le cose che “spaccano”…

1146708_597524840287724_1503338590_n

L’autore/trice di questo graffito tenta di ideologizzare un tipo di orgasmo femminile poco diffuso (i dati parlano del 10%) ma sempre più ricercato (in rete si trovano seriosi video “didattici” che insegnano come raggiungerlo). Dietro questa appropriazione politica del pink pleasure si nasconde qualcosa di ambiguo che bypassa la fresconeria degli imbrattamuri. Il termine “squirting” definisce l’eiaculazione femminile, lo squirting non è una lubrificazione abbondante, è una vera e propria fuoriuscita di fluidi, in genere più copiosa, potente, esplosiva di quella maschile. Non intendo elaborare un trattato sullo zampillante delirio di nicchia in questione, preferisco cimentarmi nel decriptare, satireggiando, la scritta sul muro.

Senza scendere in dettagli tecnici e minuziose descrizioni, è facile immaginare situazioni intime “rovesciate”, lo squirting consente alle femminucce di fare ciò che da sempre è appannaggio dei maschietti, non è azzardato dire che tale orgasmo possa essere considerato la concretizzazione più tangibile della agognata “parità” dei sessi. Il “letto” è certamente l’ultimo baluardo in cui è ancora consentito agli uomini fare i “maschi” e alle donne le “femmine”, la diffusione su larga scala dello squirting potrebbe minare questa “deroga” che ancora regge, seppur barcollante. Rischiamo di assistere a una inversione di tendenza epocale. Nelle osterie e negli spogliatoi dei rugbisti: “le donne sono tutte uguali, pensano solo a squirtare”, “ieri la mia amante mi ha squirtato in un occhio”, dalla pettinatrice e ai corsi di uncinetto (cadeau vintage): “che bonazzo il tuo nuovo amico, l’hai già squirtato???”, oppure: “non puoi immaginare quanto mi piacerebbe squirtare quello stronzo che se la tira…”.

E così dopo la commedia pecoreccia degli anni 70/80, i giullari Sanremesi, lo sfornatutto De Longhi, gay/lesbiche/trans, cineasti impegnati (a ciucciare euro), scribacchini premiati, paranze di intellettualoidi, conduttori che farebbero meglio a condurre mandrie durante la transumanza,  “maitre à penser” pensierosi che pensano a cosa pensare per riuscire a far pensare l’impensabile a coloro che non ci pensano minimamente di pensare a quello che loro pensano… anche lo squirting è stato opzionato dalla sinistra chioccia delle minoranze. “Scappelliamoci” di fronte alla coerenza. Le deputate di centro destra dotate di “vagine socievoli” sono puttane, le loro omologhe di centro sinistra “donne che si autodeterminano”, il triangolo consumato a destra si chiama “ammucchiata ributtante”, quello organizzato a sinistra “sperimentazione” (leggetevi il libro autobiografico di Carmen Llera Moravia, vanto della sinistra, un must che trasforma le olgettine in verginelle timorate e costumate. Molto “morali” anche le immagini in cui si vede la Melandri svaccare della grossa durante una festa. E’ notorio, le caciare di destra sono “orge”, quelle di sinistra “momenti di aggregazione culturale”). Le zoccole di destra non squirtano, simulano l’orgasmo per fare carriera, quelle di sinistra squirtano perché la carriera ce l’hanno garantita. A dritta “bunga-bunga”, a manca “squirta-squirta”. Negli ultimi anni è diventata sempre più marcata, irritante, l’infingarda attitudine di giudicare comportamenti simili in modo opposto.

Per quanto importante lo squirting non è la “preda” più eclatante catturata dai “mancini”, il vero “trofeo orgoglio” consiste nell’avere espugnato l’alcova di Arcore, serpe in seno, diciamo cavallo di “troia”, l’ex moglie del Cavaliere. La “Signora” Miriam Raffaella Bartolini (in arte Veronica Lario) ha riempito di corna il Berlusca, lo ha sputtanato sui mass media ridicolizzando la sua Italica virilità, è riuscita a spilorciargli un vitalizio da tremilioni di euro al mese. Praticamente, come direbbero al dopolavoro ferroviario, lo ha inculato a sangue (una ex attricetta è riuscita a realizzare il sogno di mezza Italia, una chimera che politici, giornalisti e magistrati non sono riusciti a raggiungere in 20anni). Tranquilli, non sono fuori tema, l’affaire “Veronica Lario” è la più grande squirtata cerebrale della sinistra (in attesa di udire il tintinnio delle manette). Tra l’altro i soliti bene informati mormorano che i vertici del PD stiano cercando di convincere il papa a beatificare la “pentita” da viva, per meriti acquisiti nel lett…,, ehm… sul campo.

