Il promettitore seriale e la bella addormentata nei Boschi…

blog

Descrivere Matteo Renzi (anagramma “mento a terzi”) con una metafora calzante è cimento di lieve portata: “un belloccio mini dotato affetto da eiaculatio precox uso spacciarsi per instancabile e superdotato Italian Stallion”. Altrettanto semplice è farlo con la ministra Maria Elena (l’onomastica è una scienza che non perdona, il nome più sacro al mondo accoppiato a quello Omericamente più diabolico e devastante): “un ibrido tra la bella addormentata nei Boschi e la strega cattiva”. Il Bel Paese da quasi un lustro è diventato latrina da stazione presidiata da cazzari in overdose di boria e spocchia che pretendono l’obolo senza pulire le mattonelle né rimuovere la merda.

ESISTONO DUE “ITALIE”:

QUELLA PARADISIACA, bellissima, descritta da un Premier autocratico abusivo e illegittimo, una sorta di Eden… ripresa economica, tasse abbassate, riforme epocali, occupazione in crescita, una sanità che tutti ci invidiano, sicurezza da sonni tranquilli, istruzione all’avanguardia. Montagne di maccheroni, carne e fiumi di Barolo, pensionati che gongolano, esodati che ballano il samba e operai con le diottrie in calo, finalmente hanno ottenuto 80euro in più, validissimo motivo per masturbarsi ad libitum.

QUELLA REALE dei freddi e implacabili numeri quotidianamente divulgati… il debito pubblico è aumentato, la disoccupazione non cala, il prodotto industriale a marzo è sceso del 3,6%, le tasse sono aumentate fino a sfondare ogni record, i servizi sono diminuiti, esistono ancora 25.000 esodati alla fame, la povertà è diventata endemica. L’evasione fiscale viaggia sulla corsia preferenziale, i consumi calano sbattendoci periodicamente in deflazione, si continua a tagliare in modo lineare su sanità, istruzione e sicurezza, perpetuo è il flagellare pensionati e ceto medio/basso senza intaccare minimamente le caste privilegiate. I suicidi per motivi economici hanno raggiunto l’allucinante cifra di 628 unità ai quali vanno aggiunti circa 350 tentativi, per fortuna non riusciti. Ogni giorno chiudono o falliscono centinaia di attività commerciali e aziende. La pressione fiscale continua a incentivare la delocalizzazione, Agenzia delle Entrate ed Equitalia perseverano nel far cassa con metodologie poco ortodosse al limite della estorsione (Striscia docet), le problematiche del territorio vengono sistematicamente ignorate. Sul problema immigrazione l’Europa continua a uccellarci, abbiamo pagato la nostra quota alla Turchia per favorire la Germania e fare harakiri, chiudendo la rotta balcanica tocca a noi assorbire in toto il flusso. Nella sostanza, in quasi cinque anni di lacrime e sangue e un succedersi di regimi antidemocratici (Monti/Letta/Renzi) imposti dai poteri internazionali con la complicità di Napolitano, non è migliorato niente, anzi, è peggiorato tanto, tutto, si è arrivati addirittura a rapinare i risparmiatori con il decreto “salva banche”… già… ce lo ha imposto l’Europa.

PACCO, DOPPIO PACCO E CONTROPACCOTTO…

LE UNIONI CIVILI… in questa nuova, storica, improcrastinabile conquista sociale (?), qualcuno ha pensato bene di infilare tra le righe un subdolo emendamento che sconcerta: “la fedeltà non è obbligatoria”, ciò significa che nelle coppie non sposate (etero e/o omo che siano) non sono applicabili né rivendicabili tutti i diritti derivanti da un eventuale tradimento. Si è zompata a piè pari quella che statisticamente è la causa primaria della rottura delle relazioni, complimenti per la Mandrakata.

LA SCUOLA… il governo si vanta di aver assunto un esercito di nuovi insegnanti, ennesima “Renzianata” clamorosa, trattasi semplicemente di precari stabilizzati, stabilizzati ma costretti ad accettare due condizioni capestro, trasferimenti ad minchiam e l’annullamento degli anni preruolo ai fini carrieristici. A conti fatti il governo, anziché investire sulla scuola, con questa riforma ci ha speculato. Le faine urlano l’invidia!!!

L’OMICIDIO STRADALE… nei giorni scorsi un automobilista ubriaco e drogato ha investito e ucciso un pedone, le forze dell’ordine lo hanno arrestato ma è stato scarcerato immediatamente perché incensurato. Che succederà se questo balordo reitererà il reato? Il magistrato ha dichiarato di aver applicato la legge, certo subirà un processo ma tutto lascia presupporre una lieve condanna con la condizionale, in pratica nessuna galera, esattamente come prima, è stata emanata l’ennesima legge farlocca.

LA CONSULTA… la Corte Costituzionale, mica cotica, ha piazzato sulle spalle del governo Renzi due macigni molto pesanti, SONO ANTICOSTITUZIONALI il blocco degli stipendi degli Statali (sentenza anomala perché contempla l’azzeramento di sette anni di arretrati) e delle pensioni. Il governo ringrazia per il sostanzioso sconto ma per quanto concerne le pensioni si mette a blaterare di “bonus”, PAZZESCO. Come dire: ti devo 10mila euro? Ti faccio il favore di regalartene 500, vedi di ringraziarmi. Non si può parlare di Democrazia e Stato di Diritto quando un esecutivo si concede il lusso di usare come carta igienica le sentenze della massima Istituzione garantista.

IL JOBS ACT… gran cazzata… dati INPS UFFICIALI, nel 2015 i contratti a tempo indeterminato sono aumentati, rispetto al 2014, di sole 170.000 unità (bilanciamento), le millantate assunzioni (400.000) proclamate dal governo Renzi, si sono rivelate essere una bufala clamorosa. 100.000 contratti fasulli e circa 65.000 stipulati con non aventi diritto. In pratica questo provvedimento agevola l’evasione fiscale e non garantisce nulla, a fine percorso detassabile ogni imprenditore ha facoltà di licenziare.

LA COMUNICAZIONE… ho la sensazione che tutti i Renziani, dai ministri agli amministratori locali, passando per deputati e senatori, frequentino periodicamente seminari indottrinanti sulla “comunicazione aggressiva”, stessa arroganza, stessa prosopopea, stessa spocchia, stessa tecnica. Quando vengono colti in fallo sull’operato governativo, invece di argomentare ribattono: “Berlusconi ha fatto di peggio, questa legge è stata votata anche dal centrodestra, la Lega quando era al governo…” e via dicendo. La cosa più risibile e contemporaneamente più irritante è la questione immigrati, in vari talk ho sentito Renziani accusare Berlusca di aver sottoscritto il trattato di Dublino. E’ vero ma questa è una affermazione strumentale per due motivi: 1) quando si stipulò il suddetto accordo erano inimmaginabili eventi come la primavera araba, l’uccisione di Gheddafi, la destabilizzante guerra in Siria e l’Isis, situazioni che hanno prodotto e producono esodi biblici; 2) nel 2013, in piena emergenza profughi e sbarchi, il governo Letta non esitò a confermare il Dublino III senza rivendicare nessuna modifica. Siamo al bue che chiama cornuto l’asino.

LA RIFORMA MADRE… la riforma Renziana della Costituzione è un pastrocchio senza senso che ha una sola finalità, dare totali poteri al partito di maggioranza relativa (la belinata dell’annullamento del Senato fa ridere i polli, il Senato lo si annulla mandando tutti a casa e trasformandolo in museo della politica per turisti che anelano stare al fresco d’estate e al caldo d’inverno). Il partito che acchiappa più voti, a prescindere dalla percentuale, diventa il Padrone assoluto della situazione, acquisisce per diritto il 55% e fa e disfa a proprio piacimento trasformando l’opposizione, a colpi di fiducia, in mero elemento decorativo.

IL REFERENDUM… Renzi è un furbacchione, ha aperto una campagna referendaria lunghissima, un tempo tecnico che gli permette di spianarsi la strada verso il “SI’”, in RAI è già iniziata l’epurazione dei giornalisti non allineati (ai tempi di Mister “B” loro stessi parlavano di “editto Bulgaro”). Ha trasformato una consultazione popolare in un duello politico all’ultimo sangue paventando catastrofiche derive in caso di sconfitta. Parlando sempre di referendum, dobbiamo riconosce all’accoppiata “R & N” il merito di aver scritto una pagina storica. In 70anni di Repubblica… MAI e poi MAI siamo stati esortati da un Premier e da un Presidente emerito (Napolitano) a disertare le urna, il motto: “votare è un diritto ma anche un dovere” è stato buttato nel cesso, con quale faccia da culo ce lo riproporranno a gran voce???

LE STRATEGIE DELLA SIGNORA MERKEL… Fraulein Angela (AD continentale della cupola finanziaria mondiale) ha imposto all’Europa il quarto reich, il peggiore, quello economico spalmato su decenni di fame e povertà, invero il suo obiettivo era ed è quello di “colonizzare” l’Italia, uno dei Paesi potenzialmente più ricchi ma anche più poveri di patriottismo. Ormai è noto, è stata lei a ordire il complotto, complici Sarkò e Napolitano, per defenestrare Berlusconi (questo lo ha dichiarato e scritto un braccio destro di Barak Obama) nella primavera/estate del 2011, è altrettanto acclarato, documenti alla mano (vedi procura di Trani), che nello stesso periodo la Deutsche Bank abbia sparato sul mercato circa OTTOMILIARDI di titoli Italiani per impennare lo spread. Sempre in quel mentre, come ha documentato Alan Friedman, “personcine a modo” che rispondono al nome di Romano Prodi e Mario Monti, ronzavano in quel del Quirinale, che strane coincidenze. Cerchiamo di capirci… La Merkel tira fuori oltre 250MILIARDI di euro per riassettare le banche tedesche, subito dopo impone agli Stati membri di non dare fondi Statali alle banche in crisi, Etruria & C. sono la conseguenza di questa imposizione. Sempre la Merkel, si inventa e impone l’embargo contro Putin per la questione Ucraina (Paese NON comunitario), provate a indovinare quale è lo Stato che più ci ha rimesso e ci rimette… l’Italia, circa 4MILIARDI di euro persi ogni anno, anche per questo siamo il Paese Europeo con la minore, anzi, insignificante crescita (sia chiaro che la Germania continua allegramente, attraverso Stati ponte, a esportare in Russia il suo prodotto di punta, le automobili, i Russi benestanti e ricchi non hanno problemi ad acquistare Mercedes, BMW, Porsche e Audi). Altro indovinello… qual è lo Stato Europeo che spinge a tutta forza per realizzare il famigerato TTIP? La Germania, qual è lo Stato Europeo che sarà maggiormente danneggiato da questo scellerato trattato? L’Italia, meditate gente, meditate.

