Casi umani e umani casini…

Poiché gran parte degli otto miliardi di abbonati al nostro “TADS & WOMEN WEEK MAGAZINE” ci chiede ripetutamente consigli e consulenze sulle problematiche di coppia, abbiamo deciso di dare vita ad una nuova rubrica, uno spazio finalizzato alla interazione con i lettori, innovazione editoriale unica al Mondo che, dopo una miriade di riunioni fiume, colti da un eccesso di originalità creativa, abbiamo deciso di chiamare: “lettere al Direttore”. Al solo scopo didattico ed informativo, ci pregiamo sottoporre alla vostra cortese e dotta attenzione alcune delle innumerevoli missive che hanno intasato le caselle e-mail aperte ad hoc…

Prima lettera:

Egregio Signor Direttore Dottor TADS, mi chiamo Olga, le scrivo da Voghera, sono una casalinga 45enne, la situazione che mi affligge e sconforta è la seguente. Mio marito mi trascura, dopo tanti anni di matrimonio è diventato un pantofolaio, passa le ore davanti alla televisione e non mi vede più come quella donna che da fidanzati e appena sposati lo faceva impazzire e ardere di desiderio, mi possedeva in continuazione, la domenica anche 6/7 volte, che nostalgia Dottore, sapesse…. Io, tutto sommato, a parte qualche chiletto in più, la cellulite, il seno pendulo, le vene varicose, l’alitosi, qualche pelo superfluo, l’aerofagia ed un paio di tic nervosi… penso di essere ancora piacente, soprattutto quando mi trucco (un po’ vistosamente), indosso la lingerie sexy e mi faccio da sola la tinta (rosso Tiziano, per via della ricrescita). Veniamo ai fatti, seguendo i consigli delle mie amiche che incontro sempre al mercato mi sono messa a fare, sia chiaro appena appena, come dire…??? La disinvolta, cosi, tanto per risvegliare gli istinti del mio consorte, forse non mi sono calata bene nel ruolo visto che nessuno mi filava ma non ho desistito, alla fine, Signor Direttore, sono andata ad innamorarmi dell’unico Congolese basso, grasso, mini dotato, sdentato e sessualmente veloce come Flash approdato in Italia. La prego, mi aiuti ad uscire da questa tragedia, che devo fare? Speranzosa la saluto.

Il Direttore risponde:

Signora Olga, lei rientra sicuramente nella casistica escopoterrica, allocazione confortata dalle ficcanti concezioni Condomiane, secondo le quali non potrà esserci la conficatanza passiva intesa come reazione alla umidità arida tipica dell’inalberarsi boschivo di natura Amazzonica. Tuttavia, successivamente alla scandagliante analisi bananistica, non me la sentirei di escludere che nel suo conscio inconscio si siano formati percorsi prototamarroici minanti, lo sgrammofonamento protuchianculeo genera una patologia esprofessa che allontana dalle metamorfosi esprofurbizianti, questo lo tenga ben presente, mi sembra più che ovvio. Aggiungerei che l’intollerabile tollerabilità crea doppi sensi a senso unico, nella nuda vestizione psicosucchiatica pre-monatura è d’uopo il monitoraggio tangenzialistico. Assolutissimamente non trascuri la prevenzione postuma, le riflessioni speculari, il mibtel e il nasdaq. Purtroppo gli effetti collaterali centrali della farmacomachia sono ancora a livelli scurtuputangei e all’orizzonte non si vede altro perché c’è foschia, i passi sono comunque Polifemici seppur con ottiche dimezzate. Per quanto concerne il 21esimo punto della sua lettera, credo di poterla rassicurare e riassicurare con una ritoccatina al premio annuo della polizza ed un aggiornamento della clausola sulla straccaballeolicità resa rigidamente elastica. Il mattino ha l’oro in bocca ma lei si chiama Olga.  Nella convinzione di essere stato esaustivo e soprattutto chiaro, le porgo i miei più cordiali saluti.