Visto che valgono anche le squirtate concettuali… se sessualizziamo le grandi opere lo squirting passa al centro destra, la TAV voluta da Prodi è una metonimia obsoleta (il treno fallico che si infila nel tunnel, scopatina proletaria, robetta, pure super rapida, missionary position). Il ponte sullo stretto anelato da Berlusconi sarebbe molto più squirtoso, rappresenterebbe quella fiera altezzosità tipicamente femminile e poi… con tutta quell’acqua sotto, inquieta, nervosa, sbattuta dalla corrente, vogliamo mettere???

Prevenire è meglio che curare, quindi prima che qualcuno si presenti qui a chiedermi cosa mi sono fumato, chiudo il post rientrando nei ranghi (circa meno quasi). L’autore della scritta sul muro, maschio o femmina che sia, nella scatola cranica avrà certamente una trota in carpione. Sarà il buco nell’ozono, sarà l’aria, sarà il mangiare… tant’è che una volta si faceva a chi era più furbo, adesso si fa a chi cristallizza prima la demenza. Evitate di fare questa considerazione tra le gente, potreste imbattervi in qualche intellettuale paranoiato (ovviamente di sinistra) pronto ad accusarvi di essere ignoranti, già mi pare di sentirlo: “Parole vergate su un intonaco ingiallito dalla saggezza che fungono da paracadute psicologico, nel suo volteggiare silente si rende sineddoche dell’esistenza, alito “emogentilizio”, sintesi di una crestomazia, sì apotropaica ma anche onomatopeica e con una pennellata di eterodossia, fuggite il cachinno e siate ieratici”. Chiarissimo, elementare (spero non legga questo passaggio Nanni Moretti, potrebbe venirgli un travaso di bile, però… ripensandoci…!!!). Domanda: “Signor Moretti, ci dica qualcosa di sinistra”, risposta: “ho le emorroidi infiammate, ho mangiato troppa carne di caimano”.

C’è chi al posto del DNA ha il DNB

God save lo squirting dalle grinfie della sinistra…!!!

Tullio Antimo da Scruovolo

 

Annunci

52 thoughts on “le cose che “spaccano”…

  1. Pensa che neppure sapevo che esistesse questo “Squirting” ! 😆
    Chissà com’è che ho potuto vivere per 44 anni di matrimonio senza conoscerlo! 😳 🙄 😉
    Sono proprio un’ignorante! :mrgreen:
    Ma l’autore o l’autrice dell’edificante graffito mica sarà tanto intelligente a scrivere simili corbellerie.
    Ciaoo
    liù

    • ciao Liù, bentornata,
      in effetti è poco diffuso e se ne parla poco, c’è chi sostiene che negli anni andati lo squirting costituisse elemento di vergogna, quindi era meglio reprimerlo

      • Sinceramente io lo trovo un po’ esagerato e penso anche che se effettivamente esiste le donne che lo hanno provato a questi livelli debbano essere davvero poche,oppure c’è anche chi preferisce mentire pur di dire di aver provato una simile estasi!

        • la medicina parla, come ho scritto, di un 10%, non so quanto possa essere affidabile questo dato ma in assenza di altri prendiamolo per buono. Comunque lo squirting non è più estasiante dell’orgasmo “tradizionale”, non a livello di percezione fisica, lo è certamente a livello ottico, magari psicologico. Voglio dire, non è automatico che le donne squirtanti godano più delle altre.

  2. Sono il solo a continuare a considerare certi riferimenti sessuali troppo diretti come di cattivo gusto? Sono retrogrado, lo so, ma penso che un minimo di distanza tra pubblico e privato sia sempre necessario. Se poi dobbiamo portare tutti un cartellino che spieghi in dettaglio cosa siamo e come lo facciamo, allora ci metterò un po’ ad adeguarmi.

    Al di la di questo, concordo sulla ridicolaggine di voler politicizzare tutto, o meglio ideologizzare, a destra come a sinistra (per non parlare del centro, che ideologizza con falso moralismo). Sulla nemesi sessuale di Berlusconi, poi, sono assai poco interessato.

    • è un po’ il senso del post, l’involuzione sociale, una volta sui muri si leggeva: “governo ladro”, forse questa affermazione è diventata talmente ovvia da essere abbandonata pure dai writer.