LA GRANDE IPOCRISIA… esiste un glossario forzato, imposto, tremendamente ipocrita. Rom e sinti tra loro si chiamano “zingari” ma guai a definirli tali, i neri tra loro si chiamano “negri” ma guai a definirli tali, i gay tra loro si chiamano “froci” ma guai a definirli tali, noi siamo obbligati a far nostro un grottesco linguaggio “politically correct”. E’ una vera anomalia quella prodotta da tale scuola di pensiero, ovviamente “sinistra” e fintamente progressista, il festival del doppiopesismo. dunque… una parlamentare di centrodestra con l’utero estroverso è una mignotta, una parlamentare di centrosinistra con l’utero estroverso è una donna che si “autodetermina”, se Berlusconi organizza cene con le olgettine scoppia uno scandalo immenso, si allestiscono processi mediatici e giudiziari, tre manifestazioni femministe all’insegna del “se non ora quando?”. Se Marrazzo, governatore della regione Lazio (scusate se è poco) si infila in un merdaio fatto di travestiti, cocaina, morti ammazzati e carabinieri corrotti… viene subito prosciolto e reintegrato in RAI. Ci sono voluti 110 indagati del PD per far pronunciare a Renzi le due paroline magiche: “questione morale”, fa veramente sbellicare dalle risate sentire i “sinistri” parlare di “garantismo”. Ma come??? Per venti anni sono stati forcaioli e giustizialisti e adesso che l’acqua tocca il loro culo sono diventati garantisti??? Quelli di destra che si avvicinano alle realtà territoriali sono “populisti”, i fancazzisti scrocconi, senza né arte né parte, che vivono nei salotti bene facendo i “bulicci” col culo degli altri ” sono definiti “intellettuali”. Se Gasparri spara una cazzata è un coglione, se la spara Cacciari è un filosofo illuminato (forse avrebbe fatto meglio a illuminarsi come sindaco, visti i disastri da lui prodotti a Venezia). Quelli di centrodestra hanno sempre torto, quelli di centrosinistra hanno sempre ragione, c’è poi la questione “cultura”… ma chi l’ha detto che la cultura sia monopolio della sinistra??? La sinistra si è appropriata della scuola da oltre mezzo secolo ma da qui a dire che sia depositaria della cultura (l’intellighenzia) ce ne passa, i risultati parlano chiaro…!!!

LA RIESUMAZIONE… come dicono a Napoli: “scavare i morti porta disgrazia“, è veramente squallido tirare in ballo Enrico Berlinguer, Pietro Ingrao e Nilde Jotti, pezzi da “90” della sinistra storica. Non ho mai amato questi esimi politici ma li ho sempre rispettati, più di quanto facciano gli attuali rappresentanti del PD. La caratura dei morti “importanti” non può e non deve essere meschinamente strumentalizzata, comunque, fossero in vita, voterebbero sicuramente “NO”, per principio.

DOMANDA STORICA… in un Paese con una disoccupazione angosciante, 230mila esodati, 10milioni di poveri, una marea di pensionati alla fame che raccolgono frutta e verdura nella immondizia dei mercati… che fa il governo Renzi? Regala 80euro al mese a chi ha già un lavoro sicuro remunerato fino a 1.500 euro mensili, siamo nell’assurdo cosmico. Renzi ha di fronte due persone, una che mangia regolarmente e un’altra che digiuna da una settimana, chi invita a cena? Quella che mangia regolarmente, roba da Tafazzi.

CONCLUSIONE BUCOLICA, CONTADINO… SCARPE GROSSE E CERVELLO FINO… non fidatevi di chi dice “stai sereno” e dopo una settimana vi fotte, non fidatevi di chi vi depreda per salvare le banche, non fidatevi di chi spara promesse a mitraglia senza mantenerle, se non siete gay non fidatevi di chi vi sodomizza dichiarando di averlo fatto per il vostro bene. Non fidatevi di una riforma che piace agli industriali e ai capitalisti, non fidatevi di campagne mediatiche studiate ad hoc per gabbare i cittadini, non fidatevi di questi cacciaballe che imbiancano le fogne per farle apparire come preziosi monumenti. Non fidatevi di tutto ciò che nega la democrazia, non fidatevi di chi svende la sovranità popolare. Non facciamoci mettere i piedi in testa, abbiamo un patrimonio enogastronomico unico al mondo, circa 8.000 km di costa, abbiamo montagne, appennini e campagne uniche, eccellenze tecnologiche, sul piano ingegneristico e architettonico siamo i primi al mondo, custodiamo il 40% del patrimonio artistico/storico mondiale, il made in Italy è un lusso planetario… potremmo fare, solo lo volessimo, il 30% del PIL col turismo e la valorizzazione dei nostri prodotti, potremmo essere lo Stato più ricco del mondo, domandatevi perché nonostante tutto ciò siamo tra i più poveri. Ce lo chiede l’Europa??? ma vaffanculo.

Hanno costruito un muro tra il nostro tempo e la posterità, si sono venduti il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti, vogliono staccarli da noi per meglio schiavizzarli.

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

135 thoughts on “Il promettitore seriale e la bella addormentata nei Boschi…

  1. Cosa vuoi che aggiunga Tads ..sto cercando di rendere auto sufficiente la mia casa in campagna ..mi ci chiuderò dentro come un eremita nella grotta altrimenti andrò vivere all estero con mia figlia..questo paese è’ senza speranza alcuna.

    • carissima Ariel,
      tocchi un tasto dolente, sto ripristinando la mia tenuta in campagna… belle arti, alose e mattoni numerati, il forno del pane non può essere spostato di cinque centimetri, i coppi devono essere certificati, il recinto non può superare i 2,70, devo dichiarare che la parte frontale la uso come magazzino o garage. Una parte è dichiarata “servitù” dall’ottocento, cogli il termine “servitù”. La burocrazia esige gabelle e imposte sulla “servitù”, guarda, quasi mi vendo pure la barca e vado a fare l’eremita.

      • So che facile il pensiero corre alla piaggeria ..ma io ti capisco benissimo.la mia casa non è’ così antica ma ogni volta che ci metto mano mi viene un senso di rabbia e Frustazione che tu conosci.non è’ un caso che la barca la affitto insieme ad uno skipper simpatico così alla fine del viaggio lascio in porto ogni problema o spesa …pulizie comprese!!😜😜😜😂😂😂😂

        • cara Ariel,
          la piaggeria poco si addice al mio carattere 😀 , sono semplicemente incazzato e stufo di combattere con una macchina burocratica farraginosa e spesso incomprensibile. In questo Paese vi sono enti et similia che spaccano le palle solo per giustificare la loro esistenza e il loro costo.

  2. Rimango basita dal tuo articolo, soprattutto dopo essermi prematuramente informata su quali siano i pro e i contro della riforma costituzionale. D’accordo con tutto ciò che scrivi e conscia che io il futuro non c’è l’ho, ti pongo qualche domanda…. se dovesse passare il no nella prossima votazione, Renzi andrà davvero via o magari inventerà qualche altra scusa per rima ere fino al 2018? Seconda. Ma la coloa è davvero del governo o della massa di ignoranti che il mese scorso ha preferito girare in centro anziché dimostrare che ha un pizzico di sale in zucca e che il voto sa usarlo? Qualsiasi sia la risposta ci sono molte cose che ci facciamo scivolare come l’olio addosso: 1) la rottamazione… ma de che? Se quando ci fu la finale di tennis Renzi pensò bene di andarci con moglie al seguito usando il volo di stato e spendendo in tutto 150 mila euro. E ricordate quando, appena eletto, andò a Cortina in vacanza usando sempre il volo di Stato…. insomma, abbiamo avuto tutto sotto il naso e ancora ci ostiniamo a battere le mani convinti che con ciò ci riserviamo un posto di lavoro e un tornaconto a fine mese….

    • bel commento,
      sei una ragazza intelligente, hai risposto da sola alle tue domande, io mi limito a dirti che i governi abusivi e illegittimi non sono certo dalla parte del popolo. Vedi nipotina cara, alla cupola che deve fare cassa non gliene frega un cazzo dei tuoi problemi… sei laureata in giurisprudenza?… bene… vai a lavare i cessi delle birrerie, sei fica??? ok, servi al banco con la maglietta scollata che fai clientela, se qualcuno ti tocca il culo fai finta di niente… in fondo ti do 400euro al mese.

      ci siamo capiti adorata nipotina?

      è uno squallido merdai cazzo, ribelliamoci

      • Winston Churchill disse: È stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle forme che si sono sperimentate fino ad ora”. Proprio giovedì alla radio si menzionò di un giornalista del New York Times che propose di conseguire il diritto di voto solo mediante un esame (ovviamente dopo il raggiungimento della maggiore età) che prevedesse la conoscenza dei principi base degli Stati Uniti: storia – leggi – cultura – rivoluzioni… insomma tutte quelle domande che solitamente vengono poste per ottenere la cittadinanza statunitense. Non aveva tutti i torti e se fosse introdotto qui in Italia si eviterebbero molti favoritismi e la gente voterebbe con coscienza. Conta che dare il voto ad un 18 enne significa offrirgli la sua prima volta come se andasse a puttane, e io mi ci metto per prima, perchè votare la prima volta dà un senso di emancipazione e a prescindere di chi o cosa stai votando, l’importante è avere il timbro sulla tessera elettorale. E tu stesso hai detto che l’istruzione italiana è fra le peggiori…. Quando ad aprile ci sono state le votazioni, a sera tarda seguii lo scrutinio in diretta su La7, con annesso discorso di Renzi che, ad un certo punto, disse: “Un ragazzo di 18 anni compiuti mi ha scritto chiedendomi se dovesse andare a votare o meno, visto che la prima volta.” riportando quello che ricordo del suo discorso: “gli ho consigliato DI NON VOTARE”. Ti giuro che la rabbia mi ribolliva nel sangue….

