Si… si… si… si… compagno…!!!

Il 12 e 13 giugno si sono tenute le esequie della civiltà, del progresso e della democrazia, poco più del 51% dei votanti ha tumulato, con quattro “si”, la razionalità, l’autonomia di pensiero, la logica e la propria indipendenza. Si è compiuto un acrobatico balzo a ritroso, un repentino ritorno a quella Italietta in bianco e nero che si nutriva di ignoranza (nell’accezione positiva del termine), di opportunismo, squallidi interessi di bottega e pettegolezzi da vicolo…

Si è di fatto vanificato mezzo secolo di cammino ripescando, dalle cantine e dai solai, le mappe del “meglio un uovo oggi che una gallina domani” accoppiandole a quelle del “chi si contenta gode”, acciaiose direttrici dei perdenti miopi totalmente privi di quella lungimiranza che è la panacea del benessere. L’esito referendario è frutto di una pianta ibrida capace di produrre livore, terrore, ideologie da discount e politica contraffatta. E’ tornata l’Italia dei “tre limoni mille lire”, “in russia si mangiano i bambini”, “se non voti DC il papa ti scomunica”… sono solo cambiate alcune cose… “Berlusconi vuole farci morire di sete, ammalare i nostri figli di cancro e sta pure approntando il ripristino dello “ius primae noctis”.        

Quanta poetica tenerezza fuoriesce da ogni poro nel constatare un cosi forte radicamento alle tradizioni, alle usanze, agli usi e costumi, affascinante e meravigliosa arte Italica dell’autoevirarsi. Gli acquedotti meridionali sono degli scolapasta che disperdono il 70/80% delle risorse idriche? Che importa? L’acqua razionata, erogata in fasce orarie prestabilite (come a Cuba) la si apprezza di più, disseta meglio, è una piccola grande conquista quotidiana. La gestione pubblica di questo oro trasparente è piena di imbucati politici che con i loro stipendi da favola, le auto, i viaggi, le cene, i telefonini, ecc. ecc… succhiano miliardi di soldi pubblici??? TADS è il solito cattivone, se la prende sempre con quei poveracci che sono costretti, loro malgrado, ad arricchirsi senza fare un cazzo. L’acqua sa di cloro??? E chi se la beve??? Siamo il paese con il più alto consumo procapite di acqua minerale al mondo. Le lobbie degli amministratori non vogliono i singoli contatori privatizzati? Un minimo di comprensione, già hanno stretto la cinghia con i riscaldamenti autonomi dovendo rinunciare alle regalie dei fornitori di gasolio… eddai su…!!! “Gilberta, senti maaaa… tu cosa hai votato per l’acqua?”, “ho votato due “si”, “ma la legge Ronchi sulla privatizzazione la conosci?, “NO”, “lo sai che quella di privatizzare l’acqua è una direttiva Europea e adesso che abbiamo abrogato la legge probabilmente ci toccherà pagare salatissime penali?”, “NO, questo non me l’ha detto nessuno ”…  Avanti oh popolo…!!!  

L’Italia ha detto NO al nucleare, però… cerchiamo di capire il perché. Per motivi di sicurezza??? Sarebbe ridicolo, abbiamo un centinaio di centrali sulla testa. Per fare i pionieri dell’antinuclearismo Europeo??? No, sarebbe ancora più ridicolo visto come la stampa progressista dipinge il nostro popolo all’estero. Forse per coerenza??? Non credo proprio, la sinistra è stata la prima a dire si quando Prodi ventilò la costruzione di tali siti. Forse per una questione economica??? Assolutamente no, tutt’altro, questo referendum ha solo spostato la questione di qualche decennio, i nostri figli ed i nostri nipoti pagheranno le INEVITABILI centrali future ad un prezzo come minimo superiore di 500 volte a quello attuale, nel mentre continueremo ad ingrassare la Francia con fiumi di Euro. Magari per via delle energie rinnovabili, alternative, i pannelli fotovoltaici, le pale eoliche??? Le pale ed i pannelli servirebbero solo a sfregiare il Belpaese, non sono in grado di soddisfare il fabbisogno delle città e degli insediamenti industriali, le rinnovabili sono energie che macinano miliardi a livello di impiantistica, hanno ammortamenti secolari, sono un surrogato, allo stato attuale delle cose non esiste una alternativa credibile al nucleare come successore diretto dei combustibili fossili in esaurimento. E’ vero che la Merkel ha dichiarato che i crucchi rinunceranno al nucleare??? Si è vero ma trattasi di populismo di bassa lega, un puerile tentativo di risalire i sondaggi dopo la mazzata amministrativa presa da parte dei verdi. Ma allora perché l’Italia ha detto no al nucleare??? Semplicissimo, perché al governo c’è Berlusconi.  Quelle di Chernobyl e Fukushima erano due centrali di prima generazione, non si sono MAI verificati incidenti con quelle di seconda e terza, sono in fase di studio quelle di quarta che addirittura dovrebbero eliminare il problema delle scorie. L’energia nucleare è la più pulita, ecologica, statisticamente la più sicura, la più economica ma anche la più vantaggiosa sotto il fronte politico, uno Stato energeticamente autonomo ha un peso politico superiore sullo scacchiere internazionale, niente più cordoni ombelicali, niente più vincoli umilianti. Mi ha colpito non poco constatare che molti Italiani abbiano dato più retta a quel buffone ignorante di Celentano che non ad un luminare come il Professor Umberto Veronesi, un orgoglio della nostra scienza che tutto il mondo ci invidia. La campagna di terrore mediatico vilmente impalcata sulla pelle dei Giapponesi ha figliato, una tragedia trasformata in asso nella manica.

