Che c’è sotto il tappeto?

Bersani ha un doppio lavoro, fa il parcheggiatore di biciclette a Villa Borghese

Le amebe putrescenti che compongono il fallimentare CDA del PD, emulando Lazzaro, si alzano e camminano verso Bologna, sul torpedone charter non c’è tanta allegria, la destinazione è di fatto frutto di una scelta forzata. Non conviene andare nella “fredda” Torino, neanche in quella Milano appena espugnata da Vendola né a prender fischi a Napoli, tanto meno a Cagliari dove è stato eletto un promettente giovane del SEL…

 Meglio giocare “piazzato” e ripararsi dal sole estivo all’ombra della torre degli Asinelli (tutto ha una logica nelle cose), la festa lì non la può guastare nessuno, vana speranza… nel bel mezzo dei bagordi si apre il sarcofago ed appare il mortadella Prodi che, abbandonando temporaneamente il suo spleen Baudelaireiano, spiazza tutti come uno scafato rigorista e ruba la scena alla svaccante compagnia d’avanspettacolo. A volte Bersani fa quasi tenerezza nel suo essere inutilmente apotropaico. Grigie nubi oscurano il cielo terso, dopo essere stati ignorati come fossero invisibili dal “resuscitato”, D’Alema e Veltroni a stento reprimono un attacco di coprolalia. Dalla capitale del nord arrivano dichiarazioni che paiono esser pallottole full metal jacket , il Barese urla davanti ai microfoni che a fronte di elezioni, anticipate o meno, il leader della sinistra deve essere designato dalle primarie (magari evitando la salsa Cinese), De Magistris alita lapidario dal sud: “Napoli ha deciso per il cambiamento, il PD ci ha dato una mano solo nel ballottaggio…” (traduzione: “qui comando io, voi siete stati cacciati, non fatevi illusioni”). La gelida aritmetica dice che, a conti fatti, il PDL ha due Comuni in meno, certo l’aver perso Milano non è poca roba ma rimane pur sempre una inezia rispetto alle precedenti amministrative che hanno indotto il PD a cedere ben sei regioni su tredici. Rimane comunque da domandarsi cosa abbiano da festeggiare Bersani & C. visto che sono gli unici veri sconfitti, Berlusca è ancora al Governo e loro si sono visti portar via sedie importanti dagli odiati alleati trasformatisi in natiche da leccare e scarpe da lucidare. Il prezzo pagato per una battuta d’arresto del Cavaliere è eccessivo, preludio di una fine annunciata, la loro acida gioia mi ricorda un vecchio detto: “per far dispetto a mia moglie mi taglio l’uccello”… “Zanni, portami un’aranzata e vai mò con la fisa… mazurca di periferia per tutti… (vedere l’ex democristiana Rosy Bindi festeggiare come una teenager la vittoria di un comunista integralista avrà fatto ribaltare De Gasperi nella tomba, lo stesso Togliatti proverebbe disgusto)!!! Se in questa Nazione ci fosse qualcosa che si potesse definire “informazione”, gli Italiani tutti saprebbero che Obama dalla verifica di metà mandato ne è uscito con le ossa rotte, la Merkel e Sarkò hanno preso una mazzata tremenda nelle recenti consultazioni locali ma, nonostante questo, nessuno si è permesso di invocare dimissioni. Il politico non è un maniscalco né un fabbro, voler battere il ferro finché è caldo mal si marita con le democratiche scadenze, Bersani che chiede quotidianamente le dimissioni del Premier è diventato più fastidioso di uno sciame di zanzare. La maggioranza esiste ed è pure solida, è l’opposizione ad essersi frantumata come un piatto caduto sul pavimento, assolutamente a niente serve la tautologia autoobliterante del PD in catalessi programmatica. La tornata del 15/16 maggio scorso ha emesso un’implacabile sentenza, il terzo polo non esiste, il trasformista Rutelli è un ectoplasma, il Giuda Fini non ha raggiunto neanche il 2% del totale dei voti e Fra Pier Ferdinando da Bologna si è rivelato essere un ronzino zoppo, Totò, Peppino e o’ malomm hanno perso le chiavi di casa.  