  3. Da quello che so (ma potrei sbagliare) lo squirting è una fuoriuscita di urina durante l’orgasmo, a parte questo concordo con il tuo punto di vista! Buon inizio settimana!

    • la scienza sostiene che lo squirting non c’entri niente con l’urina e nemmeno con il liquido lubrificante degli orgasmi normali.

      grazie, buona settimana anche a te

  4. Hai mai sentito “destra sinistra” di Gaber? E’ più o meno il succo del tuo post. Se non la conosci, o l’hai dimenticata, dimmi cosa ne pensi dopo averla ascoltata.

    • Dopo aver letto il tuo commento sono andato a cercarla su youtube e l’ho ascoltata, non la conoscevo, carina. Sono molti i cantanti che hanno fatto brani su destra e sinistra. Nel suo ultimo programma in Rai Celentano usò la metafora dell’essere rock oppure lento ma la sostanza era quella. Le divisioni che fa Gaber sono condivisibili, reali. Io evidenzio una strategia molto meno nobile e obiettiva, spesso ipocrita ma soprattutto inutile, se non dannosa.

      • Si, ho colto nel tuo post un senso di disprezzo per questo politicizzare tutto, persino le rarità sessuali se vogliamo metterla così. Però purtroppo chi sfrutta senza mezzi termini il proprio ego, buttandolo sito i piedi riesce a raggiungere un traguardo. Diciamocela tutta, dai. Oggi come oggi la dignità vale ben poco. Con la dignità non ti compri il pane, e come ricorre spesso nel linguaggio dei luminari contemporanei, è il lavoro che ti da una dignità. Se non ce l’hai un lavoro non hai soldi, ne dignità e allora sessualizziamo la politica. Fra un po’ sentiremo parlare di una sinistra che eiacula precocemente, dato che il suo governo durerà per poco, o addirittura se vogliamo paragonarlo alla durata della vittoria bersaniana, che in meno di una settimana si è andata a farsi friggere.

        • la sinistra non eiacula, né velocemente né tardivamente, in quanto totalmente impotente (volendo usare metafore sessuali)

          cara Aida, la dignità ce l’hanno anche i disoccupati, gli esodati e molti poveri, non solo chi lavora. Sono i politici, TUTTI, a non averla, quelli di una certa parte ancora meno. Io non voglio difendere Berlusconi, nemmeno lo voto, però ha creato una realtà imprenditoriale che dà lavoro a migliaia di persone. Gente come D’alema, Bersani, Rosy Bindi e compari vari… nella loro vita non hanno mai fatto un solo giorno di lavoro produttivo. Cofferati prende tre pensioni con all’attivo due giorni di lavoro VERO, roba da vergognarsi. A Napoli dicono: “chiagni e fotti”, tanto per restare in tema.

          • A volte mi escono delle cavolate, ma oggi come oggi vedo persone suicide convinte che la dignità sia nel lavoro, non nel rispetto di veri principi. Dei politici io ci credo poco, destra o sinistra che sia. È vero, Berlusconi ha dato lavoro, molti mangiano senza produrre. Ma è vero che si è diffusa una realtà mostruosa fra i giovani. Te lo scrissi qualche tempo fa. I figli di, i ruffiani che non badano a mantenersi un nome ma vanno vaneggiandosi di avere un’occupazione dopo aver gironzolano attorno al docente di turno per più di cinque anni. E magari tu, semplice, umile, rimani li in attesa che qualcuno ti noti per le capacità cognitive, per il saper fare, non il saper essere. È umiliante, ma io personalmente non scendero’ a patti. A costo di farmi mantenere da un marito e rinunciare agli extra per tutta la vita. Perché non sono di destra nè di sinistra ne di centro.

            • purtroppo, per dritto o per storto, è tutto riconducibile alla gestione politica, se, crisi a parte, siamo allo sfascio su tutti i fronti è proprio perché non esiste un sistema meritocratico. Una volta si diceva che l’importante era avere un “pezzo di carta”, oggi l’importante è avere la tessera giusta in tasca ed essere agganciati al “capobastone” giusto. Di valori neanche a parlarne, quelli saltano fuori solo quando urge masticare aria mediatica.

