I sorci…

Il buon Dio lavorò senza soluzione di continuità per ben sei giorni e sei notti, al mattino del settimo giorno, lasciandosi cullare dal rollio della sedia a dondolo e stringendo tra le labbra un sigaro aromatizzato, si mise ad ammirare il frutto del suo impegno. La Terra era perfetta, lo erano anche i Terrestri, ad un tratto si accigliò, un mondo popolato da uomini e donne immersi nelle cristalline acque dei valori avrebbe di fatto vanificato quel regolamento da lui stesso stilato, necessitava assolutamente rendere più complicato ed impegnativo il percorso, il paradiso era stato concepito come un traguardo meritocratico raggiungibile solo con scalzi piedi puliti. Fu in quel momento che decise di disseminare il pianeta di pozze d’acido e montagnole di fango (eufemismo), evitabili insidie che per comodità espressiva andremo a definire “idioti inconsapevoli”, esistono anche gli “idioti consapevoli” ma, in quanto tali, vivono serenamente la loro condizione di “homeless culturali” senza millantare né affettare l’altrui creapopoli. Gli “idioti consapevoli” hanno una dignità che merita rispetto, gli “idioti inconsapevoli” hanno bisogno di essere redarguiti, educati e riportati nella loro dimensione reale, per quanto pigmea questa possa essere.

Gli “idioti inconsapevoli” sono una sottospecie di mammifero umanoide con caratteristiche sociali e comportamentali assimilabili a quelle dei ratti, tendono ad attaccare in gruppo (quando sono soli scappano), vivono nelle fogne ma non disdegnano abusive escursioni nei vellutati campi da golf, azzardo per loro da sempre fatale poiché vengono regolarmente “pizzicati”, si riproducono in continuazione (non solo nel senso “naturale”). In letteratura e nella credenza popolare (foriera da secoli di verità acclarate) il “sorcio” raffigura l’essenza dello schifo, dello sporco, della viltà, la riduzione a radice quadrata, se non il totale annientamento, della propria coscienza, della propria dimensione esistenziale.

Gli “idioti inconsapevoli” arieggiano i propri polmoni con mefitici miasmi, aprono la bocca per diffondere il canto dei vermi che albergano nei loro stomachi ulcerati dalla meschinità, per darsi un tono, una maschera umana, hanno abbracciato il credo “politically correct” senza conoscerne minimamente il significato. Hanno assurdamente fatto pure di peggio, si sono creati una finta umiltà intellettuale aggrappandosi all’aforisma di Socrate: “so di non sapere”, neanche fosse un coro da stadio. Verrebbe da chiedersi quanti di questi parassiti siano in grado di spiegare in diretta, senza google né aiutini da casa, cosa differenzi la filosofia pre-Socratica da quella post-Socratica. E’ notorio… come dire??? Gli “idioti inconsapevoli” finiscono inevitabilmente per infognarsi da soli, loro “sanno di non sapere”, in effetti c’è una componente veritiera, è proprio qui che il topo rimane intrappolato mentre cerca di fregarsi il pezzetto di cacio, gli ALTRI SANNO, SANNO TANTO, SANNO TANTE VERITA’ POCO EDIFICANTI. Un’altra anomala caratteristica che contraddistingue gli “idioti inconsapevoli” è proprio quella di sputacchiare in giro le proprie debolezze e le proprie pecche, spesso tra loro sono “amici” in pubblico ma si “tagliano i colletti” a vicenda in privato. Che bella compagnia, tutti tesserati alla “Associazione Italiana Viscidi”.

Niente, a livello esplicativo, è più efficace delle esemplificazioni, GLI “idioti inconsapevoli” sono quelli che anziché alzarsi alle quattro del mattino per andare a scaricare le cassette ai mercati generali, tanto per guadagnare qualcosa in modo da comprare latte e medicine per i figli, si “destano” a beata ora e passano il resto della giornata a scrivere dabbenaggini sul web. LE “idiote inconsapevoli” sono quelle che anziché alzarsi alle quattro del mattino per andare a lavare le scale e sentirsi padrone del panino che mangiano… preferiscono vivere a scrocco, ricordate le “mantenute” dei tempi andati??? Anche queste passano l’esistenza attaccate al pc per diffondere il loro “non sapere” rosicante. Il tempo è inclemente e giustiziere, chissà quante di queste “persone”, alla soglia dei 60anni, si ritroveranno a girovagare per dormitori pubblici e mense caritatevoli. Poveri sognatori/trici, quando vivrete questa logica e squallida deriva, stupidamente voluta… non dite mai al “clochard per scelta” che mangia di fianco a voi nel refettorio della San Vincenzo: “so di non sapere”, potrebbe guardavi in faccia e rispondervi crudelmente: “non ho dubbi in merito”.