Seconda lettera:

Egregio Signor Direttore Dottor TADS, mi chiamo, Pippo, Long Pippo, sono di origini Italiane ma vivo a Canterbury, di mestiere faccio il mugnaio, sono felicemente (diciamo così) sposato da quindici anni con una mia paesana, siamo emigrati subito dopo le nozze. Mia moglie è una cattolica praticante, timida, costumata e timorata, non si trucca, gonne lunghe, non porta tacchi ed è sempre accollata. Il mio problema è questo, lei vuole fare l’amore solo per procreare e sempre nella posizione del missionario a luci spente, dopo undici figli ho smesso di coricarmi con lei. Sul posto di lavoro quando ho tempo vado in internet, grazie ai siti porno ho scoperto che mi piacciono da morire il fisting, il bukkake, il BDSM, la DP, il pissing, lo scat, lo strap-on , lo squirting, il cream pie, l’anal, il blowjob, il cum shot, l’handjob, il facial, il reding, la gang bang, il tutto, ovviamente, in stockings. Sono disperato, mi aiuti, come posso fare per convincerla a farmi contento??? Io l’amo veramente tanto, non voglio tradirla, non voglio perderla ma nemmeno consumarmi nella insoddisfazione e, magari in futuro, nei rimpianti. Ci deve pur essere un modo per farle accettare di soddisfare i miei innocenti desideri di marito adorante.

Il Direttore risponde:

Sono totalmente d’accordo in modo parziale con lei, quando si gioca a bowling l’obiettivo è abbattere tutti i birilli in un sol colpo, scagli la prima pietra chi è senza peccato, non sui birilli che il tipo alla cassa s’incazza e poi non ci fa più entrare. Signor Long Pippo, che tempo fa lì a Canterbury??? Beh… certo che i suoi son problemi seri, certe cose ti segnano, chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane. Se partiamo dal presupposto che tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino… vien da chiedersi come mai il mondo non sia pieno di gatte zoppe o monche, evidentemente scarseggia il lardo, magari ce n’è troppo. Il pane ha raggiunto prezzi incredibili, però anche i grissini. Quel ladro che aggiusta le biciclette mi ha fregato otto euro per una camera d’aria, non ci sono più gli aggiustabici di una volta, non c’è più niente di una volta, il mondo va a rotoli, neanche più le mezze stagioni. Quando piove fa caldo ed io non posso mettermi il pastrano idroripugnante, oggi costa caro mangiare pure nelle mescite povere, mi scusi se le rispondo velocemente ma sono obeso di lavoro. Mi raccomando, segua le indicazioni e mi faccia sapere. Le porgo i miei più cordiali saluti.

I “lenitori” delle altrui pene, in tv, giornali o web, paiono provenire tutti dallo stesso seminario, il loro comunicare è standardizzato, prodotto in trafila. Si esprimono in modo incomprensibile oppure eludono, ho volutamente omesso di riportare il terzo modello e cioè il loro esser aruspici dell’ovvio. Fra tutte le “passerelle” che incrociano nella grande madre rete, approdo lapalissiano, quella dei consulti è sicuramente la più infida, pericolosa, fuorviante. Nella galassia della millanteria e della mistificazione lo scaccolare consigli è un vero fenomeno in espansione esponenziale. Oroscopari, cartomanti e fattucchiere da bugigattoli hanno ceduto la dritta ai “problem solution” (mutuo la qualifica dal glossario tecnologico), teoriche crocerossine della taumaturgia sempre pronte a ricucire le ferite inferte dalla traumaturgia, spesso di natura “maso”. Nella selva delle illusioni miscelate alle speranze malriposte nascono solo funghi velenosi ed inodore flora trasparente, i raggi del sole sono deviati, l’aria è mefitica ed i suoni inquietanti.

Tullio Antimo da Scruovolo 

Annunci

9 thoughts on “Casi umani e umani casini…

  1. Buongiorno Professor TADS,
    mi scusi, ciò che Lei chiama “problem solution” da noi si classifica “problem solving”, ovviamente applicato in altre situazioni che nulla hanno da spartire con la risoluzione dei problemi sentimentali altrui. L’insegnamento s’incentrava piuttosto sulla capacità di gestire le NOSTRE emozioni in determinate situazioni, non sottovalutando la personalità di ognuno e cercando di raggiungere un determinato obiettivo, ognuno a modo suo e con successo (sto parlando di successo lavorativo, meglio specificare, sia mai).
    Vede Professò, questa breve premessa, l’argomento in realtà è molto ampio, perchè pur essendo una tecnica di altro settore, restia ad elargire consigli amorosi o ad erigermi a sapientona su argomenti che non conosco, ma con la piena consapevolezza dei miei limiti – che Lei non manca simpaticamente di porre l’accento – ho notato che più di qualcuno nella grande rete è alla ricerca di sciocchi che possano bersi i loro soporiferi colti scritti dove si evince lontano un miglio, aumenterei a due/tre miglia, che codesti fanno parte di una categoria di frustrati in cerca di successo, anche virtuale può andar bene, e sembra che giovi alla loro menti superiori. Francamente questa insostenibile leggerezza dell’essere, è un caso il titolo del mio adorato Milan, m’infastidisce, preferendo alla finzione di cotanto sapere la spontaneità dei miei soliti cordiali vaffanculi! (cit.)
    Il mio non vuol essere un giudizio è una constatazione.