Non ho mai creduto ai “voti di protesta” e nemmeno alle “terapeutiche sberle elettorali”, in una fase storica e politica articolata sull’aspro territorio del feroce dualismo, l’unica riflessione sensata è quella che verte sulle “spinte motivazionali”. Gli stessi fantasiosi ed irrealizzabili programmi si vedono avviliti nella loro opera catalizzante, per non dire ammaliante come una vecchia e sfatta bagascia di Pigalle non più capace di attivare nemmeno i feromoni dei soldatini in licenza, Pisapia ne è la prova vivente. Gli antiBerlusconiani si recano alle urne con solerzia, anche febbricitanti e con gli arti ingessati, gli altri vanno in gita a prendere la tintarella. Non c’è bisogno di essere un vate della comunicazione per capire che il vero obiettivo da raggiungere è quello di indurre, “motivare”, appunto, la base ad esprimere il proprio consenso, solleone o diluvio. L’opposizione ha raschiato il barile, oltre non può andare, lo spostamento dei voti è un loro problema interno, dal centro destra non attingono di certo.

Sono appena stati diffusi i dati sulla disoccupazione, in Italia è attestata all’8,1% contro il 9,9% della media Europea, quella giovanile è al 28% ma questa percentuale è da ritenersi “gonfiata” come una mongolfiera in quanto conteggia gli under 16, gli universitari fuori corso (innumerevoli) e non tiene conto dei circa 200.000 posti di lavoro offerti dalla confartigianato e dalla associazione delle piccole e medie imprese, i ragazzi Italiani rifiutano tali occupazioni. Lo scorso anno in questo Paese sono stati spesi 10miliardi di Euro (circa 20mila miliardi di vecchie lire) in cosmetici, sì, in prodotti di bellezza. Questa sarebbe l’immagine di una Nazione alla canna del gas popolata da questuanti, pezzenti e senza tetto che la stampa di sinistra divulga nel mondo??? Domanda ovvia, se gli Italiani sono veramente nella più totale disperazione, perché la sinistra dà la precedenza ad extracomunitari, rom e clandestini in termini di investimenti nel sociale???        

 

Presidente Berlusconi,

Si armi di saggezza talmudica e compia un periplo fino alla scadenza del suo mandato, mancano meno di due anni, poscia si ritiri dalla politica, IMBATTUTO, come alcuni sportivi usciti di scena in veste di campioni eterni. Dopo quasi venti anni di assedio si ritiri IMBATTUTO da quella casta di magistrati che, nonostante il dispiegamento di mezzi, uomini e capitali da far invidia alla CIA, sono rimasti a mani vuote, si ritiri IMBATTUTO da quella casta di giornalisti, guru, predicatori, saltimbanco e satiri penosi incapaci di scalfirla minimamente, si ritiri IMBATTUTO da quella casta di pseudointellettuali che da ogni parte del mondo hanno lanciato strali e anatemi al suo indirizzo, personaggi auto proclamatisi depositari di una cultura usurpata che ha manifestato in questi lunghi anni tutto il suo essere afemica. Per una volta tanto pensi solo a se stesso, si consegni alla storia, quella storia che ignorerà questa accozzaglia di nessuno, inetti, inconcludenti, illusi, faziosi, bugiardi, invidiosi e rancorosi capaci solo di diffondere livore. Travaglio ha scritto che odiare Lei fino a desiderarne la morte non è reato… tenga presente. Sia realistico, con questa opposizione, con questi media, con questa ANM, con questo Presidente della Repubblica e con questa Corte Costituzionale… la riforma della giustizia, quella che le sta più a cuore, al suo governo non sarà MAI concesso di farla. Si ritiri IMBATTUTO a fine legislatura e si goda l’imbrunire della sua gratificante esistenza, si trasformi da attore in spettatore, in scena andrà lo scempio che i suoi nemici faranno di questa gloriosa Nazione (sbranandosi tra loro come cani rabbiosi), le garantisco che Lei assisterà ancora in vita al mea culpa da parte di quel popolo ingrato che non tarderà a rimpiangerla. Non sono in grado di quantificare quanti nuovi posti di lavoro siano figli dei suoi governi però, mi creda, vivo nella assoluta certezza che una sua VOLONTARIA uscita di scena dalla politica, manderebbe sul lastrico quel vero e proprio esercito di “beccamorti” che dal ’94 si ingrassa e ingozza facendo la guerra a Lei su ogni fronte. La saluto con una considerazione/consiglio, i media ostili si zittiscono con le querele, non con i proclami da comizio. Impari da Di Pietro, lui ne ha sporte oltre 350 ottenendo due risultati importanti: 1) si è intascato un capitale, 2) in Italia non esistono più giornalisti “braveheart” che osano indagare sulle sue malefatte, vere o presunte che siano. Il fatto che poi Antonino da Montenero di Bisaccia sia sempre in prima fila a manifestare per la libertà di stampa è del tutto irrilevante, anzi, perfettamente in linea con il personaggio.

Ossequi

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

9 thoughts on “Che c’è sotto il tappeto?

