Quella inguardabile gambetta bianca…

foto blog

E’ primaveraaaaaaaa… svegliatevi bambineeeee…!!! Tempo delle ristrutturazioni e dei rifacimenti, non solo degli appartamenti e delle facciate dei palazzi, l’appalto più consistente riguarda la metamorfosi estetica delle donne. L’aumento della temperatura schiude la crisalide del look a “cipolla” liberando da un letargo forzato fisicità fuori forma, chiletti in eccesso e il “morbidume” subdolamente formatosi durante l’inverno. Giunta è l’ora di aggiustare quel “compasso” che fa la differenza attraendo i maschi e suscitando invidia nella concorrenza. Signore e signorine hanno un metabolismo opposto a quello degli orsi, nei periodi freddi i plantigradi riducono il grasso, loro lo aumentano… e poi… mancano pochissimi mesi a quella forca Caudina foriera di ansie angoscianti: “la prova costume”, l’unico, vero, grande spauracchio che manda in paranoia il gentil sesso.

All’uscio delle palestre si accalca la fauna femminile, un richiamo irresistibile, ogni cacciatore vorrebbe averlo. Determinate, grintose, Stakanoviste, anelanti, pronte per una full immersion rassodante e “filiformante”, quei vecchi jeans nell’archivio storico sono l’obiettivo primario: “giuro che ci entrerò di nuovo”. Idem per i centri estetici dotati di solarium, fondamentale, indispensabile un minimo di tintarella, giusto per “scarcerarsi” da quella gabbia chiamata “calze”. Già, altro grande evento stagionale traumatizzante: “la gambetta bianca”, quella inguardabile, orribile, frustrante “gambetta bianca”, tra l’altro lo scosciamento a nudo è uno spot- denuncia contro la cellulite. In effetti… le gambine “anemiche” non sono un gran bel vedere, rimembrano il riso in bianco dato in pasto ai malati di ulcera, è pur vero che chi non ha soluzioni alternative non può far altro che esporre i pallidi arti inferiori al pubblico ludibrio.

Pare che la “gambetta bianca” sia un inestetismo talmente potente da generare vere e proprie fisime, rovina il layout, penalizza il sex appeal, produce l’odiato effetto “slavata”, vaporizza il tasso di zoccolamento e rende psicologicamente vulnerabile (riduce alla radice quadrata la vanità), non ci si può sentire strafica in quelle condizioni (lui potrebbe essere di bocca buona ma anche no…) che stress!!! Invero la pelle non è solo una barriera protettiva, manco per idea, rappresenta una componente ottica e tattile di rilevante importanza: “la sorte dirotti la discromia all’indirizzo di quella stronza di collega/amica che mi sta antipatica”. Spezziamo una Lancia, magari pure una Alfa Romeo e una Fiat… sarà consolatorio pensare all’origine della definizione “sangue blu”??? I nobili avevano una vera e propria idiosincrasia nei confronti dell’abbronzatura, tipica dei plebei avvezzi a passare la giornata nei campi, l’evitare accuratamente i raggi del sole rendeva la loro epidermide bianchissima al punto da evidenziare le vene, ovviamente blu, c’è poco da ridere, proprio da questo nasce l’espressione identificativa (non è che magari qualcuno ha passato la vita credendo che il sangue dei blasonati fosse veramente blu?).

Si sconsigliano vivamente deleteri contrasti cromatici. Una gonnellina nera in pendant con scarpe nere rende la “gambetta bianca” ancor più bianca, meglio puntare sulle morbide tinte pastello, tra l’altro si evita anche di trasformarsi in involontarie testimonials della Juventus. Le fortunate non costrette a rispettare vincoli di qualsivoglia natura, optino per il “bagno di sole integrale”, una donna nuda abbronzata con mezze tette e zona pubica squallidamente in bianco, ricorda i muratori degli anni’60 (quelli che dopo aver lavorato tutta la settimana nel cantiere indossando solo la canottiera asciuga sudore, la domenica andavano con la famiglia a Capocotta), tamarreide for ever.

I moderni “restyling” primaverili hanno il pregio di aver ridotto, in modo significativo, gli oltraggi all’estetica in cui ci imbattevamo sulle spiagge negli anni passati, il culto di prendersi cura del proprio corpo è certamente un salto di qualità. Nonostante questo, penso sia meglio mantenere standard lineari tutto l’anno, eccessive oscillazioni di peso non giovano alla salute, anche l’aspetto ci guadagna se frutto di costanza e regolarità. Massacrarsi in palestra nei tre/quattro mesi che precedono l’esame, magari sottoponendosi anche a ferree diete per poi lasciarsi andare col cader delle foglie, potrebbe rivelarsi dannoso. Sembra una banalità ma non lo è, in questa stagione i centri di “recupero” registrano impennate di iscrizioni, ciò vuol dire che si nuota ancora nella piscina della “forma” e non in quella della “sostanza”.

Ma alla fine… qui prodest???