        Con tutto sto discorso non voglio dimostrare di essere intelligente, ma semplicemente che in Italia esistono persone che sanno prendere le distanze dalla massa. Che vinca o meno Renzi ad ottobre, poco importa. Verrà qualcun altro che si farà le leggi ad hoc, oppure ci sarà qualche persona che farà precipitare nuovamente quel poco che si è costruito dopo la crisi economica (che ancora non è passata): Andare a votare è espressione della propria libertà e all’indomani di sanguinose guerre mi sembra sciocco buttare al cesso un diritto così meraviglioso… Esami di idoneità al voto permettendo.

        • gli Inglesi e la democrazia sono una strana accoppiata, hanno colonizzato, sottomesso e sfruttato mezzo mondo, Hong Kong l’hanno mollata solo nel 1997.

          la democrazia è un concetto aleatorio, la tua libertà finisce dove inizia la mia e sul fronte politico vige la legge della maggioranza, in ogni caso, anche la legge migliore, quella più saggia e mirata, finisce inevitabilmente per scontentare qualcuno.

          non sono d’accordo sul selezionare gli elettori, si creerebbe una nuova casta, penso piuttosto sia il caso di elaborare una legge elettorale migliore e di attivare una democrazia popolare (modello Svizzero), quella rappresentativa non ha più senso visto che i candidati sono imposti dai partiti.

          • La frase di Churcill non voleva essere un riferimento alla storia inglese, quanto piuttosto la dimostrazione che una forma di potere così ibrida ed equa si sia trasformata nella peggiore forma di governo avuta negli ultimi cento anni. Insomma. Se prima era uno solo che mangiava, oggi un esercito di fanta politici sbandierano diritti e proposte solo per migliorare la loro posizione sociale o, tutt’al più, farsi delle leggi ad hoc che gli consentano di salvarsi la pelle. Inoltre l’esterofilia che ci caratterizza sta facendo si che la democrazia diventi un affare. Ospitare immigrati per trarre guadagno….. Forse è meglio l’Inghilterra, dove almeno mangia solo una famiglia e il nuovo sindaco è pure Pakistano!

            • carissima Aida,
              in Inghilterra ci sono i Reali ma anche un parlamento con tanto di deputati coinvolti in uno scandalo “magna-magna” (pochi anni fa). I ladri rubano sempre, a prescindere dal contesto, monarchia, repubblica o dittatura che sia, non solo, non vi è mai uno solo a rubare, anche i regimi più feroci sono sempre composti da un leader e da un esercito di sottoposti che devono mangiare per non tradire.

              in Italia ogni settimana scoppia uno scandalo ma in galera non vi sono politici a scontare pene per corruzione, gli unici dietro le sbarre sono quelli condannati per associazione mafiosa o concorso esterno

              la democrazia ha grossi limiti ma se applicata secondo le regole è pur sempre espressione di libertà. I governi che massacrano i cittadini sono sempre quelli NON eletti perché non hanno un elettorato di riferimento a cui rendere conto. Io penso la cosa migliore sia avere due partiti, come negli USA, in UK e altri Paesi, chi vince governa e chi perde sta all’opposizione, il fatto è che le cose più semplici e pulite, trasparenti, non consentono ruberie

  3. Ah, io sono andata a votare ad aprile, spinta dalla frase che Renzi e Napolitano dissero in merito. Non mi sembrava giusto seguire la massa è ci sono andata, nonostante reputassi inutile il gesto. L’ho fatto anche per dimostrare a molti che ho un cervello e che sono autonoma di pensare ciò che voglio, senza l’influenza esterna.

  4. Tads eccoti, e’ sempre un piacere leggerti, per quanto riguarda quei due figuri nella foto anch’io come Silvia ho il voltastomaco, non se ne puo’ piu’, quindi anche se hai dei buoni avvocati meglio che vado a dormire, 😀 bacioni e buona domenica, 🙂

  5. In realtà se un governo ha la fiducia delle Camere non può essere definito illegittimo (art. 94 cost.).
    Per il resto io disprezzo il ripugnante toscano come e più di te e preferisco il Barbaresco 🍷

    • infatti, questo governo è illegittimo perché fiduciato da un Parlamento che la Consulta ha definito e sentenziato: “eletto con una legge elettorale incostituzionale”

  6. Approvo e sottoscrivo la tua analisi, Tads. E sostengo con forza quel tuo urlo finale: non fidatevi! Una sola domanda, visto che qualcuno deve pur governare questo disgraziato paese: c’è qualcuno in questo momento di cui possiamo fidarci? Ciao

    • ciao Remigio,
      io mi limito semplicemente a fare riflessioni analitiche sui dati ufficiali che contrastano nettamente con il Paese descritto dal governo, non ho l’arroganza di prescrivere ricette o suggerire soluzioni. Comunque cerco di dare una risposta alla tua domanda. Penso che il problema non sia individuare la persona giusta, è il sistema politico ad essere inquinato, infettato, contaminato, chiunque arrivi alla plancia di comando, anche il più onesto armato di nobili intenti, finisce fagocitato e sommerso dal suddetto sistema. La vedo dura.

  7. Il problema è che da diversi decenni ormai si tenta – riuscendoci – di lobotomizzare il popolo italiano, che come una mucca di fronte al treno che passa resta imbambolata dal politico di turno.
    C’è una fetta di popolazione che ha votato ciecamente Silvio per anni (e straordinariamente c’è chi lo fa ancora), quindi non mi meraviglio affatto che ci siano quelli che vedono Matteo come il nuovo Messia.

    • sono d’accordo con te ma aldilà del popolo bue in questo Paese pare sia in vigore la democrazia, piaccia o meno, quindi, in linea di principio, sempre meglio un Silvio eletto dal popolo che un trittico Monti/Letta/Renzi imposto da poteri stranieri con forti complicità interne. Insomma, se proprio dobbiamo metterci a 90°… ci si dia almeno la possibilità di scegliere.

  8. come al solito oltre all’articolo mi sono letto anche tutti i commenti… ad un certo punto ad un bellissimo commento di Aida tu hai scritto “ribelliamoci”…
    ma come?? nel concreto cosa possiamo fare?!?!?

    io ci penso costantemente, tanto da consumare molte energie per contenere gli istinti di “violenza” fisica e verbale che sento sorgere, sforzi che adopero per cercare di contrastare ciò che ritengo, a mio personalissimo metodo di visione “stupido”.. cioè sfogare con forme di violenza la mia frustrazione… e allora mi concentro a pensare al futuro dei miei figli e a dedicare gli sforzi per stimolarne la voglia di capire/conoscere, l’incuriosirsi del mondo che ci circonda dove la curiosità ha fini costruttivi…

    ho passato diverse ore e forse giorni a pensare al concreto, alla concreta opposizione che si possa fare verso questo meccanismo…

    perchè possiamo fossilizarci su Berlusconi, su Renzi, sulla Boschi o su chi vogliamo, ma loro sono solo parte di un sistema ramificato che può solamente esser accettato o distrutto… non vedo altre vie, se non quelle che riportino realmente all’utilizzo stupido forse disperato di forme di violenza…

    la vera disperazione potrebbe far compiere al popolo qualcosa che possa veramente cambiare le cose… forse, forse ci siamo vicini ma non siamo ancora in quelle condizioni… quelli che ci arrivano prima di altri spesso fanno scelte “stupide” e si auto eliminano da soli, per buona pace di quelli che restano e che lasciano al tempo la soluzione dei loro problemi…

    D’impeto mi verrebbe da chiedere al genio della lampada di distruggere l’economia mondiale… il disegno sociale che scandisce più del tempo le nostre vite… ma se torniamo sul concreto, cosa possiamo fare oltre che sperare che i nostri figli se ne vadano da questo paese, magari con l’orgoglio di chi è conscio di esser nato in un territorio straordinario, concittadino di menti fantastiche, che però si è ammalato terribilmente?!?!?

    e pensando a noi, forse faremo in tempo per schifarci ancora ma nonostante questo vivere in maniera ancora degna o sopportabile, e farci in endovena delle possibili soddisfazioni derivate dalla nostra missione di genitori…

    Nonostante tutto questo, non molleremo mai, sempre alla ricerca di stimoli e soluzioni, quantomeno perchè si sappia che avremmo sempre la forza di guardare in faccia le persone, noi, chiunque esse siano…

    • ciao Erik,
      certamente vi sono momenti di incazzatura in cui la voglia di scendere in piazza coi forconi è veramente tanta, tuttavia non penso sia la soluzione, se la storia non mente… od ogni rivoluzione è seguita una dittatura che ha solo peggiorato le cose.

      In questi giorni il popolo Francese sta reagendo con veemenza contro il jobs act, probabilmente la loro protesta otterrà qualcosa, noi il nostro jobs act ce lo siamo preso senza colpo ferire, blande e irrilevanti manifestazioni a parte.

      L’economia mondiale, la globalizzazione e la manipolazione finanziaria capace di destabilizzare governi sono realtà inarrestabili, presto ci piazzeranno in testa il TTIP, la mazzata finale. La violenza serve a poco quando si hanno governati totalmente asserviti a queste logiche, credo comunque che ci arriveremo e la cosa mi preoccupa. Per fermare la Le Pen si sono coalizzate tutte le forze politiche Francesi, l’estrema destra Austriaca è stata battuta da una esigua manciata di voti, il sentimento antieuropeista è in forte crescita. Anche molti cittadini USA sono contrari a certi sistemi, il successo di Trump la dice lunga, magari non vincerà ma è comunque un forte segnale. Vedremo cosa accadrà in Inghilterra a fine mese. Sta di fatto che l’occidente inizia a reagire, forse siamo alla vigilia di un nuovo ’68 ma con colori e ideali diversi.

        • una cosa è certa, se i governanti Europei continuano a stringere la cinghia dei diritti, a creare povertà e perseverano nell’applicare i restrittivi criteri dettati dai tedeschi… prima o poi il popolo reagisce, a tutto vi è un limite.

  9. La mia risposta e commento é tutta in questo link qui:

    Tutto il resto dell’editoriale non conta, se si crede DAVVERO che questo governo è ILLEGITTIMO, allora lo sono TUTTI dal 1946.