  1. Forse L’Italiano Medio (tra cui me) non ha digerito questo accanimento del Cavaliere nei confronti dei giudici, giornalisti, oppositori, politici volta bandiera, mafiosi, terroristi, ecc. ecc..
    E’ vero anche che queste persone per 20 anni non hanno fatto altro che minare la vita politica, privata e le fondamenta del Partito al Governo gettando fango e merda sull’operato di tale uomo, è pur vero però , a mio avviso, che il Presidente Del Consiglio doveva solo impostare una piccola campagna elettorale esponendo agli elettori simpatizzanti e non, i dati di fatto, elencando le forze con le quali si sono affrontate guerre, cataclismi e quant’altro di negativo che in questi ultimi decenni hanno messo a dura prova il nostro Stato.
    Snobbando, non calcolando, ignorando, disdegnando coloro che ora inneggiano alla vittoria, ma che già all’alba di oggi, si sono frazionati in tanti partitini che a loro volta avranno tanti piccoli soldatini che farnno degli esercitini che ci riempiranno solo di bla bla bla e di cacchina.
    La Moratti, a Milano, nelle sue prime “uscite” politiche pre elettorali certamente ha dato quella brutta impressione di essere invincibile, parafrasando il suo “avversario” come delinquente…., e questo alla fine è il risultato. Se avesse avuto meno boria e più contatto politico forse le cose sarebbero andate diversamente.
    Ma il genere umano non è una perfetta macchina da guerra poilitica, anzi, quindi rimbocchiamoci le maniche e ricominciamo a seminare.

    TADS’ ANSWERS:

    ciao Re,
    in teoria dovrebbe essere come dici tu, in pratica non lo è affatto. Se Berlusconi avesse cominciato fin dai primi tempi a sporgere querele e denunce in quantità industriali sicuramente da anni i vari Travaglio, Santoro, Floris, Ezio Mauro, la Concettina, ecc. ecc. avrebbero smesso di spalare merda, quando tocchi la gente sui soldi non c’è credo politico che tenga, certamente anche i giudici si sarebbero sentiti meno spalleggiati dalla stampa e forse, dico forse, si sarebbero dati una calmata. L’esempio di Di Pietro non è casuale, di fatto ha imbavagliato i giornalisti querelandoli a tutto spiano.
    Ti aggiungo pure che in tal caso molto probabilmente si sarebbe parlato di politica ed i risultati sarebbero stati diversi. Se dovesse avere ragione Beppe Grillo quando afferma che dietro Pisapia c’è De Benedetti che intende allungare le mani sugli appalti dell’expò 2015… ne vedremo delle belle, altro che delinquenti.
    Fare i “Signori” snob con le merde non paga, spesso la gente interpreta male la nobiltà d’animo, il parlamento è affollato da lupi mannari senza scrupoli, l’unica difesa è adottare le stesse armi.
    Dal ’94 assistiamo ad una caccia all’uomo vera e propria.

  2. La fronda interna al PDL è già cominciata. Appena il capo da segni di voler mollare, la “corte dei miracoli” che lo circonda si agita.
    Segretario generale Alfano: bella scelta, però ho la sensazione che i senatori del PDL non lo lascino lavorare! A mio parere il PDL non ha futuro: finita la parabola berlusconiana è destinato a dissolversi.
    Berlusconi trascinerà il governo fino alla scadenza naturale, avendo come obiettivo la rileggitimazione della sua figura in chiave “assalto al colle”.
    Io penso invece, come ho già detto in un mio post, che questi due anni debbano essere impiegati per portare il paese sulla via della modernizzazione. Lo può fare anche questa maggioranza, se solo ha l’umiltà di rimettere il mandato per consentire di formare un nuovo esecutivo di larghe intese.

    TADS’ ANSWERS:

    caro Sannita,
    se il PDL si sta dissolvendo il PD si è vaporizzato da anni.
    Il governo delle larghe intese lo vogliono solo Bersani e Casini per farsi una legge elettorale su misura che riporti alla prima repubblica, altro che modernizzazione. Berlusconi non mollerà mai, dimettersi anche solo un giorno prima della scadenza naturale del mandato significherebbe glorificare e legittimare l’antiBerlusconismo. I governi si mandano a casa passando per le urne oppure sfiduciandoli in parlamento, gazebo, raccolta firme, proclami, campagne mediatiche, e via andando non servono a niente.
    Perdonami ma gli unici a dover fare un bagno di umiltà sono proprio i boiardi del PD, dovrebbero ammettere pubblicamente di essersi girati i pollici per 17 anni aspettando che la magistratura, aiutata da chi sappiamo tutti, spazzasse via Berlusca.
    Il premier non diventerà mai un inquilino del quirinale, è più facile che ci arrivi Prodi, già se ne parla. Secondo me le prossime elezioni del 2013 saranno condizionate dall’operato di Pisapia e De Magistris, loro malgrado si ritroveranno a fare da test, l’aspetto tragicomico è che, siano essi bravi o cattivi, a rimetterci sarà sempre e solo il PD. Il cavaliere è certamente un accentratore ma una sua uscita di scena, mi auguro volontaria come ho scritto, non cancella di sicuro il centro destra, per logica applicata potrebbe addirittura rafforzarsi se in questi due anni che rimangono si spianassero nuove direttrici.
    a presto