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

85 thoughts on “Quella inguardabile gambetta bianca…

  1. ahah, fortissimo. poi arrivata all’espressione “vaporizza il tasso di zoccolamento”, sono morta dal ridere. concordo che le sane abitudini di vita vadano mantenute per tutto l’anno e non per l’esame estivo e che lo si faccia quindi per se stessi non per altri. pur combattendo sul “non aver mai niente fuori posto” il fascino, secondo me, vince ogni imperfezione se così la si vuol definire.
    ciao Bolle! 😉

    • sottoscrivo,
      classe, fascino, charme, sensualità e femminilità,
      sono doti che non si acquisiscono in palestra, nelle beauty farm e nei centri estetici

  2. Come dicono i politici quando sono indagati : sono serena ,anche con i miei chiletti di troppo!!
    Ho rinunciato a cacciarli via,tanto mica se ne andavano.
    Ho rinunciato volentieri alle gonne ,in favore di pantaloni molto sciolti che non costringano le gambe , che anche se sono pallide non me ne frega niente perchè il mare è diventato tabù,non per il fisico ma per la salute,non sopporto più il sole per la pressione bassa che ho sempre avuto.
    Quando avevo un bel fisico mi sacrificavo ,oggi non mi pare più il caso! 😉
    Buona serata Tads
    liù

    • alla fine quello che conta è stare bene con se stessi e vivere al meglio la propria stagione, comunque amarsi nella giusta misura è positivo, anche psicologicamente

      buona serata anche a te Liù

  3. mi hai fatto venire in mente quella canzone di Billie Holiday, la quale diceva e si domandava come si faceva a chiamare i neri “gente di colore”: voi “bianchi” siete di “colore”, si ascoltava nel ritornello, perché al sole diventate rossi, se state male la vostra pelle è piena di chiazze e dopo la morte siete bianchi come la cera; mentre la nostra pelle è sempre bellissima.
    Aveva ragione…

  4. Ecco una mia breve bio:
    Io rotonda ci nacqui e burrosa ci diventai! Dopo anni di palestra senza vedere un minimo risultato mi sono buttata sullo yoga…insomma, ho deciso di investire sulla sostanza piuttosto che sulla forma!
    Lovvoti! 😉

  5. Hai mai letto un post sull estetica la forma eo affini nel mio blog? Mai lo troverai perché e’ il mio lato diciamo difficile .da ex anoressica redenta ma consapevole sono rimasta ossessionata dalla forma.ho la 42 da sempre e appena un kg si affaccia da qualche parte le mie ore di nuoto o cammino aumentano cerette tutto L anno compreso pedicure manicure scrub creme e pulizia del viso tinta .adoro i massaggi e tutto ciò in modo tale che il risultato sia naturale ma non lo è’.questa e’ la triste realtà.ohhh non credere potrei sbalordirti con ciò che mangio o. Evo 🙂 ma stai sicuro che il giorno dopo sarà frutta e barrette ed acqua .e’ il mio carcere.lo so pazienza.meglio che L anoressia o peggio.percio niente improvvisi pentimenti o ansie il mio corpo e’ la mia dorata prigione che tutti credono senza sforzi sacrifici o altro.ma io so la verità …..mi raccomandò tieni il segreto!
    Nb……non sono neanche riccia naturale ma nessuno lo sa 😀 !

  6. Ahah, divertentissimo!! 🙂 L’abbronzatura da muratore a volte purtroppo compare anche ora quando la tintarella della montagna si sovrappone a quella del mare o della piscina, con effetto strati …
    Comunque, per restare seri, non ho mai amato le megastudiate preesame, figurati se mi lancio in una stressantissima preparazione per la prova costume! Ci si può arrivare per tempo, tutto l’anno, senza esagerare ma non per esibire una forma strabiliante da giugno a settembre, piuttosto per stare bene con se stessi. Che poi è quello che conta, non solo alla mia età (anzi nostra … se la memoria non mi inganna) ma in ogni fase della vita. L’importante è la salute, e anche curarsi il corpo con buon senso fa parte del programma.
    Buona serata Tads 🙂
    Primula

  7. Il caldo arriva anche per gli ometti……e a volte lo scenario offre spettacoli davvero orribilanti……altro che gambetta bianca! Quanto siete pretenziosi! 😛

  8. Zio, io sono abbronzata tutto l’anno…. E naturalmente, senza ricorrere alle lampade! Sai come mi chiamavano a scuola? Polvere di Babilonia!!!!!!! 😈 però la pelle bianca ha il suo perché e a dirla tutta la invidio pure…. Per il fisico perfetto credo che se si andasse a fare la spesa a piedi, o magari anche solo a gettare la spazzatura al bidone di fronte casa, lasciando la macchina al suo parcheggio, si risparmierebbero parecchi soldi in palestra!

  9. Segni dei tempi. Una volta le dame, d’estate, portavano l’ombrellino per preservarsi dal sole e conservare la pelle bianca, segno di distinzione rispetto alle plebee costrette a lavorare sotto al sole (o alla pioggia, se per questo). Ma altro segno è che quello che tu egregiamente descrivi si applica ora, con poche e mirate modifiche, anche ai maschietti. Fisico tirato, abbronzatura e scarsa peluria sempre più d’obbligo.