    Il resto senza offesa alcuna è una sagra di pressapochismo e luoghi comuni

    • in questo blog si postano opinioni non link raccattati in rete

      nessuna offesa, se consideri pressapochismo, luoghi comuni e altro dati inconfutabili… il problema non è mio

      è una metonimia, ogni volta che si affrontano le questioni politiche sotto il faro della realtà si è sempre etichettati in modo di comodo

      dei tecnicismi e degli arzigogoli da sorci da sottoscala me ne frego, gli ultimi tre governi sono abusivi e illegittimi perché non eletti dal popolo e fiduciati da un parlamento eletto con una legge elettorale anticostituzionale, lo ha detto la Consulta. Comunque lo sono anche moralmente, a dirla tutta.

      • Veramente nel dettaglio la Corte costituzionale ha stabilito che “È evidente, infine, che la decisione che si assume, di annullamento delle norme censurate, avendo modificato in parte qua la normativa che disciplina le elezioni per la Camera e per il Senato, produrrà i suoi effetti esclusivamente in occasione di una nuova consultazione elettorale, consultazione che si dovrà effettuare o secondo le regole contenute nella normativa che resta in vigore a seguito della presente decisione, ovvero secondo la nuova normativa elettorale eventualmente adottata dalle Camere.
        Essa, pertanto, non tocca in alcun modo gli atti posti in essere in conseguenza di quanto stabilito durante il vigore delle norme annullate, compresi gli esiti delle elezioni svoltesi e gli atti adottati dal Parlamento eletto. Vale appena ricordare che il principio secondo il quale gli effetti delle sentenze di accoglimento di questa Corte, alla stregua dell’art. 136 Cost. e dell’art. 30 della legge n. 87 del 1953, risalgono fino al momento di entrata in vigore della norma annullata, principio «che suole essere enunciato con il ricorso alla formula della c.d. “retroattività” di dette sentenze, vale però soltanto per i rapporti tuttora pendenti, con conseguente esclusione di quelli esauriti, i quali rimangono regolati dalla legge dichiarata invalida» (sentenza n. 139 del 1984).
        Le elezioni che si sono svolte in applicazione anche delle norme elettorali dichiarate costituzionalmente illegittime costituiscono, in definitiva, e con ogni evidenza, un fatto concluso, posto che il processo di composizione delle Camere si compie con la proclamazione degli eletti.
        Del pari, non sono riguardati gli atti che le Camere adotteranno prima che si svolgano nuove consultazioni elettorali.
        Rileva nella specie il principio fondamentale della continuità dello Stato, che non è un’astrazione e dunque si realizza in concreto attraverso la continuità in particolare dei suoi organi costituzionali: di tutti gli organi costituzionali, a cominciare dal Parlamento. È pertanto fuori di ogni ragionevole dubbio – è appena il caso di ribadirlo – che nessuna incidenza è in grado di spiegare la presente decisione neppure con riferimento agli atti che le Camere adotteranno prima di nuove consultazioni elettorali: le Camere sono organi costituzionalmente necessari ed indefettibili e non possono in alcun momento cessare di esistere o perdere la capacità di deliberare. Tanto ciò è vero che, proprio al fine di assicurare la continuità dello Stato, è la stessa Costituzione a prevedere, ad esempio, a seguito delle elezioni, la prorogatio dei poteri delle Camere precedenti «finchè non siano riunite le nuove Camere» (art. 61 Cost.), come anche a prescrivere che le Camere, «anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque giorni» per la conversione in legge di decreti-legge adottati dal Governo (art. 77, secondo comma, Cost.).” da NESSUNA parte nella intera sentenza la Corte Costituzionale ha dichiarato ILLEGGITTIMO un QUALSIASI governo eletto con il Porcellum (guarda rileggiti la sentenza intera, dal sito ufficiale della Corte Costituzionale, non certo “un link qualsiasi raccattato in rete”: http://www.cortecostituzionale.it/actionSchedaPronuncia.do?anno=2014&numero=1)

        • mi spiace tu abbia perso tempo a copiancollare questa sentenza che conosco praticamente a memoria, è una “italianata”, il tipico cerchiobottismo, tradotta in volgo dice: “vabbè dai, la legge elettorale in questione è sì da considerarsi illegittima e quindi anche il parlamento, tuttavia non creiamo casini, per questa volta passiamola per buona”. Lo stesso dicasi per la sentenza sul blocco degli stipendi degli Statali, sono stati dichiarati incostituzionali ma ai ministeri competenti è stato concesso lo sconto di sette anni di arretrati, persi per sempre, anche questi grazie alla ennesima “italianata”. Intanto i magistrati, anche loro dipendenti Statali, non hanno subito nessun blocco, figli e figliastri, caste privilegiate e popolino… e mi sciorini i tecnicismi???

          che tu sia d’accordo o meno… per me un governo non eletto imposto dopo aver defenestrato un governo eletto dal popolo con un complotto, è e sempre rimarrà abusivo, illegittimo, antidemocratico e pure schifosamente immorale.

          arzigogoli delle sentenze o meno, uno Stato democratico ha l’inalienabile diritto di essere governato da politici eletti, qui sono quasi cinque anni che si pescano i Premier dal cilindro. Dopo le ultime elezioni si è creato uno stallo, un loop, bisognava a tornare a votare dopo pochi mesi, no, avanti così, prima Letta e poi Renzi. Se Renzi perde il referendum che facciamo??? andiamo a votare o ne tiriamo fuori un altro in nome della suddetta sentenza??? Ho un concetto diverso di “democrazia”.

          di “salvatori della Patria” manovrati e guidati da poteri esteri ne abbiamo piene le palle, abbiamo versato la nostra quota ai Turchi per mettere in salvo la Germania, l’Austria ha di fatto ripristinato la frontiera, la Francia a Ventimiglia respinge da tempo gli immigrati. I fessi siamo solo noi, cioè, i nostri governanti, questa estate sono previsti (per difetto) 200.000 sbarchi, ce li teniamo tutti noi, certo, l’Italia è in ripresa… ma per favore. (questo commento aggancialo all’altro, nella mia testa ho unificato i tuoi)

    • ps: se sei in grado di smontare in modo documentato e inopinabile ciò che ho scritto… fallo liberamente, se non lo fai il pressapochista sei tu, sempre con rispetto, sia chiaro, è solo uno scambio di opinioni.

      • Via, basterebbe la sentenza della Corte Costituzionale a smontare un QUALSIASI EDITORIALE che comincia con “governo illeggittimi non eletti”, oltre all’articolo 92 della costituzione che spiega CHIARAMENTE che NESSUNO elegge i presidenti del consiglio, ma al massimo elegge i PARTITI che potrebbero comporre un governo (quasi la metà dei governi italiani non è stato FORMATO dal partito o la coalizione vincitrice delle tornate elettorali, qui si trova un bel promemoria – a proposito, io preferisco riportare le FONTI, almeno non mi si puol dire che INVENTO dati o fatti: https://it.wikipedia.org/wiki/Governi_italiani_per_durata), vedrò di essere per quanto possibile sintetico:

        LE DUE ITALIE: troppo sintetico, non basta dire “renzi dice che va tutto bene, mentre in realtà va tutto male”, non un quadro tecnicamente preciso: si ricerchi i dati degli ultimi anni e faccia i dovuti raffronti: non siamo ai livelli del miracolo economico, ma segnali di ripresa ci sono, in alcuni settori, così come è evidente dati INPS (che ricordo non basta fermarsi al primo dato negativo per dire “va tutto male visto?”, ma deve raffrontare i rapporti mensili continui INPS/ISTAT, i dati dimostrano che i disoccupati sono in calo e in lieve aumento, dopo una iniziale impennata, di trasformazioni in contratti indeterminati di contratti a tempo; I fondi a sicurezza, scuole e cultura sono stati aumentati (la Toscana usufruirà ad esempio di quasi 200 milioni per restauri ed interventi culturali che riguarderanno anche siti artistici e archeologici minori), i decreti li trova tutti sulla Gazzetta Ufficiale e sui siti istituzionali; andrebbe verificata effettiva correlazione (spesso solo a parole o nella convizione del suicida: ricordate il famoso pensionato “rovinato e ucciso” da Banca Etruria? beh dagli accertamenti fiscali, a fronte di 200000 euro persi dichiarati, saltarono fuori conti con cifre equivalenti e beni immobili del valore doppio di quello perso, per dire) fra i suicidi e “reali” colpe fiscali delle Agenzie; sulle politiche di migrazione europea, che è in evoluzione continua, da membro di una ONG posso dire che “son tutti esperti di migrazione” sui social, nessuno sa cosa comporta conciliare diversi ordinamenti per visti e procedure o dover tenere l’opinione pubblica, sobillata da movimenti xenofobi e populisti, buona e fargli capire che l’accoglienza è la giusta risposta a questo fenomeno;

        UNIONI CIVILI: con i 5stelle che cercano di fottere all’ultimo il decreto proponendo di votare 8000 emendamenti-trappola di lega e centrodestra, il pasticciaccio brutto di togliere l’adozione del figlio del partner e l’emendamento sulla fedeltà del partner è stato il male minore: abbiamo finalmente una legge sulle unioni civili che mancava da decenni; spero che chi governerà in futuro la migliori, anche se le prime sentenze giuridiche stanno aiutando a fare le modifiche necessarie a rendere la legge ancora migliore (come successo con la fecondazione eterologa);

        SCUOLA: Eh sì ORRIBILE finalmente risolvere il nodo precari, puntare sull’ammodernamento dei sussidi scolastici, spendere quasi un miliardo per rifare palazzo che si reggono in piedi per miracolo, rifare dopo DECENNI un concorso per dare NUOVI posti a docenti usciti da poco da università e percorsi formativi…. che persone ORRENDE, guarda, bei tempi quando i precari erano precari A VITA;

        OMICIDIO STRADALE: Ma aspettare le prime SENTENZE? poi magari dopo si fa ironia, anche se trovo ci sia poco da ironizzare sulle morti in incidenti stradali (e se passerà nella riforma della giustizia la responsabilità dei Magistrati, forse non sarà tanto facile una scarcerazione senza motivazioni valide);