Ad essere magnanimi, dico alla grande, si può anche comprendere l’esito sull’acqua e sulle centrali, la disinformazione e la paura sono due forze negative capaci di incidere non poco, trovare una giustificazione plausibile sull’abrogazione del legittimo impedimento è impresa ardua. Berlusconi non è immortale, non lo è come uomo e nemmeno come politico, dare alla magistratura la possibilità di accrescere ulteriormente il proprio già pesante potere nei confronti dei politici, solo per far dispetto al Premier, significa essere sprovveduti e infantili, direi fessi. Per dovere di chiarezza bisogna dire che la legge in questione non era un colpo di spugna, una pillola amnistiante, l’anticamera della prescrizione né un sentiero elusivo, semplicemente “congelava” temporaneamente eventuali procedimenti. Non c’è e non ci sarà MAI democrazia in uno Stato dove una istituzione come la magistratura si trasformi, a furor di popolo, in un Olimpo popolato da Dei intoccabili, inattaccabili, invulnerabili, impunibili, senza regole ferree, deresponsabilizzati totalmente e spesso politicizzati. I magistrati sono persone comunissime, impiegati Statali che hanno vinto un concorso, il loro lavoro è applicare le leggi NON emendarle, modificarle o addirittura rifiutarle, sono tutt’altro che infallibili, molti politici, cito solo Del Turco ma sono tanti, si sono visti infangare la dignità e bruciare carriere per poi risultare innocenti a costo zero, nessuno paga. La democrazia è l’equilibrio perfetto tra poteri, questa da noi è una chimera.

I festaioli continuano ad ubriacarsi di vana gloria, Di Pietro ha piazzato De Magistris a Napoli ma nelle ultime amministrative ha avuto un calo perpendicolare di voti, si andasse domani alle urne per le politiche molto probabilmente l’IDV non supererebbe lo sbarramento e rimarrebbe fuori dal parlamento morendo definitivamente, è per questo che l’ex pm non vuole le elezioni anticipate. Non le vuole neanche Vendola perché necessita di un certo lasso di tempo per scavare la terra sotto i piedi di Bersani e fottergli, attraverso le primarie, la leadership del centrosinistra. Le evita anche Casini, il terzo polo ha abortito clamorosamente, l’alleanza con Fini e Rutelli è stata deleteria, fallimentare. L’unico a volerle è Bersani che vive nella speranza di cavalcare l’onda lunga dell’antiBerlusconismo ma da solo non otterrà niente, è veramente comico il suo chiedere ogni giorno le dimissioni di qualcuno. Questi sarebbero il futuro del Paese??? Lunga vita a Berlusconi e pure a tutti quegli Italiani che si sono fatti gabbare cristallinamente.

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

8 thoughts on “Si… si… si… si… compagno…!!!

  1. Sdat, io parlerei senza mezzi termini di ” referendum truffa “, alla faccia della ” ritrovata coscienza civica “. l’elettorato che ha sancito la vittoria del si, si è fatto prendere per il culo e adesso ne pagheremo tutti le conseguenze. Naturalmente ha inciso non poco il clima terroristico creato intorno ai temi acqua e nucleare, rafforzato da un’atavica pigrizia di quegli italiani che amano informarsi per sentito dire e dalla propaganda dei soliti politici marpioni pro domo loro che ha ridotto il dibattito a una sterile litania antiberlusconiana. Spudoratamente, i signori della sinistra hanno voluto conservare costosissimi consigli di amministrazione pubblici , con dentro i soliti rappresentanti clientelari, occultando ai cittadini la nascita di un’autorità indipendente che , nel caso di privatizzazione, avrebbe avuto il compito di vigilare costantemente nel rapporto tra capitale investito, tariffe per il consumatore e remunerazione. Adesso si chiederà ai cittadini di pagare costi che il pubblico non può sostenere (64 miliardi di euro) attraverso il prelievo fiscale. A pagare quindi non saranno gli utenti dei servizi, ma i contribuenti a reddito fisso che non possono sfuggire al fisco. Cosa c’è da festeggiare?