  3. Con molta fatica, ho letto tutto. Capisco che sia difficile accettare le decisioni che non concordano con i nostri ideali. Concordo con redisaturno. E’ la boria che lo ha condannato e quella è difficile da eradicare. L’essere borioso non genera invidia o gelosie ma unicamente “sfastiriamiento” come si dice a casa mia, e quando uno si “sfastirìa” l’altro ha le ore contate. Una mia amica mi ha detto che Berlusconi è un grande perché, quando ha diminuito le tasse, lei si è vista rientrare in tasca centinaia di euro. Peccato che lei guadagnasse 7000 euro al mese. Peccato che io non ne guadagno nemmeno la metà della metà. Peccato che io non ho visto nessun rientro in tasca, anzi. Sì, è solo una questione di soldi, perché non ammetterlo? Chi vuole prendere in giro quando dice che lo fa solo per il popolo? Se lo facesse veramente per il popolo, perché non contraddice (con prove alla mano) chi afferma che in politica c’è entrato solo per l’affaire mondadori? è successo come nella bella e la bestia che, era entrato nel castello solo per riscaldarsi temendo e odiando la cattivissima bestia e poi se ne è innamorato e c’è rimasto dentro per salvarlo dalla sua disgrazia (leggi bestia = popolo italiano)? scusa, ma chi vogliono prendere in giro? nobiltà d’animo? scusa, sdat, ma tu davvero ci credi? possibile mai che delle 1000 bugie che dicano di berlusconi, almeno la metà non siano vere? possibile mai che ci sia un tentativo di mettere in cattiva luce questo dolce e innocente agnello da quasi 20 anni? perfino nelle peggiori e migliori delle famiglie italiane (e di tutto il mondo), se si dicono 100 stronzate, almeno 10 sono vere e comprovabili! Abbi pazienza, ma una persona razionale, certe cose, non può non vederle. La stessa amica che ha usufruito dei benefici fiscali mi ha detto quanto segue la settimana scorsa: “io voto berlusconi perché, al momento, secondo me è la merda che puzza di meno”. Ah beh, allora… Io non sono così drastica ma, dal profondo del cuore, penso di non volere nessuna merda al governo che rappresenti me (che non mi reputo merda) e, dunque, mi tengo i miei ideali e voto chi spero mi rappresenterà al meglio delle sue possibilità. Sai una cosa Sdat? Mi piacerebbe ascoltarti e parlarti perché di politica non me ne intendo troppo e non ho il tempo di seguirla, ma vorrei tantissimo condividere con qualcuno i miei dubbi e le mie incertezze per poterli dissipare, magari e avere una visione chiara dando (e ricevendo) il beneficio del dubbio. Ultima considerazione che mi perseguita da sempre, in merito alla politica: se non è una questione di soldi, se non è una questione di interessi, se non è una ragione personale (LA POLITICA) allora: perché tutti i politici godono di benefici monetari e materiali prima, durante e dopo i loro mandati dei quali NESSUNO in Italia (se non fa politica o fa parte di una casta particolare) può godere? Io vorrei tanto fare una scommessa con chiunque dice di voler fare politica solo per il bene del popolo: scommettiamo che
    – se ti tolgo tutti i maledetti benefit monetari e materiali (E INTENDO DAVVERO TUTTI)
    – ti dò 1800€ al mese netti senza bonus e solo con la 13a
    – ti faccio venire la finanza in casa perché non paghi il canone TV
    – ti controllo “random” per i gettiti fiscali e viene fuori che mi devi 3000€ perché il tuo cretino di datore di lavoro si è dimenticato di farti la dichiarazione dei redditi
    – ti faccio lavorare overtime e non te lo pago
    – ti multo di 5000€ se hai pagato una multa nel 1995, ma non hai la ricevuta per provarlo

    tu, e tutti i tuoi amici di marachelle di destra e di sinistra, il politico-salva-nazioni-vittima/amico-dei-magistrati non lo fate?!

    Grazie per l’attenzione,
    Rosa

    p.s. il malox è la cosa migliore da prendere dopo ‘sto commento…

    TADS’ ANSWERS:

    io sono un uomo molto pratico, razionale e pure dotato di un sano cinismo, alla voce del vicolo ed alle leggende popolari non ho mai creduto, se uno dice 100 stronzate finchè non mi si dimostra il contrario tali rimangono. Berlusconi si è imbattuto in 200 procedimenti giudiziari e 24 processi dai quali ne è uscito pulito, questi sono fatti NON dicerie. Travaglio ha riempito quintali di carta su Dell’Utri che è stato assolto in pieno da giudici non certo amici, come la mettiamo???

    Forse non lo sai ma Berlusconi è l’unico primo ministro e politico della storia repubblicana Italiana che da sempre devolve in beneficenza tutti gli emolumenti derivanti della sua attività politica, dirai: “è ricco”, in parlamento ci sono tanti stramiliardari, anche a sinistra, che scroccano pure i caffè. I politici sono tutti boriosi, D’Alema dichiara da anni di essere il più intelligente che l’Italia abbia mai visto, il fatto che poi abbia il record dei fallimenti non conta, per lui. In ogni caso è da superficiali valutare la classe dirigente in base alla simpatia o la vanità.

    Repetita iuvant, io non sono Berlusconiano, sono anti-antiBerlusconiano, sono due concetti MOLTO diversi, non voto per scelta da oltre 20 anni ed osservo la politica con lo stesso distacco che dovrebbe avere un analista serio nei confronti dei propri pazienti. Nella prima parte di questo post analizzo eventi riportando dati inconfutabili, il PD si è visto trombare a Milano da Pisapia e a Napoli da De Magistris, qualcuno mi spieghi cosa ci sia da festeggiare. L’accanimento giudiziario e mediatico nei confronti del Premier è sotto gli occhi di tutti, l’immobilismo della sinistra pure, cosi come le lotte di potere interne da quelle parti, per non parlare dell’insabbiamento dei rapporti mafia/centro sinistra del 1993 e tante altre nefandezze. Nella seconda parte esprimo semplicemente ciò che direi a lui se dovessi incontrarlo, abbatterlo prima della scadenza significherebbe cambiare la storia, le etichette perdente-vincente sono divise da un filo sottilissimo, la sinistra conosce benissimo questa grande sottigliezza, un Berlusca che si ritira imbattuto sarebbe la loro Caporetto.

    Berlusconi è odiato per tre motivi fondamentali, ha rotto l’egemonia calcistica (cosa più importante di quanto si pensi, prima del suo avvento le squadre erano dei veri e propri “sfoghi” fiscali), ha eliminato il monopolio della pubblicità televisiva ed ha infranto, nel ’94, i sogni dei comunisti che dopo mani pulite già si vedevano al potere, questa è storia, non una opinione.

    Questo governo meriterebbe di arrivare a fine legislatura semplicemente perchè ha mantenuto l’Alitalia, è stato interventista alla bisogna, ha superato meglio degli altri la crisi mondiale (l’Italia è un paese SANO, altro che balle) ha assicurato alla giustizia più mafiosi e capitali sequestrati di quanto non si sia fatto nei 62 anni precedenti, l’eliminazione dell’ICI sulla prima casa in una Nazione dove l’82% degli abitanti vive in casa di proprietà non è “robetta”, non ha aumentato la pressione fiscale ed ha messo mano, finalmente, a quel merdaio chiamato “istruzione” che vanta mezzo milione di esuberi (esuberi è un termine tecnico che significa: pesone che non servono), non vado oltre per non annoiare.

    Se la tua amica guadagna 7.000 euro al mese vuol dire che è brava, oppure intelligente, oppure furba, oppure molto avvenente.

    alla prox

  4. ciao sdat, il tuo blog mi è stato segnalato da Aurora, posso dirti che io appartengo a quella generazione di giornalisti ” non allineati” che hanno pagato a caro prezzo, anche in termini di carriera, la presa di distanza da quel consociativismo sinistro che nulla ha a che fare con l’ideologia ma che ti permette di avere posti di lavoro e visibilità. E’ una battaglia improba, credimi, tutti sanno che l’odio contro Berlusconi è stato creato ad arte, Come dici tu e come sostiene Aurora, anch’io sono dell’opinione che non prendere posizione contro ingiurie e calunnie, attraverso le querele, abbia creato un meccanismo di onnipotenza da parte di certa stampa. Ormai i giochi sono fatti oppure si può ancora rimediare? Un saluto

    TADS’ ANSWERS:

    benvenuto Orazio,
    conosco bene il tuo ambiente e pure i meccanismi che lo regolano, sull’odio nei confronti del Cavaliere… se e quando avrai tempo e voglia leggiti un mio vecchio post in merito, si intitola “la genesi dell’antiBerlusconismo”.
    Se Belusconi si ritira a fine mandato… bene, dovesse mai decidere di proseguire il suo percorso politico gli consiglierei di iniziare a querelare già da oggi ogni minimo attacco personale. Il delirio di onnipotenza personaggi come santoro e compagnia ce l’hanno da sempre, lui in modo particolare, non dimentichiamoci che annozero va in onda solo perchè un giudice l’ha imposto, al mondo non esiste un caso analogo, nessun magistrato si arrogherebbe mai il potere di fare il palinsesto di una rete pubblica.

  5. non voti? ma come si può dire così tante cose, giuste o sbagliate che siano, in un blog e non voler dare il proprio parere, giusto o sbagliato che sia, votando? forse nessuno ti rappresenta. forse ti deludono tutti, ma hai mai pensato che, forse, non ci sarà mai qualcuno lassù proprio come lo vuoi tu ma che, proprio perché ti si è dato il potere di farlo, potresti provare a far cambiare qualcosa? e prima di questi 20 anni di silenzio “del voto” che cosa votavi? non me lo dirai, ma penso di poterlo indovinare…

    la mia amica “guadagnava” 7000€ al mese perché è brava, intelligente e per niente attraente. e “guadagnava” perché si è permessa di dire a qualcuno che la doveva smettere di rubare.

    ciao
    r

    TADS’ ANSWERS:

    quel “giuste o sbagliate che siano” mi fa specie, credo di averti detto più di una volta che i dati di fatto NON sono riflessioni opinabili, trattasi di eventi acclarati, che piaccia o meno.
    PERSONALMENTE considero la politica un fenomeno sociale da esaminare attraverso un punto di vista neutro, incondizionato, incoercibile, senza tessere nè gabbie ideologiche. Non votare è un mio diritto che posso esercitare in totale libertà senza doverlo giustificare e/o motivare.

  6. Berlusconi ha avuto una reale possibilita’ di fare qualcosa in questi anni quando si gli e’ stata garantita una maggioranza statosferica, che mai avra’ un secondo tempo nella storia d’Itaglia.
    Berlusconi e’ e rimane un salame, ma non di quelli buoni, di quelli da 2.50 da supermercato, che gonfia il petto come un pollo di fronte al macellaio.
    L’opposizione non conta nulla. Anzi fa’ il gioco del centro destra; in quella furba tecnica mediatica del “corto circuito”, in cui ognuno ha una ragione parziale ma mai interamente razionale ed effettiva.
    “E tu che ne pensi?” tuonano i quotidiani ed il web nei loro sondaggi, convincendo i lettori, che con (finta) umilta’, devono accettare l’opinione altrui la quale ha uguale valore a prescindere dalle cazzate che ognuno spara, non creando quindi qualcosa di costruttivo, ma solo fine a se’ stesso.
    Fra tutti hanno vinto loro, i radicali. he si, sono sempre loro che cascano in piedi, il loro programma politico (finanziato da chi?! ) e’ sempre attuale ed adattabile a qualsiasi schieramento. D’altronde a distruggere siamo bravi tutti!!!

    TADS’ ANSWERS:

    la maggioranza stratosferica non è sinonimo di potere decisionale assoluto, non di rado essa si rivela essere una corsa ad ostacoli. Berlusconi è un uomo che sicuramente eccelle in alcune cose e pecca in altre, ritenerlo un salame scadente è un tuo diritto, cosa ne penso io l’ho già detto, trovo questo suo governo migliore del precedente, nonostante tutto il ciarpame che si sente e legge in giro. Quando arriva il momento di fare cassa senza aumentare le tasse l’unica strada da intraprendere è “tagliare”, qui subentrano i biechi interessi di bottega ed ogni categoria inizia a fare capricci e pretendere l’esonero dalle restrizioni, non sono situazioni facili da gestire, soprattutto quando si ha di fronte una opposizione che si erige a paladino difensore dei presunti “vessati”, queste sono solo cazzate mancine.
    Le opinioni altrui si rispettano ma non si è obbligati ad accettarle, io combatto da anni su questo blog e non solo contro il pensiero “politically correct”, lo considero una cancrena che affligge l’umanità.
    Non credo che l’opposizione faccia il gioco del governo, cosi fosse non avrebbe senso il pedissequo succedersi di leaders o presunti tali, il centro sinistra lotta in modo agguerrito per mantenere agi e privilegi frutto di quel tacito e scellerato compromesso storico che gli ha attribuito la gestione degli apparati pubblici, quando si arriva a rivendicare il diritto al lavativismo e all’operare nella illegalità si esce fuori da ogni canone accettabile.
    Il peso politico dei radicali è prossimo allo zero, la loro stagione è finita da un pezzo.
    Concordo in pieno sulla faciloneria critica, qualcuno diceva: “chi sa fa, chi non sa insegna”.

  7. Tads,
    il problema e’ che non ha “perso” Berlusconi ma essendosi astenuto sostanzialmente il suo elettorato (tradito da promesse non mantenute fino in fondo!) di conseguenza abbia fatto il gioco delle sinistre (o presunte tali…) e di chi la sinistra la vota; cosi’ come la sinistra ha fatto per anni il gioco di Berlusconi, vivendo sull’”antiberusconismo” piuttosto che su un programma politico e sociale vero e proprio.
    Berlusconi ha una grande colpa. E’ stato l’uomo in cui l’Italia ha visto un vero leader ed ha fallito. Anche in ultima istanza ha accusato la magistratura di essere un cancro per il paese, quando avrebbe potuto metterla a tacere per sempre, sul serio anni fa’ (grande speranza tradita..). Classico sintomo di chi accusa gli altri per non vedere le proprie colpe.
    Eppure il tempo per raccontare barzellette oscene, seppur vecchie, l’ha sempre trovato.
    Certo puo’ continuare a togliere la monnezza da Napoli per i prossimi 30 anni, ma senza cabiare la mentalita’ campana serve a ben poco. questo e’ un’altro discorso, pero’…..
    io credo invece che i radicali abbiano raggiunto quasi tutti i punti del loro programma elettorale….purtroppo!

    TADS’ ANSWERS:

    illustre, Ryu,
    non vorrei urtare la tua sensibilità ma credo sia giusto dirti che continui a rispondere con interpretazioni aleatorie, già abbondantemente ribollite ovunque, ad una mia visione realistica della questione, di questo passo rischiamo solo di tritare l’apparato riproduttivo di chi legge. Io non intendo santificare Berlusconi nè sono parte facente del suo collegio di difesa, men che meno sono un suo consigliere.

    Sinceramente non vedo come avrebbe potuto zittire la magistratura oltre al suo uscire indenne da ben 24 processi, lascia stare la prescrizione, è minima e comunque non l’ha inventata lui. Per quanto riguarda il bunga-bunga ti ricordo che si sta allestendo un processo senza denunce, senza parti civili, senza parti lese e per giunta in un tribunale che non ha, per legge, la competenza territoriale nè giuridica, prova tu a zittire QUESTA magistratura. Prova tu a zittire Palamara che, anzichè occuparsi delle GRAVISSIME cazzate quotidiane che fanno tantissimi suoi colleghi, passa il tempo a tentare di condizionare la politica del Paese.

    L’esercito politico, mediatico e giudiziario antiBerlusconiano, nel suo frequente esagerare, può aver creato un effetto boomerang che il Premier ha, ovviamente, sfruttato ma da qui a parlare di aver fatto l’uno il gioco dell’altro ce ne corre… la sinistra proletaria al momento giusto sfodera tutta la sua vena capitalista, infatti ha impiegato molto poco a trasformare l’antiB in un redditizio e duraturo business, un vero e proprio impero. In me alberga un forte onor Patrio, nel vedere che gli “anti”, grazie ad inviati, corrispondenti ed editori complici, diffondano nel mondo la falsa immagine di un Paese di merda pieno di puzzoni che rovistano nei bidoni dei rifiuti solo per screditare Berlusconi… mi si aggrovigliano le budella

    Se un eletto mantiene il 20% di ciò che ha promesso è da ritenersi quasi un fenomeno, questo te l’ho già evidenziato bene

    Berlusconi racconta barzellette sapendo di raccontare barzellette, Bersani, Di Pietro, Vendola e gli altri raccontano barzellette spacciandole per verità, scegli tu cosa ti par meglio

    Da oggi in poi la monnezza di Napoli la toglie De Magistris, cosi ha promesso, il governo ringrazia, nel caso dovesse di nuovo intervenire tra qualche mese per manifesta incapacità delle nuove autorità locali… sarò il primo a criticarlo, fidati.

    I successi recenti dei radicali mi sfuggono, in ogni caso siamo sotto referendum e questa piattaforma è già satura di spot e marchettoni in merito, mi limito a farti presente che il 12 giugno gli Italiani andranno di nuovo a votare, secondo me inutilmente, perchè lo ha stabilito la corte di cassazione, non i radicali e nemmeno l’idv, altro braccio di ferro che serve solo a fare rumore e nuove trasmissioni. La legge Ronchi sulla privatizzazione dell’acqua non la conosce nessuno, se fra una 20ina di anni non salteranno fuori fonti energetiche alternative veramente valide il nucleare tornerà in auge, indipendentemente dal risultato del referendum.

    Buona serata

  8. Bel pezzo sdat, alla luce dei recenti avvenimenti la tua analisi è azzeccata. De Magistris ha dichiarato che non vuole termovalorizzatori, una domanda: chi se la piglia la monnezza dei napoletani? Pisapia? Mi farebbe piacere avere una tua opinione in merito alla decisione della cancelliera Angela Merkel di spegnere gli impianti nucleari, io un’idea me la sono fatta…..

    TADS’ ANSWERS:

    Per arrivare nella Alexander Platz passo dagli Champs-E’lysées, non ti preoccupare, il tour è all inclusive.
    Ultimamente nel cuore dell’Europa si aggira un diavolo di furetto che molti chiamano “sconfitta elettorale”, il governo Tedesco e quello Francese hanno preso, nelle ultime amministrative, un colpo di mazza da base ball sul muso al cui confronto la perdita di Milano da parte del PDL pare essere una passeggiata di salute, ovviamente la stampa di “manca” ben se n’è guardata dal mettere in evidenza il piegarsi a 90° dei loro idoli continentali. Procedo senza ulteriori indugi.

    Sarkozy viene brutalmente sodomizzato, senza neanche un pò di sputazza, dall’elettorato di destra, quello conservatore saldato ai noti valori tra i quali quello della famiglia “tradizionale”, e che ti invente il galletto in perenne Priapismo per tentare di risalire la china? Ingravida quella “santa donna” della moglie, una “educanda timorata e costumata dal passato irreprensibile”, i soliti ben informati dicono che per evitare ritardanti cilecche si sia proceduto alla fecondazione artificiale, il o i nascituri devono arrivare in perfetta sincronia con la campagna elettorale, il pericoloso rivale viagrato è stato eliminato, che coincidenza, non dovrebbero esserci ulteriori intoppi.

    La Merkel si è trovata nella stessa poco edificante situazione, solo che ad ansimare alle sue spalle c’èra l’alleanza “verdi-ecologisti”, popolarità nel tombino ed urgente bisogno di un salvagente per continuare a galleggiare, che ti inventa la mangiacrauti? Si mette a fare proclami sullo smantellamento delle centrali nucleari, la vasta eco Nipponica ancora rimbomba nelle orecchie del popolo Tedesco. Smantellamento che non avverrà mai, comunque non nei tempi (20 anni) dichiarati.

    Cara Aurora,
    come puoi notare la demagogia, la strumentalizzazione, la menzogna e l’oppurtunismo non sono peculiarità esclusive del potere politico Italico, la differenza consiste semplicemente nella gestione delle cose da parte dei mass media, i Tedeschi sono troppo patriottici per darsi in pasto ai licantropi, i giornalisti Francesi hanno imparato a proprie spese che sparlare del dittatore (più volte Sarkò è stato pizzicato mentre definiva “sudditi” i “suoi” connazionali) significa ritrovarsi disoccupati e senza speranze. Inutile dirti che le sparate della Merkel sono subito state trasformate in cavallo di battaglia dagli antinuclearisti nostrani.

    De Magistris ha promesso che a Napoli farà la raccolta differenziata “porta a porta”, ci manderà Vespa???
    L’altro giorno il mio salumiere mi ha detto: “Dottore, secondo lei se avesse vinto Lettieri con il 65% dei votanti… Santoro, Travaglio e gli altri avrebbero parlato di voti della camorra?”. Ho glissato la domanda spostando il discorso sul culatello.

    Un abbraccio

  9. …è sempre interessante leggerti,Tullio.
    L’ho fatto ora dopo diverso tempo per i motivi che tu conosci.
    Interessante e stimolante.
    Il pezzo è veramente degno…di te.
    E mi unisco anch’io alla tua richiesta a Berlusconi: porti
    a termine la legislatura e poi…lasci,IMBATTUTO!
    Sarà rimpianto.
    IO ne sono certa,come te mio caro.

    Splendide,concettualmente perfette,anche tutte le tue risposte
    ai vari interlocutori.
    Non c’è nulla da aggiungere.

    Ti stimo moltissimo,lo sai.
    Un abbraccio

    marilù

    TADS’ ANSWERS:

    bentornata carissima Marilù,
    è sempre un piacere vederti sul mio blog,
    la stima è totalmente ricambiata.
    Speriamo che Berlusconi faccia veramente cosi.
    Ti abbraccio con affetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...