        CONSULTA: Quindi? dove sta il problema (a parte che nel prossimo DEF è stato previsto il blocco degli stipendi statali fino al 2020 e che il governo sta puntando a una dilazione contenuta per evitare tagli per risarcire tutto in una volta)? per le pensioni poi sono allo studio soluzioni per risolvere non solo la questione esodati ( c’è persino mio padre coinvolto, ma mica per questo si mette a criticare ogni singola azione di un governo, ma segue passopasso e si documenta attraverso i CAF per capire come rientrare nelle varie agevolazioni e contributi che sono stati manmano erogati e che hanno ridotto il numero di persone che erano rimaste “fregate” dalla riforma Fornero);

        JOBS ACT: quelli che a Febbraio già esultavano per il primo calo il mese dopo hanno dovuto ritirare l’esultanza per la risalita, le stabilizzazioni sono costanti, comunque basta consultare il dato INPS mensilmente (altro Link A CASO cacciato in rete: http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=10083), poi magari ne riparliamo alla fine del triennio (che nessuno ha escluso possa essere RINNOVATO o reso stabile come l’operazione degli 80 euro, per dire) per dire se sarà un fallimento;

        DUBLINO: Renzi ha detto da subito che andava rivisto, anche quando era “solo” segretario del PD e c’era Letta al governo, non vedo INCOERENZA dunque;

        COMUNICAZIONE: “eh MA IL PD…” ecco qui effettivamente il bue dice cornuto all’asino.
        Ringraziamo di tutto questo 20 anni di berlusconismo galoppante che ha portato a far si che ovunque c’era “il complotto delle sinistre” e ringraziamo anche un ex-comico fallito che ha dato voce a ogni “personaggio del baretto” sul web eleggendoli anche in parlamento;

        ITALICUM: A Ottobre se è contrario vota NO, semplice, nessuno la obbligherà a votare SI’; Sul senato non eletto è stata una scelta tecnica dal fatto che una abolizione totale avrebbe causato una dichiarazione di incostituzionalità quasi certa (per via dei principi di nomina dei membri della Corte: un terzo dei membri è eletto in SEDUTA COMUNE di entrambe le camere come stabilità dalla Legge costituzionale 1 del 1953: https://it.wikisource.org/wiki/L.cost._11_marzo_1953,_n._1_-_Norme_integrative_della_Costituzione_concernenti_la_Corte_costituzionale); quindi comportava prima un cambiamento della legge di elezione della corte, che è COSTITUZIONALE e quindi deve essere oggetto di PARERE;

        REFERENDUM: Basta la risposta sopra, ma in merito a “giornalisti NON allineati”, lei ritiene PORRO un GIORNALISTA? e quali sarebbero gli altri “martiri”?

        MERKEL: niente Roschtild? Bidelberg? Illuminati?

        QUESTIONE MORALE: ma che davvero?

        CITAZIONI STORICHE: Almeno qui non abbiamo i 5stelle che si inventano le frasi di Pertini, salvo poi essere cazziati dalla fondazione Pertini per essersi inventati frasi mai dette; Le frasi di Berlinguer, Ingrao e Iotti esistano, sono decontestualizzate rispetto all’epoca e al loro significato? probabile, ma almeno sono frasi REALI;

        80 EURO: ha dimenticato “vecchi che rubano al supermercato e vengono aiutati da carabinieri amorevoli” …. meglio 80 euro mirati che la BUFALA del reddito di cittadinanza PER TUTTI senza esclusione, che non avrebbe le coperture economiche nemmeno per durare UN ANNO, a meno che non si voglia fare la fine del Venezuela coi prezzi fissati dal governo;

        CONCLUSIONE: Esiste un modo per capire chi dice la verità e chi la fa: leggetevi i programmi, andate a leggervi i decreti legge fatti, confrontate i dati, le dichiarazioni fatte, vedete le applicazioni pratiche dei decreti.
        “potremmo fare, solo lo volessimo, il 30% del PIL col turismo e la valorizzazione dei nostri prodotti, potremmo essere lo Stato più ricco del mondo, domandatevi perché nonostante tutto ciò siamo tra i più poveri. Ce lo chiede l’Europa??? ma vaffanculo.”
        Quella stessa Europa dove Francia e Germania il turismo lo fanno fruttare FREGANDOSENE ad esempio dei mille comitati dei NO a ogni infrastruttura minima (dalla Tirrenica fino a cose ASSURDE come parchi EOLICI O SOLARI) che impediscono ad esempio un collegamento DIRETTO per i turisti da Pisa a Roma in autostrada, che impediscono di rendere i centri storici pedonalizzabili o ampliare un aeroporto per adeguarlo alle rotte turistiche, che impediscono la differenziata o la nascita di termovalorizzatori, che impediscono ai parchi naturali di mettere vincoli paesaggistici perché una strada di grande comunicazione o aeree attrezzate per i turisti i comitati del NO non le vogliono, mentre invece fare seconde o terze case per abitanti della metropoli prive di servizi o con collegamenti stradali pessimi va bene invece.
        Fatevi un giro un Europa e vedete se NOI sappiamo DAVVERO valorizzare le nostre risorse: non sempre purtroppo, per troppi interessi di botteguccia.
        Non per colpa dell’Europa.

        CONSIGLIO MIO FINALE: Informatevi, ma non su siti che “vi diranno cose che non vi dice NESSUNO”: confrontate i dati delle varie agenzie, i decreti con i proclami, traete le vostre conclusioni e votate di conseguenza.
        E diffidate SEMPRE di chi da i nomignoli agli avversari politici: vuol dire che non ha UN SOLO ARGOMENTO SERIO da discutere

        • Se hai un padre esodato devi essere giovane, l’avevo intuito dal tuo ardore nell’arrampicarti sugli specchi e dalla tua purezza d’animo, comunque con te dialogo volentieri e ti pubblico questo sermone arraffazzonato, anche perché non voglio mi si accusi di censurare.

          Faccio qualche premessa…

          Io non voto dai tempi di mani pulite, non ho e nemmeno ho mai avuto condizionamenti ideologici, tessere di partito e/o pregiudizi di sorta, osservo e seguo la politica perché la ritengo un valido canale per studiare l’evoluzione sociale di una Nazione

          Questo non è un blog politico né di opinione, questo è uno spazio in cui si affrontano (prevalentemente) tendenze e tematiche sociali, quando parlo di politica, sporadicamente, lo faccio in modo analitico e distaccato, so benissimo che il mio modo di scrivere è spesso fuorviante e induce molti (succede da oltre 13anni) a interpretare come opinioni dati e fatti

          Chiarisco alcuni punti esortandoti a leggere con più attenzione quello che scrivo, in ordine sparso:

          1) Quando definisco la Merkel “AD continentale della cupola finanziaria mondiale” mi riferisco esattamente alla Bildenberg, alla NM Rothschild & Sons e alla omonima fondazione, mi pareva chiarissimo

          2) 80euro, qui c’è poco da scherzare, NESSUNO è in grado di spiegare in modo convincente e razionale il perché un governo decida di aiutare chi ha un posto fisso e un decoroso stipendio trascurando milioni di disoccupati, poveri e pensionati alla fame. Appro… diecimiliardi che non hanno aumentato minimamente i consumi, dietro questa iniziativa c’è ben altro, come ad esempio il raffreddamento dei bollori sindacali. I beneficiari della elargizione compongo il target tipico della triplice.

          3) Dublino, di ciò che va cianciando Renzi poco mi cale, la realtà è che Letta lo ha confermato nel 2013 senza rivendicare modifiche, altrettanto vero e che i Renziani, in tutti i Talk, accusino Berlusconi di averlo sottoscritto, il resto l’ho scritto nel post

          4) Unioni civili, da anni si anelava una legge che risolvesse una questione che riguardava e riguarda milioni di Italiani, il governo Renzi ne ha fatta una di fretta e furia usando la fiducia, la legge è piena di lacune, l’emendamento della “non obbligatorietà alla fedeltà” tra qualche anno creerà un mare di casini. Non si emana una legge così importante tanto per proclamare di averla emanata. Ancor meno si emana una legge zoppicante e incompletata sperando che i magistrati la interpretino, la Cassazione l’aggiusti e governi futuri la modifichino. Ma stiamo scherzando?

          5) Sul Jobs act c’è poco da discutere, per me fanno fede i numeri ufficiali dell’INPS, i numeri sparati dal governo lasciano il tempo che trovano, rileggiti il capoverso

          6) Sulla scuola idem, rileggiti il capoverso

          7) Omicidio stradale, nessuno ironizza sui morti (lo ha fatto Monti sui suicidi), dopo anni di strade insanguinate è stata emanata una legge discutibile, anche qui rileggi tranquillamente il capoverso, c’è qualche meccanismo inceppato

          8) Che al referendum si possa votare si o no mi pare Lapalissiano, ciò che Lapalissiano non è, stando ai fatti, è il subdolo tentativo di Renzi di trasformare una consultazione referendaria in evento politico dal quale dipende la sopravvivenza del governo e della Nazione stessa, ciò significa indurre migliaia, magari milioni di cittadini, a votare “si” col naso tappato per partito preso. Tutto ciò è tremendamente scorretto.

          9) La comunicazione, questo passaggio mi sta a cuore, parlare di “ventennio Berlusconiano” è un falso storico, azzarderei ideologico, in tale periodo Berlusca ha governato per nove anni, gli altri undici sono stati in mano alla sinistra. E’ invece corretto parlare di “ventennio antiberlusconiano”, due decenni di assillante, martellante, stressante pressione, tentativo di lobotomizzazione di massa, un fronte agguerrito composto da politici, magistrati, mass media, pseudointellettuali, giullari dello spettacolo, opinionisti e chi più ne ha ne metta. Per venti anni ci hanno martellato da mane a sera con l’antiberlusconismo. Una campagna di indottrinamento senza precendi, cosa che alla lunga ha prodotto un doppiopesismo concettuale. TTB, Tutto Tranne Berlusconi, infatti, da quattro anni e mezzo quel TTB tanto voluto si è trasformato in un lustro di macelleria sociale.

          10) Le due “Italie”, caro ragazzo puoi cantare “avanti Savoia” fin quando ti pare ma i numeri non perdonano, da novembre 2011 le cose sono solo peggiorate, su tutti i fronti, PIL, crescita, consumi, occupazione (l’oscillazione di mezzo punto è irrilevante, si è passati dell’8,2% al 14%, dovesse scendere al 13% dopo quasi cinque anni di lacrime, sangue è provvedimenti… più che un successo sarebbe un fallimento). Per non parlare dei tagli ai servizi primari e dell’abbandono pressoché totale del territorio, siamo in deflazione, a marzo il prodotto industriale è calato del 3,7% (un dato da incubo). I malati di cancro non si curano con le aspirine, te lo ripeto, sono quasi CINQUE anni di cure da cavallo, questi sono i risultati, tralascio tutto il resto, non voglio ripetermi, siamo il fanalino di coda del Continente. NIENTE di NIENTE è REALMENTE migliorato in modo significativo, strutturale.