    TADS’ ANSWERS:

    ciao Aurora,
    ottimo intervento integrativo, non ho scritto certe cose per non farla troppo lunga, ti ringrazio per avermi evitato di doverlo dire in qualche risposta. Che tutti gli apparati siano saturi di compagnuzzi e comparielli dei “rossosbiaditi” è cosa stranota, infatti la loro propaganda anti privatizzazione è stata una colata di melassa rancida, ben lontana dall’entrare nel merito. L’acqua nel sud non arriva regolarmente nelle case, nel resto d’Italia è spesso imbevibile, la paghiamo cara e la paghiamo lo stesso anche se andiamo via per mesi, gli amministratori ci mangiano sopra… bastava pensare a questo per capire se votare o meno.
    Fatti un buon week end

  2. Ciao carissimo, gran bel post, complimenti!
    Mi permetto alcune valutazioni personali:
    La sinistra è perfettamente consapevole del fatto che il legittimo impedimento non era e non poteva essere una legge ad personam, ma il solito squallido malinteso irrefrenabile bisogno di andare contro Berlusconi è stato ancora una volta il volano che ha trascinato le folle di sbiadite e nostalgiche colorazioni rossastre a negare l’evidenza e cavalcare l’onda della menzogna! Questo sarà un prezzo che pagherà l’Italia intera, sinistra compresa. Infatti credo che quest’ultima, qualora dovesse mai ritrovarsi in futuro a bazzicare in quel di palazzo Chigi, non sarà esonerata da provvedimenti “ad personam” dei PM. Abbiamo fatto ancora una volta l’ennesimo regalo ad una magistratura che diventa sempre più potente ed inattaccabile.
    Il tuo ragionamento sull’acqua non ha nulla da eccepire, è tragicamente e tristemente condivisibile.
    Per quanto attiene il nucleare, ne abbiamo già parlato da me. Mi permetto però solamente un’osservazione: non si discute certamente il piano culturale di Veronesi, ci mancherebbe! Né è opinabile il fatto che sia un luminare e come tale riconosciuto e invidiatoci dalla comunità scientifica internazionale. Siamo tutti fieri del Prof. Veronesi e guai a chi ce lo tocca. Il Professore però è un luminare in campo medico-oncologico ed ha effettuato anche indiscussi ed apprezzabilissimi studi sugli effetti del nucleare sulla salute umana. Ma il problema della sicurezza delle centrali nucleari è un’altra cosa, richiede altre conoscenze. A torto o a ragione ciò che ha spinto gli Italiani a fare la loro scelta, ritengo riguardasse soprattutto questo aspetto.
    Per ultimo volevo mettere l’accento sulla tua lucida visione, che non può non trovarmi d’accordo, sulle conseguenze di IDV e c. nell’ipotesi di elezioni anticipate. I furbetti del quartierino hanno capito benissimo che per loro non è il momento di acclamare la necessità di andare alle urne, ma credo che al contrario i loro elettori non l’abbiano capito affatto. Penso che quella cianfrusaglia di accozzaglie politiche sempre pronte a prendere in giro gli Italiani sparando a destra e a manca contro il Berlusca, sia buona solamente come… compagnia di merende, niente più.
    Con affetto.
    Giorgio

    TADS’ ANSWERS:

    carissimo,
    niente da aggiungere a quanto già detto sui due blog,
    commento molto apprezzato.

  3. approfondire un po’? No? Gli acquedotti, ad esempio, sono già spa, alcuni da circa vent’anni: i signori politici azionisti si spartiscono gli utili che difficilmente vengono reinvestiti per i miglioramenti. Ho parlato con alcuni dipendenti anziani di queste spa e mi dicono: magari si ritornasse a lavorare come un tempo…!
    ole/.)
    comunque

    TADS’ ANSWERS:

    no comment

  4. E no! Caro sdat non “s.fuggire” con un NO COMMENT!
    Condivido in pieno il commento di Sally … In politica TUTTO è a… scopo di lucro! Queste privatizzazioni …i sogni del berlusca!
    Coraggio preparati e rispondi! (scherzo ovviamente)
    Io ho votato di cuore, in libertà e SANA giustizia.. per chi verrà.
    Abbiamo evitato solo il peggio! (non mi interessano i soldoni)
    Soprattutto per la legge è uguale per tutti…fino a prova contraria… con la pres.unzione di innocenza!
    Il futuro ci attende! Ma Lui è immune: io no, noi no!