    Ciao Sdat, mi sono divertita e anche se ultimamente non lascio commenti ti leggo sempre con piacere. Baci&Abbracci… sembra che pure questi curino l’anima…veh che robbba!

    TADS’ ANSWERS:

    maddai, la coriacea Lux è tornata a trovarmi, bene, mi fa piacere.
    Tranquilla, gli errori oggi non te li correggo (quel “vaffanculi” è veramente apprezzabile), per me è una bella giornata, i pomodorini che ho sul terrazzo cominciano a maturare, uno spettacolo, quasi li chiamerei “rambo” per il loro aver resistito stoicamente ai tremendi acquazzoni dei giorni scorsi, ho pure una qualità Sarda e dei peperoncini Messicani, mi rilassa tantissimo fare l’agricoltore urbano. Torniamo in tema, ho scritto molto sui “fenomeni” da web, è chiaro che concordo con le tue considerazioni. In tutta sincerità ti confesso che questo pezzo è da un pò che mi frullava nella testa, certamente la spinta definitiva me l’ha data un blogger “psicoterapeuta” che si è messo a fare spudorata campagna elettorale, come non bastassero quelli che si spellano i polpastrelli con i motori di ricerca per mascherarsi da “tuttologi” e dire la loro su ogni argomento, spesso “inciampando” clamorosamente.
    Un abbraccio anche a te

  2. Chiedere consigli agli altri e’ come buttarselo in culo da soli; se la superbia e’ “l’illusione di sapere tutto, pur non sapendo nulla o poco”, la (finta) umilta’ e’ l’illusione di non sapere niente e credere che gli altri siano meglio di noi”. Da cattolico, uso il tomismo, lo stoicismo e le dottrine dei filosofi greci e romani, l’interpretazione biblica di Sant’Antonio, ect….ma soprattutto la mia testa e la LOGICA. Da non cattolico, basterebbe usare la logica razionale, scevra da sentimentalismi ed emozioni e soprattutto valutare le trasformazioni della vita e del mondo per quello che realmente sono..
    Come gia’ specificato, ad una certa eta’ e’ patologico il fatto di avere ancora un forte livore sessuale piuttosto che essere alla ricerca di una dimensione trascendente ed in un certo senso “apatica” del rapporto fisico (in genere piu’ si invecchia piu’ si avvicina la morte piu’ la materia diviene comprensibile quanto inutile);
    ……e poi ad una certa eta’, diciamolo, un paio di birre in compagnia di amici o un bel giro in moto sono meglio di qualsiasi altra cosa..!!eheheh
    PS: la lettera della Sig.ra Olga mi ha fatto cappottare dal ridere per 20 minuti……:))))))))

    caro Ryu,
    credo che di Signore “Olga” ce ne siano da vendere ed appendere,
    quanta umana comprensione devono avere i mariti costretti ad assistere al decadimento???
    hai ragione, chiedere consigli a sconosciuti per risolvere i propri problemi è come inciampare in qualcosa che sta dietro.

  3. Geniale. Così perfetta che sembra vera. L’unica differenza fra la tua rubrica e le altre e che gli altri pensano che sia una cosa seria.

    TADS’ ANSWERS:

    ciao carissimo,
    ti garantisco che mi sono tenuto leggero

  4. Egregio Signor Direttore Dottor TADS, mi chiamo Cesira, faccio la segretaria, vorrei chiederle lumi in merito a un inspiegabile comportamento di una mia conoscente di 50 anni, sposata con quattro figli, che cambia uomini come si fa con i vestiti. Adesso ne ha “sottomano” (termine suo) addirittura tre. Ha pure scoperto internet, una vera pacchia, ci ha spiegato. Tutte le volte che viene a trovarci in ufficio ci tiene incollate alla sedia con i racconti delle sue gesta erotiche e delle peripezie per eludere la sorveglianza del marito cornuto. Pensavo fosse felice, invece una mattina ci ha detto che lo fa perchè sente “un vuoto dentro”. Ma cos’è ‘sto vuoto dentro, dottore? Una malattia moderna?Ho sempre pensato che donne con l’utero allegro si potessero chiamare simpaticamente “zoccole”! Come posso aiutarla? Vorrei dare alla signora il Suo indirizzo per una diagnosi e una pronta guarigione. Cordialmente la saluto.