          11) Ti ringrazio per il consiglio finale che respingo con decisione al mittente, io (te lo dico chiaro) sul blog scrivo dati ufficiali, non puoi rispondere con promesse teoriche… nella prossima finanziaria sono previsti… e bla bla bla… intanto al prossimo DPF Renzi deve arrivarci, visto che ha dichiarato di dimettersi in caso di sconfitta, tra l’altro il suo mentore Napolitano ha appena dichiarato di votare NO, valli a capire.

          12) Quando si commenta in un blog è lecito esprimere eventuali dissensi ma accavallare un commento post al post del blog è presunzione (non avrai mica l’arroganza di dirmi quello che devo scrivere, tra l’altro pure in questo modo?), ti ho esortato io stesso a smontarmi il post, cosa che non hai fatto assolutamente, con questi argomenti fai poca strada. Ti dirò di più, di Italie ne esistono TRE, quella di Renzi, quella REALE e quella che alberga nei cuori cristallini come il tuo, tranquillo, quando farai i capelli bianchi forse imperai a vedere le magagne, anche quelle più occultate. E’ un sincero augurio

          13) Diffidate di quelli che pretendono di saperla più lunga dei dati ufficiali e degli eventi acclarati, chiamiamola realtà

          14) E’ stato un piacere dialogare con te, considero chiuso questo bellissimo scambio di commenti, ti prego di NON ribattere, non intendo ammorbare la mia utenza con un improduttivo e tediante susseguirsi di ripetizioni e chiarimenti. Ti ho dato spazio, hai espresso il tuo pensiero, ci è chiaro a tutti, lo apprezziamo e va bene così, spero di rivederti da queste parti in altre occasioni. Buona giornata.

  10. Così, di pancia e di pelle, dico NO, dico che voterò no al referendum, ma dovrò leggere meglio il quesito referendario, assolutamente non semplice ai più. E lo farò.
    Pensa che pochi giorni fa ho pronunciato un altro NO al mio preside in merito all’autovalutazione dei docenti. Avendomi seguita durante l’anno scolastico, mi pregava di chiedere di essere valutata, assicurandomi il suo pieno 10% : “se il bonus non lo ottiene lei…”. In realtà il preside sta prendendo sentore del fatto che ci stiamo accordando per rifiutare il “VERGOGNOSO regalino” in segno di protesta e indignazione e, poverello, sta cercando di convincerci ad uno ad uno per ottenere i famosi 22mila euro. La tentazione, comunque, l’ho avuta, avrei le carte in regola e l’idea era quella di regalare il bonus ai miei tre nipoti trentenni, plurilaureati e disoccupati. Ma il mio NO è stato secco e penso somiglierà tanto a quello di ottobre c.a.
    Ma tu credi che, vincessero i no, i due si dimetteranno?

    • buongiorno carissima Marirò,

      forse ho capito male, esistono bonus da 22.000 euro per gli insegnanti? intendo dire… a testa oppure da dividere tra i più meritevoli???

      ti dirò… da una ministra arrivista figlia di un banchiere che è indagato per aver truffato migliaia di ignari risparmiatori c’è da aspettarsi di tutto, c’è da aspettarsi di tutto anche da un premier che dice a Letta “stai sereno” e dopo una settimana gli fa le scarpe, come non bastasse, nell’ultima puntata di Virus è andato da Porro a fare lo gnorri dopo averlo appena epurato. Dovessero vincere i no sarebbero costretti a dimettersi, qualora non lo facessero si metterebbero, politicamente, in una situazione di forte vulnerabilità e di totale inaffidabilità. Quella di proclamare le dimissioni in caso di sconfitta è stato un azzardo infantile e pericoloso, gli si rivolterebbero contro in molti e alla prima mozione di sfiducia a scrutinio segreto verrebbe trombato dai franchi tiratori. Io penso il problema sia un altro, cioè il rischio di ritrovarsi il quarto governo consecutivo pescato dal cilindro da Mattarella, pare che in questo Paese le elezioni siano diventate una tragedia da evitare a tutti i costi.

      • Seeeee, capirai….i 22.000 euro saranno dati a ogni istituzione scolastica, per quest’anno e a prescindere dal numero dei docenti.Nei restanti due anni saranno sempre meno e saranno sempre da suddividere tra i meritevoli e per un massimo di 1500 euro a meritevole. Se non ci saranno docenti meritevoli, i 22 mila euro torneranno allo stato e il preside avrà valutazione negativa.
        Sai, dopo 7 anni di stipendio bloccato questi circa 700 euro annui (e tralascio il faldone che devi esibire per ottenerli)sono la giusta ricompensa…non credi???
        Ciao Tads, Marirò infuriata ti lascia il suo saluto.

        • ecco… mi suonava strano 😀

          mi risulta che qui il bonus annuo sia di 500 euro da spendere in modo mirato e giustificato

          mi auguro il week end ti rassereni,
          un caro saluto anche a te

          • quello è un altro bonus, io mi riferivo al merito che deve essere chiesto volontariamente, tramite autovalutazione, avallata dal preside col 10% sul giudizio finale: una vergogna..
            ciao

      • Pare che non si dimetterà’ anche se vinceranno i no, cosa probabile. Bel dietrofront….c’era da aspettarselo.
        Ma questa cosa di farsi chiamare sindaca quanto è brutta! Sai che mi batto sempre contro il sessismo, ma sindaca, nonostante la correttezza grammaticale….non si può sentire. Naturalmente sinceri auguri alle due sindaco (sindache) donna.

        • qualora non dovesse dimettersi decreterebbe comunque la sua morte politica per manifesta inaffidabilità, la mia paura è che si dimetta ma solo per dar vita a un Renzi bis, ovviamente d’accordo con Mattarella. In questo Paese le elezioni politiche sono diventate un optional

          credo sia il frutto delle paranoie della Boldrini, presidentessa, ministra, sindaca, assessora/assessoressa e via andando, vedrai che faranno bene, ne sono sicuro.

  11. Buongiorno, caro Tads, hai scritto un vero trattato con motivazioni tutte giuste, le cose non vanno in ogni campo e il disastro è sotto gli occhi di tutti e per di più ci fanno indorare una pillola che a parer loro non sarebbe amara. Ora io vorrei sapere, quando si stava meglio? A me pare di capire che tu non sia di sinistra e neanche io, perché la sinistra dei miei genitori era tutt’altra cosa, ora è di sinistra il ricco sfondato e i figli di papà che protestano come sappiamo, quando tornano a casa c’è il nido d’oro ad accoglierli. Però quando c’era la destra al governo le cose non andavano proprio bene, ma hai ragione a dire che il dito contro il leader di destra è stato sempre puntato nella sua direzione, mentre ora le cose vanno diversamente. Non sono di sinistra, ma quello che ho compreso è che il partito non c’entra un fico secco, è l’uomo che fa il partito, per cui io da qualche tempo mi affido all’uomo, in Renzi che tutti detestano, diciamo non approvano, io vedevo il giovane che avrebbe dato una smossa a questo Paese stantio di vecchie poltrone, vedevo il giovane che così come aveva ben guidato la sua Firenze, l’avrebbe fatto con l’Italia e le sue idee sono ancora giuste per alcuni versi ma non vengono realizzate. Dov’è la colpa? Sono sempre i soliti che manovrano i fili? Allora non c’è via d’uscita, conviene fare armi e bagagli e trasferirsi su di un’isola deserta, ahinoi!
    Buona domenica

    • buonasera carissima Annamaria,

      hai ragione, io non sono di sinistra ma nemmeno mi sento rappresentato dalla destra, ancor meno da quell’assurdo centro che è, di fatto, un minestrone senza sale e senza pepe. Io e la politica abbiamo “divorziato” fin dai tempi di mani pulite. Come ho più volte ribadito, la seguo perché la ritengo una affidabile cartina di tornasole di questa società, un termometro, un riferimento per meglio capire l’Italico pensiero.

      I comunisti, intendo quelli ai vertici del partito (PCI, PDS, DS, PD e tutti gli altri, dirigenti sindacali compresi), non sono mai stati poveri, tutt’altro.

      ciò che mi urta realmente è l’ipocrita doppiopesismo, sappiamo tutti benissimo che:

      1) se Berlusconi avesse messo mano all’articolo 18… SAREBBE SCOPPIATA LA RIVOLUZIONE

      2) se Berlusconi avesse proposto il jobs act… SAREBBE SCOPPIATA LA RIVOLUZIONE

      3) se Berlusconi fosse intervenuto sulla scuola come ha fatto Renzi… SAREBBE SCOPPIATA LA RIVOLUZIONE

      4) se la Boschi fosse stata una ministra Berlusconiana, il caso Banca Etruria avrebbe FATTO CADERE IL GOVERNO

      5) la riforma Renziana della costituzione agganciata all’italicum crea una eccessiva concentrazione dei poteri, l’avesse proposta Berlusconi… SAREBBE SCOPPIATA LA RIVOLUZIONE

      potrei andare avanti ma non voglio annoiarti, ciò che per venti anni è stato demonizzato oggi viene accettato, questo ci insegna che la nostra cultura politica è ancora di forte matrice ideologica, a prescindere dai contenuti. Come ho scritto, se una cosa la fa destra è negativa, se la stessa cosa la fa la sinistra è positiva. Di questo passo non si va da nessuna parte.

      un abbraccio Annamaria

    • ahahahah… bella questa 😀
      magari direi ” Tadsite” 😉

      hai fatto bene, quelli che vanno a votare tappandosi il naso eleggendo il “meno peggio” aiutano il malaffare politico, dai primi dati pare che anche questa volta il partito di pesante maggioranza sia quello dei NON votanti, un chiaro segnale da troppo tempo ignorato.