    TADS’ ANSWERS:

    1) non costringermi a ricordarti che il MIO rispondere o meno ai commenti non è affar tuo

    2) venire qui a scrivere “approfondire un pò? no?” significa darmi del superficiale, questo non l’accetto da nessuno, men che meno da coloro che, come sally brown, ritengo essere i profeti della superficialità. Lo si evince pure dal suo commento, tra l’altro dimostra di non aver manco letto tutto ciò che ho scritto in merito

    3) la quasi totalità dei servizi ci viene fornita da SPA, se queste sono controllate dalla “cosa pubblica” di fatto rimangono una gestione “pubblica”, anche le agenzie delle entrate sono SPA. Questo artificio è servito solo a legalizzare le ruberie, i CDA di queste SPA sono costituiti da politici (prevalentemente di sinistra) trombati e piazzati per succhiare soldi grattandosi gli ammennicoli

    4) come ho GIA’ DETTO la legge Ronchi è stata concepita per uscire dall’immobilismo, mi riferisco alla questione “acqua pubblica”, la creazione del libero mercato vincola alla efficienza ed agli investimenti, cosa che attualmente non avviene assolutamente

    5) LUI è immune??? migliaia di perquisizioni e cento processi sono l’espressione di immunità?

    stammi bene

  5. Da notare che lo stesso Bersani che tuonava “Andare a votare e’ un dovere civico” (alla richiesta di astensione da parte di Berlusconi a questo referendum), pochi anni fa’ ammoniva i suoi per il tramite della CIGL “Non andare alle urne e’ un dovere civico” (anno 2003).
    Questo dovrebbe far capire la stupidita’, la malafede, la cattiveria delle sinistre, dei suoi rappresentanti e rappresentati. Scusa lo sfogo, Sdat, sono proprio delle merde secche!
    Il problema e’ quando Berlusconi non ci sara’ piu’……chi rimarra’ nel centro destra; amato od odiato, promosso o bocciato, la sua immagine rimane comunque un punto di riferimento.
    Ho l’impressione che i parassiti (che per il momento hanno incominciato ad occupare Milano e Napoli) stiano gia’ pregustando l’insediamento nel “corpo in putrefazione” di questa marcia Italia….

    TADS’ ANSWERS:

    Mi ripeto, come cittadino di uno Stato democratico pretendo il diritto di votare ma rivendico anche la totale libertà di esercitarlo o meno. La sinistra racconta favole da 65 anni, dal ’94 ad oggi ha perso pure il pudore di “mascherarle”. Oltre 50anni di gestione sinistra degli apparati pubblici hanno prodotto una situazione “bastardissima”, sono milioni gli “imboscati” (solo la scuola ne vanta 500.000), non a caso ogni minimo tentativo di riforma parte dalla eliminazione delle “eccedenze”. Qui a Torino decenni addietro i dipendenti Fiat erano 300.000, oggi sono poco più di 10.000, nessuno è morto di fame. Privatizzare l’acqua significherebbe fare un repulisti epocale, una vera disinfestazione politica che fagociterebbe voti, siamo nell’area del “chi tocca i fili muore”.
    Buona giornata

  6. non bisogna ridurre sempre tutto alla logica dell’antiberlusconismo; non pensare che tutti quelli che hanno votato i quattro “si” lo abbiano fatto unicamente per contrapposizione al governo; i dati emersi dalle urne dlo dicono chiaramente che anche l’elettorato di destra ha espresso una buona fetta dei si.
    Io ad esempio non avrei consentito agli ultra 60 di votare sul nucleare:
    è una scelta che fai oggi ma che gli effetti e le ricadute li vedi almeno fra 30 anni. E come se io oggi scegliessi il governo del 2050!
    Mi rendo conto che questa è una estremizzazione e se vogliamo una provocazione, però serve a far capire che scelte di lungo termine sono da ponderare benissimo, senza farsi condizionare e suggestionare da Fukushima o peggio dalla fregola antiberlusconianana, come nel caso di specie.
    Io stesso ( pur non essendo ultrasessantacinquenne!eheh) per il nucleare ho votato scheda bianca; sull’argomento non ho tutte le certezze che gli opposti schieramenti sciorinano.
    Il Toni ha messo due schede bianche, ha votato solo i referendum sull’acqua; lui è fatto così; ritiene che per principio un bene fondamentale per la vita non può essere ridotto a una merce e quindi sottoposto alle logiche di mercato.Alcubne cose sono un dogma per lui, tu lo sai, è rimasto comunista e non ne fa mistero!