    TADS’ ANSWERS:

    Signora/ina Cesira, abbiamo ricevuto milioni di lettere da parte di donne che vivono la stagione dei “vuoti dentro” altrimenti detti “vuoti esistenziali”, casualmente abbiamo scelto di pubblicare la sua catalogandola come rappresentativa. Il diffusissimo cangureggiare di fallo in fallo delle “sex in the anta” è certamente dovuto a quelle voragini psicologiche lasciate dalla bellezza in fuga e dalla dipartita di valori e sicurezze tipicamente femminili. Contrariamente a quanto affermano eminenti talpe della mente… personalmente ritengo incolpevoli la noia, la monotonia, l’annichilimento degli stimoli, ecc. ecc. L’inzoccolimento delle tardone è solo ed esclusivamente dovuto a quell’innato bisogno di sentirsi ancora desiderate, femmine appetibili, fate fatali fatalmente capaci di mantenere ancora le posizioni. Non dimentichiamoci che esiste un’altra potente molla, l’improbabile ricerca di un principe azzurro possibile “sostituto” di quel partner perso le cui doti e qualità vengono enfatizzate dai ricordi. Gli apprezzamenti coloriti che le giovani considerano da caserma diventano, per le “mature” last generation, dei veri e propri gratificanti attestati. Non di rado si pone in essere un meccanismo perverso che “gasa” l’egoismo sessuale dell’avventuriero di turno, una compensazione inconscia, l’autoesaltazione che passa attraverso una accettata sottomissione umiliante.
    Distinti saluti.

  5. Mah! Evidentemente sono fuori “dal giro” da tempo, o forse non sono mai entrata …sai che delirio! (ne ho già combinate abbastanza !!
    Sono stata fortunata: ho sempre avuto delle conoscenze e amicizie sane..credo…ognuno di noi ha fatto il proprio cammino senza tanto ciarlatare!
    (va dove ti porta il cuore che comunque non sbagli mai)
    Mi viene difficile comprendere a volte la VERA stupidità femminile, l’ossessione di avere a tutti i costi un uomo per poi..vabbè lasciamo perdere..
    Ma forse ho perso io diverse puntate… boh! ;D
    Bravo come sempre Sdat ,ma non esagerare: povere noi! (donne!)
    Simpaticissimo come sempre il commento di LUX!
    Grazie per le risate Sdat!
    Buona notte!

    P.s non hai mai pensato di scrivere un libro?
    Se trovi il commento banale non lo pubblicare!

    TADS’ ANSWERS:

    ciao Sara,
    questo commento non è affatto banale,
    scrivere un libro??? io??? Non scherziamo

  6. sdat, mi hai mandato in confusione il Toni; ” cazzo, -mi ha detto- ma io sono prorio un coglione che scopo mia moglie da 35 anni, una sera si e un’altra no? E ora che non più bidogmo del “cappuccio”, mi diverto anche di più!”
    Sdat, ilo Toni è un vero scopatore, ti pare?
    Proviamo noi a scopare con la stessa persona da 35 anni!
    Gli scopatori di una volta non ci sono più ( un pò come le stagioni!!eheeh)!

    TADS’ ANSWERS:

    scopare con la stessa persona per 35 anni (sai che palle)
    significa avere rapporti “incestuosi”,
    sicuramente una delle più biasimevoli perversioni

  7. bidogmo = bisogno.

    P.S. Il toni è anche convinto che più tempo passa e più la sua donna riacquisti la “verginità”, perchè, come dire, trova il passaggio sempre più stretto!! Non m ela sono sentita di spiegargli il “fenomeno”, gli ho sol,o detto che alle casse die supermercati può trovare un olio che fa alla bisogna!! eheh

    TADS’ ANSWERS:

    più che l’olio sarebbe il caso di usare la “preparazione H”

  8. Complimenti!!!!! anche se il post è divertentissimo induce ad una seria riflessione. Mi riferisco soprattutto a coloro che elargiscono soluzioni certe, direi quasi assiomi matematici, ad ogni problema psicologico.

    TADS’ ANSWERS:

    ciao Vale,
    è proprio quello il grave, finchè si parla d’amore passi…
    affrontare questioni serie in questo modo è molto pericoloso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...