  12. Caro Tads che dire ? Dopo una simile analisi, solo muti si può stare. Hai detto tutto quello che bisogna dire su questi ”giovani saputi”. E’ uno squallore guardarsi intorno. Francamente posso solo dire che sono nauseata da tutto. Un’Europa che invece di darsi una mossa col problema ”migranti” ancora viene a dettar legge ordinando il taglio di ulivi sani nel Salento perchè a rischio secondo loro di prendere la Xylella. Altre misure non si potrebbero trovare piuttosto che rovinare la produzione di olio italiano ? Già mangiamo schifezze contraffatte, poveri noi. Il made in Italy non esiste più ormai. Peccato. Un abbraccio. Isabella

    • ciao Isabella,
      la tua nausea è condivisa e ci torturerà fin quando saremo costretti a subire governi asserviti alle assurde logiche Europee, quelle che mirano a demolirci sui nostri punti di forza, eccellenze comprese. Quando si è obiettivo di un laido disegno strategico finalizzato all’appiattimento e al livellamento verso il basso, chi ha di più è destinato a rimetterci maggiormente, cioè noi.

      sereno week end

  13. Però devi ammettere che Renzi è davvero da ammirare, dai!!!! Che abbia ampiamente surclassato il maestro B. in fatto di balle pur non avendone, in teoria, gli stessi mezzi mediatici è davvero eccezionale! 😀 E chi poteva aspettarselo? Chi l’avrebbe detto all’inizio?? 😉 Se un cinese battesse il record del mondo di salto in alto… lui si attribuirebbe il merito pure di quello! Di più: poi si scoprirebbe che quello non era cinese, che la gara era truccata e che il video mostrato era un “YouTube” di sei anni fa! 😀
    Su una cosa però non concordo… “belloccio”? 😮 E’ ironico anche questo, vero? 😐
    http://www.wolfghost.com

    • ahahahah… sìììììììì… il “belloccio” era ironico, anzi, sarcastico 😀

      vero, battere il Berlusca pareva una missione impossibile ma Renzi ce l’ha fatta alla grande, è riuscito a raccontare più balle lui in soli due anni che l’altro in venti, siamo a livelli da Guinness dei primati :mrgreen:

  14. Oggigiorno le persone di cui “potremmo fidarci” vengono individuate dal sistema e messe a tacere facendogli terra bruciata intorno, con metodi che ricordano il mitico “Processo” di Kafka, ben prima che possano agire. C’è una rete spaventosa di potere e omertà. Ma non scoraggiamoci, non defiliamoci da soli, educhiamo specie i più giovani al pensiero critico!

    • è esattamente come tu dici, purtroppo le nuove generazioni hanno interessi diversi rispetto a quelle precedenti, negli anni ’70 si iniziava a masticare politica già nelle medie, oggi, in linea generale, c’è un forte disinteresse. Diciamo anche che i governi di tutta Europa, dopo gli anni “caldi” delle manifestazioni, hanno tentato di ammorbare i giovani allargando le maglie, parlo di droga, alcol e decibel. In parte ci sono riusciti.

  15. Ciao, sono disgustato dai due personaggi in foto e dal governo in generale…
    Questi non si rendono conto che la gente è stanca di essere presa in giro..

    • ciao Emilio,

      secondo me ne se ne rendono conto benissimo ma sfruttano la “blindatura” tipica dei governi imposti e non eletti, per non parlare poi del martellante battage mediatico fatto di balle e promesse.

  16. Finalmente!!!! Finalmente qualcuno che scrive ciò che sta accadendo REALMENTE. E leggere tutto ciò mi fa sentire meno sola, perché quando dico queste cose, mi danno della complotti sta e della visionaria. Grazie, Tads

    • benvenuta e grazie per gli apprezzamenti,
      comunque non sono l’unico, iniziano ad essere tante le voci di dissenso, sai, finito il periodo di prova (la definirei garanzia) del governo Renzi e finito l’orgasmo delle belle promesse e delle vane speranze… la verità ha preso ad emerge prepotente.

  17. Ah, TADS, rileggerti dopo un anno è sempre un piacere sottile. Sei il miglior non giornalista che io non conosca.
    Tecnicamente parlando, mi spiace che il “Piano Solo” sia andato al meretricio. Altrimenti, spezzata la Prima Repubblica nel pieno del pentolone targato pentapartito (che si sa, aiuta la digestione se usi il termine giusto, in questo sono insuperabili) e niente trampolini di lancio per giudicelli e magistragi, se non quello per l’Aspromonte. Ma ci credi? Niente tangentopoli, niente mani pulite sporcate dalla lercia e sozza cecità dell’italiota medio(evale), niente Renzi né Lucie. Ah. Che sogno. Ma che te lo scrivo a fare. Prendi un giovane (si, anche parlamentare) e chiedigli chi era De Lorenzo. E se i giovani sono il futuro, voglio vivere nel passato. Poveri noi.
    Quanta verità hai scritto.

    • bentornato esimio,

      “il miglior NON giornalista…” è una definizione lusinghiera che mi piace molto, anche perché i giornalisti mi stanno simpatici come un black mamba tra le lenzuola. Hai scritto un commento che quoto in toto, mani pulite è stata una operazione politica, una epurazione per spianare la strada ai “compagni” ma Berlusconi ha tirato su il ponte levatoio lasciandoli a mollo tra i coccodrilli.
      De Lorenzo… di lui ricordo due immagini, quella al Maurizio Costanzo show in cui dichiarava a gran voce: “sono ricco, non ho bisogno di rubare”, e quella in tribunale con la barba incolta dimagrito di una ventina di chili, la galera è una ottima dieta.
      I politici di una volta mangiavano a quattro ganasce ma aiutavano il popolo a sopravvivere, quelli di oggi sono servi e schiavi di padroni stranieri che affamano il popolo con sadica perfidia.

      Ti ringrazio per gli apprezzamenti

      • Sapevo perfettamente avresti colto certe ironie, e non hai certo deluso.
        Concordo pienamente con te, mi vengono in mente due nomi, così, tra i primi, ovvero Prodi e Amato. La storia dell’IRI, la scalata all’Ambrosiano e vicende del genere, finanza corrotta e politica in collusione all’ennesima potenza. Dimostrazione che ci stavamo preparando a svenderci prima dell’UE. Renzi non è altro che la conseguenza naturale di tutto questo, è un sottoprodotto politico di un disegno cominciato moltissimo tempo fa. La strategia è la solita: parliamo di politica al bar come facciamo col “pallone”, delle mogli cornute citate da mariti che hanno preventivamente avuto difficoltà a farsi lo shampoo, graffiandosi le mani. Qui apriamo un capitolo dalle moltissime pagine, ma avrai capito perfettamente cosa intendo. Fare i politici facendo promesse, qualcosa che possa lontanamente somigliare ad una riforma seria, con gli “act” all’americana, con le 80 euro da restituire in solido. E figurati, io che attualmente sono anche senza lavoro, a 34 anni, con un CV d’acciaio, qui non trovo che nulla. Ci sono moltissime cose che la gente dovrebbe conoscere prima di sputare sulla vecchia guardia, soprattutto sul capitolo craxiano, ma la gente non le vuole sapere. Ho sempre avuto l’idea che tu hai espresso, e cioè che è vero che i politici rubavano (l’hanno sempre fatto, i favoritismi sono sempre esistiti e le tangenti sono naturali come l’acqua di sorgente, senza citare anarchici famosi non si può pretendere l’ordine nel disordine), resta quantomeno il riformismo elegante, diciamo pure che lo stipendio, più o meno, se lo sudavano. Purtroppo, l’unica verità trasparente è la seguente, dura dieci minuti circa, ma dovrebbero vederlo tutti gli italiani.

        • caro ragazzo, io di anni né ho molti più di te è la prima Repubblica l’ho vissuta sulla mia pelle, sì, rubavano ma erano veri statisti, come appunto Craxi, Andreotti, Cossiga ecc. ecc. Questi di oggi a Torino li chiamiamo “ciapa rat”.

          Nel 2006 questo blog era sulla piattaforma di Tiscali, dopo le elezioni vinte da Prodi scrissi un post intitolato: “caro Romano ti scrivo”, un articolo in cui evidenziavo tutte le nefandezze che aveva combinato all’IRI. In quel periodo Soru (padrone di Tiscali) era un elemento di spicco della sinistra, la cosa mi costò tre anni di pseudocensura.

          Dici bene, Renzi è un sottoprodotto di un disegno che parte da lontano, un burattino totalmente asservito al progetto EU, un progetto infame che punta a far cassa attraverso l’indebolimento finanziario e il depotenziamento del popolo, tagliare pensioni, eliminare i diritti dei lavoratori, abbassare il costo dei dipendenti e ammorbare la democrazia. Ovviamente anche impennando la pressione fiscale e imponendo un regime di polizia finanziaria.

          Questo è uno Stato, un governo che spreme i cittadini applicando crudeli sanzioni ma è restio a pagare i debiti della PA

          Nel video che hai postato Craxi parla di “sistema”, oggi non vi è più un “sistema”, oggi vige l’autonomia della disonestà, da un discutibile sistema politico si è passati alla delinquenza comune

          • TADS, è come se l’avessi vissuta anch’io. Ho letto tantissimo, da libri di allora sindacalisti, oggi diventati illustri esponenti politici (e sembra che si siano venduti qualunque forma di dignità), ai libri-raccolta con le interviste ai politici di un tempo. La più interessante lettura è stata quella sulla teoria della reversibilità dei processi politici e poteri occulti. Illuminante, una lettura che suscita la stessa reazione del rag. Fantozzi quando studia con Folagra, e capisce che è sempre stato preso in giro, ricadendo poi nelle strette spire del capitalismo selvaggio. Non l’ho vissuta sulla mia pelle come te, ma provo rabbia se penso che sono cose che dovrebbero sapere tutti e qui non sto parlando di essere faziosi, paladini eroici o nostalgici. Si tratta solo di capire che quando esiste la democrazia non esiste quel sottobosco che i più definirebbero degno di Pulcinella, che però è molto più grave e profondo. Sono in antitesi, la democrazia con i poteri occulti. Come per Prodi: smontare l’apparato industriale per svenderlo a quattro soldi ai compagni di banchetti, abbondantissimi però, che anche Lucullo si sarebbe indignato. E hai fatto nuovamente centro perfetto: il “sistema” che Craxi cercò di cambiare, limando e modellando una costituzione che tutti i pecoroni difendono, basta sapere che c’è, poco importa se poi, comunque, viene puntualmente disattesa.
            Quello che è successo a te è naturale, se avessi scritto male di Berlusconi nessuno avrebbe impugnato il famigerato “editto bulgaro”, in tipico stile propagandistico di stampo sovietico. Questo è un governo vaselina (scaduta), in un certo senso. Quello che verrà dopo, se il popolo non dovesse svegliarsi, sarà sommerso di macerie, e io ho paura che sia già troppo tardi. Siamo sotto regime. Siamo liberi nella misura in cui questa libertà ci sembra sufficiente. Ciò che è davvero aberrante è che Craxi, al processo Cusani, fece i nomi. Tra i tanti uno è veramente paradossale: Giorgio Napolitano. E non mi si venga a dire che tutto questo non è frutto di un’azione predeterminata. Cospirazione, complotto, chiamalo come vuoi, so solo che presto avremo bisogno di un altro piano Marshall che altro non ha fatto che renderci ancora più schiavi della politica fast-food, in tutti i sensi.