    Un saluto.

  10. Il Toni è decisamente per la coscia bianca, ma sopratutto per il culo, ha detto che quando lo sculacci i vedono i segni, e questo per lui e il massimo dell’arrapamento. Ma , si sa, il Toni appartiene alla generazione dei costumi girocollo, è rimasto alle donne che per scendere al mare si vestivano invece di spogliarsi, è affezionato alla sorpresa, tutta quella “materia marronastra” sdraiata mollemente al sole mentre spippola su cellulari e I-pod non lo stimola!
    Lui, sempre il Toni, ama la sorpresa deve scartare il pacco, e più scarta e più sale la temperatura: non importa cosa gli si presenti alla fine dello svestimento. Quando l’ultimo indumento cade , lui è vicino all’orgasmo ( i preliminari: cosa sono roba da mangiare?) e se trova un bel sederone bianco e leggermente cellulitico raggiunge l’empireo!
    Tempo fa lo portai a Cannes, davanti ad una distesa di culi e tette di plastica , tutti rosolati al punto giusto, ebbe urti di vomiti !
    Ma il Toni è unico, è fuori dal tempo!

  11. 🙂 e’ troppo divertente quello che hai scritto! Come in tutte le cose non bisogna esagerare, per esempio l’abbronzatura, c’e’ una mia amica che tutti gli anni gia’ all’inizio di giugno e’ cosi’ nera che una volta mio marito mi ha detto, “ma chi e’?” 🙂 io non prendo sole diretto in viso, alla mia eta’ mi ritrovo solo delle rughe in piu’, sulle gambe invece sono abbronzata, e’ gia un po’ che lavoro in giardino con i fiori e l’orticello! In palestra andavo, adesso preferisco andare a correre a costo zero, bacioni e se non ci sentiamo, auguri di Buona Pasqua!!

  12. Buongiorno Tads, ho sempre sorvolato sul mio fisico.
    Mangio di tutto ( tranne carne e pesce) un bicchiere di vino nei pasti principali, cammino tanto e quando è possibile vado in bici, non amo l’ abbronzatura e il mio peso forma è intorno ai 52 Kg.
    Purtroppo o per fortuna madre natura è stata clemente con me
    Ti auguro una felice Pasqua
    Un abbraccio
    Gina

  13. il post è divertente ed ironico, credo che tutto si debba prendere come le medicine, nella vita, seguendo le istruzioni per l’uso, io amo moltissimo lo sport all’aria aperta, non le palestre con quell’odore di rinchiuso, per non meglio precisare, ma io conto solo per me
    piacere di averti letto
    saludos

    • neanche io sopporto la puzza della varia umanità, infatti la palestra me la sono fatta privata, basta avere una stanza libera, se sei pratico compri le attrezzature on-line risparmiando notevolmente, l’unico sclero è montare la cyclette ellittica, roba da dar di testa 🙂

      comunque quando mi prende la voglia un lungo giro in bici in mezzo alla natura lo faccio sempre volentieri

      piacere di averti qui

  14. Ti ho letto adesso, dopo una giornata intera che sto gozzovigliando tra vivande di ogni tipologia e dolci a go go.
    È probabile che la prossima settimana ritorni a dedicarmi al nuoto in modo più serio rispetto agli ultimi 6 mesi, ma lo faccio per controllare il mio umore più che il mio peso.
    Madre Natura con me è stata generosa, quindi tra la dote di mamma e papà e 30anni di volley… per ora vivo di rendita.
    Sono altresì consapevole che un giorno anche io sarò preda di rughe, cellulite e vecchiume generalizzato, ma conoscendomi…imparerò a conviverci benissimo e non farò nulla per impedire un decadimento che considero “normale”.
    La bellezza delle donne non sta nell’involucro che le palesa, ma nel loro sguardo ed in come muovono le mani. Nei capelli che sfuggono ad ogni tentativo di messa in piega. Nelle gambe bianche messe in bella mostra sotto minigonne improponibili, ma con l’ancheggiamento giusto.
    La bellezza sta negli occhi di chi le guarda ed io trovo molto più affascinante e carnale la rotondità di un ventre femmineo qualsiasi che non l’efebica magrezza di una strafiga over the top.
    Sono per la naturalezza dell’essere, giusto per concludere. Cellulite e pancetta inclusi.
    Buona Pasqua Tads.
    Un abbraccio
    Stefania

    • posso dirti solo una cosa,
      mi auguro che questo tuo commento venga letto da numerose donne, soprattutto che ne facciano bagaglio e lo capitalizzino

      ricambio abbraccio e auguri, seppur in ritardo

  15. oddio hai messo la foto della mia coscia?…..scherzi a parte il fascino, e la femminilità,
    sono doti naturale e che non si acquisiscono nei centri estetici…e cmq evviva le donne morbide

  16. E poi, dopo una certa età, è perfettamente inutile dannarsi l’anima.
    Il cedimento strutturale e la forza di gravità avranno sempre la meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...