    TADS’ ANSWERS:

    in effetti senza i “si” del centrodestra il quorum sarebbe rimasto al palo. Sulla limitazione anagrafica per votare alcuni quesiti referendari… non so che dirti, io parto dal presupposto che certe decisioni debbano essere prese da chi di dovere e non da una popolazione abbindolata dalla propaganda di parte. Al Toni digli pure che un “bene fondamentale” come l’acqua, al limite ideologico, dovrebbe essere erogato gratuitamente, invece la paghiamo, eccome se la paghiamo, nonostante lo schifoso disservizio.

  7. LUI è immune??? migliaia di perquisizioni e cento processi sono l’espressione di immunità?

    E sì! già a gennaio la corte costituzionale aveva eliminato alcune “parti” della legge (numero 51 del 7 aprile) sul leggittimo impedimento per il premier che in realtà cambiava poco a livello “pratico”.
    Ora dopo il referendum… “la legge è uguale per tutti,” anche per Berlusconi, al pari di tutti gli italiani VALE l’articolo 420 ter del codice di procedura penale!
    Con queste regole proseguiranno ORA le udienze dei processi in cui il premier è imputato!!
    1) processo Mediaset e Mediatrade per frode fiscale!
    2) processo per il “caso Mills” corruzione!
    3) processo sul “caso Ruby” per concussione e prostituzione minorile!
    Ti pare poco sdat? E chissà cos’altro salterà fuori!
    Ma davvero pensi che berlusconi abbia fatto così tanti soldi con sincera onestà?
    Per favore sdat! SII ONESTO! Non siamo tutti rincoglioniti!!
    Ci credo che (dopo anni) è diventata merda secca questa marcia italia!
    E quella…. fresca vedrai arriverà presto! (Giusto per non annoiare)
    Questo dovrebbe far capire la “stupidità” e l’arroganza di chi regala “titoli” gratuiti sottovalutando che… e chi… si fa pubblicità… anche da solo, o in compagnia…dipende!
    Grazie sdat , oggi sto benino e tu?
    Stammi bene e ricordati: LA SALUTE (in tutti i sensi) PRIMA DI TUTTO!!

    TADS’ ANSWERS:

    la legge è uguale per tutti tranne che per i magistrati

    non appartengo alla mandria di bovi meschini che considerano ladri/evasori/sfruttatori a prescindere tutti quelli che hanno i soldi, Berlusconi è un imprenditore, sarebbe interessante sapere dove prende i soldi D’Alema per comprarsi le barche da ricchoni. Magari chiedere a Cofferati perchè non rinuncia alla pensione da dipendente Pirelli visto che ha fatto un SOLO giorno di lavoro e già prende quelle da ex sindaco e da ex dirigente sindacale, per non parlare del favoloso maniero che Bertinotti ha acquistato in Umbria, l’elenco è moooolto lungo.

    Hai scritto “non siamo tutti rincoglioniti”… tu come consideri quei cittadini che per coltivare la merdosa illusione di vedere il Cavaliere in galera hanno mutilato la Democrazia regalando ai PM un altro pezzo di NON dovuto potere? Potere che terranno ben stretto anche dopo Berlusconi, abbiamo fatto un affare alla “Maria Calzetta”, quella che comprava a 10 e vendeva a 5. In ogni caso il Premier è uscito indenne da 24 processi, finchè non sarà condannato in terzo grado di giudizio è da ritenersi innocente, l’hai scritto pure tu, ergo, fino al quel momento si navigherà solo nello stagno delle ipotesi e delle supposizioni.

    Se non ci fosse stato Lui al Governo questi referendum non sarebbero mai esistiti, lo sappiamo tutti.

    Io i commenti te li pubblico ma tu fammi la cortesia di leggere bene i miei post, non mi piace dire dieci volte le stesse cose.

  8. La realtà è che i referendum sono nati solo per attaccare il governo.
    In modo evidente i primi due in modo più sbudolo quelli sull’acqua, che confermano le contraddizioni e la tradizione della sinistra italiana: ogni posizione è strumentale e può essere disinvoltamente modificata a seconda delle contingenze politiche.
    Bahhh…Futuro??
    Un caro saluto.

    TADS’ ANSWERS:

    un caro saluto anche a te Sabry

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...