  5. Considerare lo squirting una conquista sociale mi pare una vera e propria caxxata, dargli una valenza politica …… non riesco neanche a commentarlo…… Chi ha scritto quella roba sul muro sicuramente ha del DNB al posto del DNA :mrgreen: :mrgreen:
    Complimenti per il post …. Però Tads, ti prego, permettimi la domanda: ma cosa ti fumi?: “Parole vergate su un intonaco ingiallito dalla saggezza che fungono da paracadute psicologico, nel suo volteggiare silente si rende sineddoche dell’esistenza, alito “emogentilizio”, sintesi di una crestomazia, sì apotropaica ma anche onomatopeica e con una pennellata di eterodossia, fuggite il cachinno e siate ieratici”.
    Brrrrrrr……

  6. Mi è piaciuto molto ciò che hai “tirato fuori” da una scritta sul muro!

    Hai mai visto Caruso pascoski di Nuti? C’è un pezzo fantastico di loro seduti su una panchina e Nuti che associa i partiti agli affettati :

    😀

    • dello squirting ne ha parlato Aristotele nel I sec. a.C,
      in effetti è stato poco pubblicizzato, certamente tenuto nascosto per svariati motivi, fino a ieri la sessualità femminile è stata “segregata” socialmente e culturalmente.

      Grazie per gli elogi

  7. Ancora sesso e politica: un binomio sempre all’ordine del giorno …ma chissà perché?
    Al di fuori delle…esperienze personali e non, la scritta dovrebbe assumere il significato di “non riconducibile a…” ma se fosse… a cosa poi, mi chiedo!
    L’ involuzione sociale, si, ma ,forse ,anche qualche neurone che funziona poco. Pure “l’emisfero celebrale ” sia a destra che sinistra, e recuperare l’equilibrio tra questi due è impossibile o quasi.
    Tutto inutile quindi! ma che …coraggio, però 😦
    Il tuo funziona troppo…però! Il neurone intendo.

      • Ah! E’ un contratto a termine? :
        Eccomemai? 🙂
        Continuo a non capire il binomio ” sesso & politica” …non è scientificamente provato, forse, solo una predisposizione e ..familiarieta’ , sia a destra e sinistra sono….in sintonia, mai in disaccordo. 😦

        • continui a non capire il binomio “sesso-politica”???

          pensi che Nilde Jotti avrebbe fatto la stessa, lunghissima, carriera politica se non fosse stata l’amante adultera del fedifrago “compagno” Palmiro Togliatti???

  8. Io non arrivo a simili vette di analisi.. mi limito a constatare che un imbrattamento di muri è un imbrattamento di muri… per quel che vale, poteva anche esserci scritto “Paperino si fotte gli elefanti” .. sull’attribuzione a una parte politica, poi, mi attengo a quanto già richiamato a proposito della canzone di Gaber. La distinzione ormai non è più fra destra e sinistra, ma fra ladri e onesti, con quel che ne consegue. Che se poi uno gode a trombarsi una damigiana, fatti suoi: il mondo è pieno di psichiatri e psicologi affamati pronti a dimostrare che è tutta colpa di Edipo 🙂

    • illustre Leonardo,

      questo è un blog fuori dagli schemi, soprattutto espressivi, da circa dieci anni uso questo spazio (prima ero su un’altra piattaforma) per affrontare tematiche sociali, lo faccio in modo molto personalizzato. I miei post contengono “quasi” sempre tre messaggi distinti, uno leggero, uno riflessivo e uno di denuncia

      per meglio spiegarmi, in questo post:

      1) possiamo allegramente parlare dello squirting

      2) possiamo parlare delle strumentalizzazioni a tutto tondo

      3) possiamo parlare di un becero indottrinamento delle masse (da anni assistiamo ad un sistematico tentativo di lavaggio del cervello, vogliono farci credere che la stessa azione abbia una logica negativa se compiuta a destra e una positiva se compiuta a sinistra

      rispondendo al tuo commento…
      la differenza tra destra e sinistra a livello di furbate e ruberie NON è mai esistita, purtroppo da tanti anni non esiste nemmeno più quella politica. Anche l’antiberlusconismo è un movimento ideologico solo di facciata. Quando personaggi altolocati proclamano: “quello mi è antipatico a livello epidermico”, capiamo in quale fogna intellettuale è piombato questo Paese.

      ti ricordo un proverbio: ” per far dispetto a mia moglie me lo taglio”, siamo a questi livelli

      è sempre un piacere averti qui.

