’opera” è, oggettivamente, il migliore dei risvegli.

Cari mariti, se avete una moglie che si alza al mattino presto e si tappa come la notte di capodanno per andare ad accompagnare alla stazione una sua amica, oppure si mette le autoreggenti con i tacchi a spillo per andare a fare delle analisi… rileggetevi questo post, può essere che il vostro rapporto sia diventato agàpe.

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci