Real Time…

Errabondando nei cunicoli della rete mi imbatto in un profilo femminile:”XXXX, la mia vita è cambiata da quando ho scoperto Real Time”. Incuriosito da siffatta svolta decido di sfruculiare nel canale 31 della TV andando alla ricerca di Marziane rivelazioni. Sarà perché non ci ho perso tempo più di tanto, sarà perché è un canale prevalentemente rivolto ad una utenza femminile… tant’è che non ho ancora realizzato se RT sia una genialata oppure la bottega degli orrori del digitale terrestre. Riporto in sintesi ciò che ho visto.

Una certa “Clio”, guru del make-up, si cimenta in miracolose metamorfosi rendendo farfalle poco gradevoli larve,peccato abbia una trentina di chili in eccesso. Uno spilungone che indossa abiti realizzati con i plaid a quadrettoni, quelli che un tempo si usavano per andare in camporella, conduce: “ma come ti vesti”, no, non è un programma autobiografico, il tipo “insegna” alle sfigate come cambiare look. Una tardona con i capelli bicolore fa l’immobiliarista televisiva, roba per poveracci che cercano appartamentini da un milione di euro. “Mad fashion”, una affiatata equipe di stilisti creativi made un USA “costruisce” abiti/installazioni da TSO per bizzose Signore esibizioniste. Ci sono anche programmi in cui si parla di “sepolti in casa”, di donne che partoriscono senza sapere di essere incinte, casalinghe che pagano una spesa da 1.000 dollari con i soli coupon e varie altre inverosimili americanate.

La trasmissione, tutta Italiana, che più mi ha colpito è: “cortesie per gli ospiti”, la conduzione è affidata ad un pool composta dallo chef televisivo Alessandro Borghese (figlio della Bouchet), da una “interior designer (arredatrice di budella?)” che risponde al nome di Chiara Tonelli (diversamente bella, diversamente elegante, diversamente simpatica) e un ragazzO (più o meno) “esperto in buone maniere” che inorridisce davanti ad una tovaglia non bianca. In ogni puntata due coppie appassionate di cucina si sfidano organizzando cene in casa propria ospitando i tre “giudici” e i rivali.  Il format è alquanto singolare, i componenti del trio scroccone “magna e fotti” prima si riempiono la “ventrazza” come maiali all’ingrasso e poi criticano, criticano tutto, le portate, la casa, i mobili, l’ospitalità, modi fare, ecc. ecc. Il partecipante meno sputtanato vince, udite udite, una coccarda colorata… è notorio, c’è crisi, meglio non esagerare con il montepremi. Tra le varie passioni che coltivo c’è anche quella culinaria e quindi colgo l’aspetto positivo del programma, le ricette, ho provato a farne una (pennette con radicchio e pere) e devo dire che è venuta fuori una pietanza da leccarsi baffi e dita senza ritegno, alla faccia del bon ton. Personalmente credo che il trittico più che esserci ci faccia, saranno esigenze televisive ma se il loro obiettivo è risultare antipatici ci acchiappano alla grande, eccezion fatta per lo chef (recentemente passato a Sky) che non di rado si prodiga in sinceri apprezzamenti, gli altri due, pur di muovere appunti e fare i fighetti, arrivano a dirne di ogni colore.

Real Time è una gigantografia di “realTV”, stranezze, orrori, becerume umano, follia e ostentazione si alternano così rapidamente da arrivare a mischiarsi, incastrarsi, confondersi. Trash, kitsch, glamour e peripezie circensi, sono gli ingredienti di un palinsesto che sicuramente traccerà una parabola ascendente sul grafico degli ascolti.

…”XXXX, la mia vita è cambiata da quando ho scoperto Real Time”…, la mia no ma ora il senso dell’affermazione mi è più chiaro. Mi permetto di suggerire agli editori del canale TV una maggior presenza di uomini etero, sempre non vogliano trasformarsi in “Real Gay”.

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

11 thoughts on “Real Time…

  1. Fantastico questo canale, non l’ho mai visto, non ho mai seguito un suo programma, ma so praticamente tutto di loro e di quello che fanno grazie al fatto che tutti ne parlano. E a me questa cosa fa un pò paura.

    TADS’ ANSWERS:

    proprio paura magari no, forse su qualcuno ha un potere eccessivamente catalizzante

  2. Ho scoperto Real Time per caso, stavano trasmettendo Paint your life, programma sul bricolage, non perché io sia appassionata di bricolage, ma mi rilassava vedere le “creazioni” della tipa che conduceva tale programma…
    Per quanto riguarda Clio, mi chiedo come facciano certe ospiti che affermano di non essersi mai truccate, poi usare pennelli, ombretti , rossetti e affini con una facilità estrema da provette truccatrici… Certo è, che alcune, secondo me, è meglio che rimangano come sono arrivate!

    L’attaccapanni di Come ti vesti con la mummia bianca, è meglio che si guardino un po’ allo specchio.

    Ma davvero Alessandro Borghese è il figlio della Bouchet? Lo trovo bravo forse un po’ maldestro…

    Gli altri programmi non li ho mai visti…

    Si in effetti qualche uomo in più….

    Un saluto.

    TADS’ ANSWERS:

    ciao Sabry,
    si Alessandro è il figlio della Barbara Bouchet,
    del programma “come ti vesti” ho visto solo un pezzo di una puntata, lo spilungone è proprio da Zelig, una macchietta.

  3. Personalmente non sopporto il modo aggressivo di intrufolarsi nella vita degli altri, la volgarità dilagante e la maleducazione esplicita. Con me queste persone o programmi televisivi che siano non hanno fortuna, sì, lo so che sono antica o vecchia o quello che di peggio potete pensare, falsa no, nessuno può dirlo perché la verità non sta nella brutalità che offende l’altro. Comunque debbo anche affermare che i maleducati mi evitano oppure si rassegnano a cambiare. Cos’è poi quell’immagine della Madonna? Che uso ha? Chi vogliono prendere in giro con “non sapevo di essere incinta?” Almeno non tocchino argomenti che non conoscono affatto e non disturbino quelli (pochi) che ci credono sinceramente.

    TADS’ ANSWERS:

    l’immagine con la madonna è una pubblicità del programma,credo, l’ho messa per rendere l’idea.
    Comunque Real Time non manda in onda servizi “rubati” alla altrui intimità, anzi, credo addirittura che selezionino le varie richieste, parrà assurdo ma è proprio così.

  4. ti confesso tads che a me queste trasmissioni fanno morire dalle risate,mi rilassano, mi conciliano il sonno. Una considerazione semiseria però voglio farla. Se i tamarri e gli snob smettessero di farsi la guerra e imparassero a convivere in pace, potrebbero partorire due nuovi generi, lo snobtamarro e il tamarrosnob. Chi l’ha detto che ruttare a tavola dopo mangiato è da maleducati? Se non erro esiste una corrente di pensiero della psicoanalisi che invita, per superare le proprie nevrosi, a liberarsi di ogni inibizione. Cominciamo allora col rutto libero. Non si può volere la botte piena e la moglie ubriaca….

    TADS’ ANSWERS:

    mi sa che ci hai preso, in fondo Real Time tenta, direi spesso, proprio di ibridare gli snob con i tamarri.
    quando si parla di rutti a tavola mi viene in mente la scena in cui, durante una cena ufficiale in pompa magna, Bush padre vomitò in testa al premier Giapponese seduto al suo fianco. Quando si dice: “un rutto vestito” :mrgreen:

  5. Guardo la tv in casi molto rari, anche perché, per scelta, lavoro proprio negli orari cosiddetti di prima e seconda serata.
    Anche se capisco e apprezzo la curiosità e l’amore per il grottesco, questa tua divertente descrizione mi riempie di gratitudine autentica (e comunque priva di snobismo) per il tempo risparmiato, quello che eviterò di spendere su quel canale digitale terrestre, terrigno, terroso, terrificante.
    Ad maiora!

    TADS’ ANSWERS:

    lo vedi… c’è chi si sacrifica per voi… 😀

  6. Ehm… seguo sia Clio Make Up che Enzo e Carla di “Ma come ti vesti”, due programmi scelti e registrati da mia figlia, ridiamo insieme dopo cena ascoltando i consigli con obiettività.
    Tanto per…Chi si spalma il fondotinta d’estate? Con l’umidità e il sudore ti si macula la faccia!! Non è meglio un viso pulito con un filo di mascara e rossetto? Il programma di Enzo e Carla, a cui cambierei subito il nome in “Ma come cazzo parli” per come si esprimono …stampa animalier che ti fa così sauvage…. consiglia femminilità accostando colori e vestiti con gusto. EnzA è più bravo a scegliere abiti e accostamenti femminili che i suoi, orribili! Però… chi è che indossa il tacco alto per passeggiare il pomeriggio con le amiche piuttosto che un paio di sneakers o sandali bassi? Mi riferisco a lunghe passeggiate. Chi non ha nel proprio guardaroba e tra gli accessori il color nero, il “grigino”, il “bianchino”, il “cremino”….o cambiamo l’armadio con giacche a fiori e gonne lilla con tocchi qua e là di rosa Schiaparelli? Ok un po’ di colore ci sta, ma…. a fine puntata arriva il bello. Vogliam parlare del costo del vestiario per andare al lavoro, a passeggio e uscire la sera,? Suvvia, c’è la crisi! 😀
    Restando in tema di fine puntata, anche se con delle “forme importanti” come direbbe Enzo, Clio ha un bel visetto, è un’esperta ed il suo trucco è perfetto. L’ospite invece non sempre è abile e al suo posto con un viso “pasticciato” in primo piano chiederei un risarcimento danni! Ma dov’è il risultato stupendo?
    Di questo genere di programmi penso che si possa cogliere solo all’aspetto positivo, potrebbero insegnare a truccarsi, a vestirsi, a cucinare, ad arredare ecc… ecc…, ma anche a rilassarsi dopo una giornata impegnativa per non si corre il rischio di addormentarsi davanti ad un bel film.
    Potresti dirmi quale tipo di radicchio? O meglio, mi passi la ricetta? Grazie! 🙂

    TADS’ ANSWERS:

    che scarpe ci vogliono sotto un tailleur color guano??? :mrgreen:

    ricetta:

    rosolare la cipolla sminuzzata,
    buttare dentro il radicchio tagliato a striscioline,
    un pò di vino bianco e lasciar sfumare,
    aggiungere le pere sbucciate e tagliate a dadini,
    aggiustare di sale e pepe,
    saltare la pasta appena scolata,
    servire con pecorino a scaglie.

    nb: il condimento è pronto in circa 12/13 minuti,
    regolarsi con la cottura della pasta

  7. Oggi finalmente sono riuscita a trovare il tempo per curiosare nel tuo blog e l’ho trovato davvero molto interessante. Mi piace lo stile e ne condivido il pensiero. Dei programmi che hai citato qualcuno mi è capitato di vederlo e credo possano essere annoverati tra quei programmi cosiddetti “di evasione”, che altro obiettivo non hanno se non distogliere l’attenzione dai problemi seri e reali da cui siamo letteralmente sommersi, obnubilando così le nostre menti. insomma non vogliono farci pensare e ci distraggono con storie insulse e falsi problemi come a chi rivolgersi se si ha a disposizione un milione di euro e si desidera fare un investimento immobiliare. Ma stiamo scherzando? Molti italiani, purtroppo, a causa della perdita del lavoro, della cassa integrazione, dei continui rincari dei carburanti…..etc etc, sono alle prese con il dilemma di come conciliare il pranzo con la cena e questi propongono acquisti milionari, cambi di guardaroba, trucchi e parrucchi!!!
    La soluzione? Il telecomando!
    Ciao Tads, ti abbraccio
    Melina

    TADS’ ANSWERS:

    Ciao Melina, benvenuta nel mio blog.
    Credo Real Time possa essere considerata, visti i lusinghieri ascolti, l’osanna a quella scuola di pensiero che attribuisce all’insulso un valore direttamente proporzionale alle problematiche esistenziali. Forse più che di una fuga dalla realtà trattasi di esorcizzazione del disagio.
    Un abbraccio anche a te.

  8. Buongiorno caro Sdat, perdona la mia assenza ma preferisco commentare le donne che gli uomini!! 😀 😀 .Dai scherzo, scrivo e commento dall’ufficio e sulla tua piattaforma e su quella di “Margot” non posso accedere. Adesso ho il pc di casa ed eccomi qua.
    Quelle poche volte che accendo la tele seguo i canali come Dmax (52) e da oggi (nuovo) vedrò questo canale “Focus”, Real Time non lo seguo ma se una tv cambia la vita è meglio tenerla come soprammobile. Ora mi godrò questo sabato di mare e aguro a te un buon W.E.

    🙂

  9. Dimenticavo….. L’ultima foto del post mi ritrae con gli occhiali. Come hai fatto a trovarmi?? 😀 😀

    TADS’ ANSWERS:

    ciao carissimo, bentornato
    sei tu quello con gli occhiali nell’ultima foto???
    vedo che ti sei sottoposto ad una dieta ferrea :mrgreen:

  10. paint your life è carino dai !!!
    quando allattavo e avevo molto tempo per vedere la televisione questo canale mi divertiva molto… ma proprio per le loro critiche ho smesso… mi facevano venire l’ansia! Sono più divertenti le televendite… tu non immagini quante cazzate possono vendere! Peccato non ho più così tanto per rilassarmi… e dormire davanti alla tv,,,,,,,,,,

    TADS’ ANSWERS:

    allattavi guardando real time?
    pensavo che questo canale il latte lo facesse venire alle ginocchia 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...