      • …è così… viviamo, metaforicamente parlando, in una fogna mentale, e si fa fatica a stupirsi di quello che succede. Essere “normali” forse è la vera notizia… qualunque cosa voglia dire essere normali.. lungi da me l’idea di introdurre toni censori in questo blog che considero molto spiritoso ma anche sensato. Come dicevano gli antichi, “castigat ridendo mores”.
        Ciao, Leo (e non chiamarmi illustre, ti prego.. 😀 )

  9. Quando si è abili come te anche una scritta può divenire articolo e che articolo! Anch’io non conoscevo questo termine, mai sentito parlare, mai letto, e tra l’altro in quel dieci percento ci vedo anche un’esagerazione. E’ vero la sessualità femminile è stata segregata come argomento tabù, ma ora vi è un eccesso in senso opposto, ne scaturisce che la donna ha perso la sua femminilità. Purtroppo accade sempre più spesso che la donna per far carriera diventi merce di scambio, è triste, avvilente e la politica non è da meno, per giungere alla poltrona sviliscono se stesse: viviamo in un mondo dove il senso morale è un valore obsoleto. Comunque può darsi che non siano tutte così in quel mondo? Ecco voglio sperare che almeno ve sia qualcuna veramente capace per meriti diversi!
    Sai Tads riesci a rendere leggibile anche argomenti di un certo genere, con la tua satira mi hai strappato sorrisi, questo dimostra che anche la scabrosità se ben condotta è argomento da non tralasciare.
    Buona giornata, ti lascio un affettuoso saluto.
    annamaria

    • le tue parole mi gratificano, è un po’ il mio obiettivo, riuscire a parlare di qualsiasi cosa senza ambiguità né pruriginosi secondi fini

      buona giornata

  10. E noi lasciamo che credano anche a questo, perchè un conto è godere del proprio orticello, un conto è essere superbamente e largamente sbruffoni, e alla fine, non godere nemmeno di quel pochissimo che si ha.

    🙂

  11. Ciao TADS
    Il XXI secolo è il secolo dello: “Squirting Mania”. Nei Pub è l’argomento del giorno.
    MI chiedo:
    (a) Ma perché una donna vorrebbe arrivare a questo tipo di esperienza?
    (b) E’ solo per gioco?
    (c) Per il desiderio di esplorare e ampliare le proprie esperienze sessuali?
    (d) Per il gusto di dimostrare il proprio piacere?
    (e) O per il desiderio di condivisione dell’eiaculazione con il proprio partner?

    Ti stringo cordialmente la mano. Edo
    piesse ho fatto un sondaggio politico, ebbene, vince il “Centro”.

    • non avevo dubbi sulla vittoria del “centro” :mrgreen:

      credo sia una somma delle opzioni, io ci aggiungerei il punto (f), come tutte le cose anche lo squirting è entrato nel calderone delle tendenze trendy, infatti come tu confermi, è l’argomento in auge.

      Ti stringo anche io la mano cordialmente

  12. uh! un’altra cosa radical chic che fa trend? Non lo sapevo e confesso la mia ignoranza. E ora come si va avanti senza provarla?? Roba da non dormirci la notte 🙂
    Sulla signora Veronica non so: di certo nel suo castello dorato ne avrà viste un quarantotto e altrettante ne ha abilmente restituite. Gran colpo per lei che alla fine è la vera vincitrice. Così si fa, caspita!

    • ahahahahahaha… “così si fa, caspita” :mrgreen:

      di polli come Berlusconi al quali “spennare” 3milioni di euro al mese non ce ne sono più, di “uteri estroversi” come la “Signora” Veronica Lario ce ne sono milioni, la concorrenza è agguerrita 😀

      per la precisione, la Signora non ha mai visto niente, nessun quarantotto, da tantissimi anni vive nella tenuta brianzola (quella avuta in usufrutto), non nella residenza di Arcore e men che meno a palazzo Grazioli, questo è un particolare importante.

      • da almeno 4 anni langue nella mia libreria il libro della ex signora Berlusconi, “io,Veronica”, un regalo che mai ho avuto voglia di leggere. Dovrò, prima o poi, per saperne di più, eh!
        Dell’altra signora con l’utero estroverso, la Carmen LLera Moravia, quale libro consigli? Lessi Georgette ma ricordo ben poco. Forse una scena con un armadio di mezzo o forse sto confondendo con un libro di Marina Ripa di Meana…boh. Ho la memoria pessima io o sono libri che scivolano via e punto?

        • sono libri che servono per accendere il camino oppure mettere in bolla i tavolacci delle case in campagna, hai presente quando si mangia fuori col tavolo che balla e si rischia di rovesciare il vino??? ecco, uno di questi libri sotto la gamba barzocca è l’ideale per pranzare tranquilli 😀

          il titolo del libro della Llera non lo ricordo, un “diario” erotico/porno che ha fatto scalpore perché pare che i protagonisti maschili di un triangolo con lei fossero Fassino e Gad Lerner.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...