            • è un vero piacere disquisire con un interlocutore giovane ma preparato e documentato, lo dico sinceramente

              sono convinto tu lo sappia ma lasciami ribadire i tre punti cardine che hanno originato l’antiBerlusconismo, sono attinenti:

              1) la sua entrata nel mondo del calcio ha, di fatto, trasformato le associazioni sportive in vere società, questo ha rotto i coglioni (passami il francesismo) a tutti quegli industriali e capitalisti, Agnelli in testa, che vivevano le squadre come importantissimo spurgo fiscale per creare fondi neri.

              2) all’epoca la SIPRA, concessionaria pubblicitaria della RAI, aveva in gestione anche quasi tutti i giornali di partito, attraverso il perverso meccanismo del “minimo garantito” finanziava in modo occulto e sostanzioso la politica. L’avvento dei network Berlusconiani ha totalmente spazzato via il suddetto modus operandi

              3) nessuno, dico NESSUNO, avrebbe mai potuto immaginare che Berlusconi, in soli tre mesi, riuscisse a inventarsi un partito e vincere le elezioni

              tutto ciò è il reale termometro della situazione, siamo tutti vittime dell’antiBerlusconismo, una corrente di pensiero che ha immobilizzato l’Italia per venti anni, siamo giunti al famigerato TTB (tutto tranne Berlusconi) ipotizzato da molti intellettualoidi parassiti della sinistra. Monti, Letta e Renzi… sono il TTB voluto anche e soprattutto dai potentati economici esteri che hanno goduto dell’appoggio e della complicità di Napolitano, un comunista integralista che si è venduto alle logiche capitaliste.

              • Il piacere è tutto mio, perché finalmente vengono mostrate le cose senza alcun filtro. E a prescindere dall’appartenenza (o meno) ad una “fede” politica, la verità è purtroppo inequivocabile, perché a volte piacerebbe anche sbagliarsi. Concordo pienamente su tutti e tre i punti. Berlusconi è stato certamente un osso duro e una bella supposta formato jumbo per i delicati deretani della “prima” seconda Repubblica, abituati a ringraziarsi l’un l’altro dopo l’amplesso finanziario più o meno occulto. La caricatura, infatti, è che effettivamente tutti sapevano. Lo sappiamo noi, figuriamoci chi ci traccheggia. Nonostante questo è diventato bersaglio facile, perché “ricco e quindi, automaticamente, vizioso”. Quanta ipocrisia ha mostrato questo popolo al quale, talvolta, sento proprio di non appartenere.
                Davvero, tantissime contraddizioni nei termini. Dalle leggi ad personam (che non lo sono mai state, in quanto più d’uno ne ha tratto benefici più o meno importanti) ai vari casi diplo-pornografici. Non so perché, m’è venuto in mente Marrazzo. Simbolo della discrasia italiota. Dimenticato, però.
                Sai cosa penso? Per lavoro mi occupavo di trattare progetti volti al risparmio delle flotte veicolari. Sono stato nelle principali sedi delle principali aziende di trasporto pubblico, a tavoli con i capoccioni che senti in TV. Quando ricevi come risposta “no, a noi il progetto piace, è bellissimo, ma non abbiamo soldi”, vai a guardare i bilanci: in rosso. Gente che guadagna centinaia di migliaia di euro, con decine di incarichi talvolta assolutamente ridicoli. Ecco, con una politica brunettiana-tremontiana i soldi li avrebbero trovati. Oh, se avessi oliato le giuste teste, probabilmente li avrebbero trovati lo stesso, ma io ho le mani pulite e non sono un manzioniano untore.

                • hai scritto:

                  “Per lavoro mi occupavo di trattare progetti volti al risparmio delle flotte veicolari. Sono stato nelle principali sedi delle principali aziende di trasporto pubblico, a tavoli con i capoccioni che senti in TV. ”

                  sei un architetto urbanista?

                    • No, in realtà sono molto di più. Tecnicamente, sono un tribologo. In parole spicciole, fai un’analisi dell’olio lubrificante, e valutando i risultati puoi dire se l’olio va sostituito oppure no. Non solo: puoi identificare problemi emergenti prima che questi diventino eventi catastrofici (rottura di un motore). Resteresti scioccato a sapere quanti milioni di euro si possono risparmiare. Poi, si, ho fatto anche il tecnico manutentore.

  18. Lustro? Diciamo da più di vent’anni.
    Sono riusciti dove Berlusconi aveva fallito…… metterci tutti in mmm….cacca……

    • ciao Pinza,

      io direi 70anni, tanto per essere precisi

      comunque un conto è scegliere da chi farsi fottere e un conto è essere violentati, piaccia o meno Berlusca è stato eletto dal popolo per tre volte

      dal ’94 ad oggi sono passati 22 anni, 8 dei quali governati da “B”, uno da monti (unità nazionale) e ben 13 dal centro sinistra, il ventennio berlusconiano è un falso storico e ideologico.

        • sante parole mio caro, ormai hanno perso pure il pudore di facciata, Monti ha detto in diretta di considerare la democrazia e la sovranità popolare minchiate da dopolavoro provinciale

  19. Come darti torto? Probabilmente abbiamo i politici che ci meritiamo! Affinché l’Italia cambi è necessario che cambino gli italiani….
    Buon fine settimana.

    • forse gli Italiani più che cambiare farebbero meglio a svegliarsi e smetterla di vivere la politica sul piano ideologico, i partiti non sono squadre di calcio da sostenere sempre e comunque per fede sportiva o innato tifo.

      comunque Monti, Letta e Renzi non sono certo stati votati dal popolo, ci sono stati imposti

      in uno dei tanti “special” andati in onda giovedì sera Mario Monti ha testualmente dichiarato: “la permanenza o l’uscita dall’europa è una decisione troppo seria che non dovrebbe essere affidata al popolo, spesso vittima di provincialismo da dopolavoro”. Ecco, secondo lui democrazia e sovranità popolare sono concetti da bar sport, da circolo della bocciofila… pazzesco, Napolitano meriterebbe di essere processato per averlo messo al governo.

  20. Concittadino, lo so che non c’entra niente con il tuo post, ma volevo ringraziarti per aver condiviso e stato vicino, in questo periodo “un po’ buio” che sto passando.
    Grazie ancora, Fiorella.

  21. Torno in WP e ti trovo bello carico. Ma basta, ti prego, non affondare il coltello nella piaga… Ingrao, Berlinguer; Jotti? Si staranno rivoltato nelle tombe. Un’osservazione frivola, Renzi belloccio? Ma in che film? Per piacere! Sia dato in pasto alle fiere!

  22. Ciao Tads, mi stavo chiedendo dove fossi finito, pensavo di avere ancora problemi con le notifiche di WP e invece no. Allora ti penso in vacanza o comunque in relax.
    Non commento il post perché dovrei scrivere troppo; inoltre sono in montagna e non voglio guastarmi la giornata e rovinare anche la tua ritornando su alcuni pensieri nefasti. Un consiglio da amica? Facciamo il vuoto dentro, facciamo vacanza nel senso etimologico del termine. Lo dico a me stessa e a tutti coloro cui tengo in modo particolare.
    Un grande abbraccio Tads. Buona estate! 🙂
    Primula

    • tutto ok grazie, da un po’ ho preso l’abitudine di staccarmi dal blog nei mesi di luglio e agosto, staccarmi nel senso che tendo a non postare nuovi articoli, ai primi di settembre tornerò in pista.
      Ricambio l’abbraccio e auguro anche a te buone vacanze 😉

  23. Il problema, caro TADS, non è il peggior democristiano della Toscana ne tanto meno (a mio modesto avviso) la sgangherata ciurma di scout e teleimbonitori di cui si è circondato. Il problema è l’assenza di una alternativa SOLIDA e CREDIBILE nell’intero panorama politico in questo esatto momento.

    E allora anche un qualsiasi “Renzi” potrà riformare la costituzione con un qualsiasi “Verdini”.

    • esimio Briga,
      credo di incarnare l’antipolitica come pochi, non vado a votare da quando è scoppiato lo scandalo di “mani pulite” nel ’92, tuttavia ti confesso che non ho mai smesso di “studiare/osservare” i politici perché ritengo siano il termometro negativo della società.

      per quanto mi riguarda il termine “politico” è sinonimo di “ladro”, non generalizzo affatto, esistono anche politici seri ma sono molto distanti dalle “cadreghe” decisionali, spesso vengono spediti al parlamento europeo oppure relegati a compiti di facciata.

      detto questo… se proprio devo essere governato da un ladro preferisco essere governato da un ladro intelligente, sicuramente meno dannoso di un ladro idiota

      ps: non credo proprio Renzi vinca il referendum, non ci crede più neanche lui, ha già fatto retromarcia affermando di non andarsene in caso di sconfitta

  24. Su Renzi hai già detto tutto tu, e poi mi viene la nausea parlare di lui. Solo un’osservazione, perché si continua a definirlo “belloccio”? A me fa cagare e scusami Il francesismo

    • non sei l’unica a farmi osservazioni sul “belloccio”, non è un giudizio mio di certo, l’ho scritto in un virgolettato ironico, ho letto da qualche parte che pare sia lui stesso a definirsi tale, addirittura dai tempi della ruota della fortuna. Comunque l’atteggiamento vanitoso non gli difetta. In questo blog i francesismi sono sempre graditi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...