Il vero “cavallo di battaglia” degli “idioti inconsapevoli” è quello di considerare la cultura come un altrui campo dove recarsi, nottetempo, per rubare frutti scavandoli ed estirpandoli con le mani o con una devastante roncola. Loro non hanno terreni propri, non seminano, non coltivano, non producono… semplicemente tentano di raccogliere, rastrellare ed assemblare alla “carlona” schifosissimi minestroni che farebbero vomitare pure i maiali. Imbottire, saturare il blog di copiaincolla e citazioni non significa essere colti, significa non aver capitalizzato l’esser stato per anni con la schiena piegata sui libri, ammesso lo abbiano fatto, nel leggere certe cose i dubbi sorgono, sorgono alla grande (festeggiare un “26” dopo otto mesi di studio la dice lunga). Il nozionismo non è cultura, google non è cultura, vikipedia non è cultura. Come può una persona disquisire di filosofia quando mesi fa ha negato, sul blog, la paternità della corrente sofista a Socrate??? Come può una persona parlare di “umiltà” e di “educazione” dopo essere andata in giro per la blogsfera ad insultare gratuitamente nick sconosciuti??? Quale credibilità potrà mai avere chi, in casa d’altri, imitando Totò dice: “lei non sa chi sono io”, ad onor del vero ha detto, all’incirca: “i miei percorsi te li sogni”, spero proprio di no, per me sarebbero incubi raffiguranti un immenso fallimento. Evito di infierire su plagiatori, ricattatori e certi soggetti che, con una scarpa e uno zoccolo,dopo averne fatte più di Bertoldo si avventurano nell’elaborare considerazioni, appunto, da “idioti inconsapevoli”.

Questo è il mio 234° post in quasi sette anni, si lo so, non sono particolarmente prolifero, ci sono persone che in tale lasso di tempo hanno scritto 5.000 pezzi, problemi loro; le citazioni che ho fatto in questo percorso sono veramente minime e dovute ma una voglio ripeterla, riguarda mio nonno, soleva dirmi: “ricordati figliolo che quando giocherai a carte saranno sempre quelli più ignoranti a pretendere di segnare i punti”. Lo scoppiettare del camino, l’odore della sua pipa, il suo sguardo profondo pieno di vitalità in netta contraddizione con un corpo eroso dal tempo, il suo ghignare sarcastico tipico di colui che vede oltre… E pensare che c’è chi parla di filosofia senza averne un minimo di cognizione, nessuna capacità elaborativa, gente che pretende di raccontare il mondo senza averlo visto, psicanalisti improvvisati, scrittori e poeti da “boleroteletutto”, roba da pettinatrici, barbieri, serve e portinaie. Quello espresso da mio nonno è veramente un concetto “sofista”, i “sorci” impiegheranno decenni per capirlo nella sua interezza e profondità, forse, personalmente non credo. 

Miei cari “idioti inconsapevoli”, un antico proverbio Yiddish recita: “solo uno stolto può inciampare in qualcosa che sta dietro”, guardatevi le spalle, dagli “amici” intendo, di sicuro nemici non ne avete, per avere nemici bisogna essere “qualcuno”, ritenetevi tranquillamente “immuni” da questo pericolo, al limite impegnatevi un attimino sul vostro finto essere, siete cosi particolarmente bravi nello sputtanarvi da soli…!!!.

A bella mia… te faccio du spaghi alla carbonara??? No amò, voglio magnà leggero, fammeli con la cultura de certi bloggers de tiscali… però mettece un po’ più de sale altrimenti non sanno de niente. Vabbè amò, come vuoi, io me faccio una frittatina alla frociona… na cosa poetica che me aggiusta l’intestino…!!! 

Tullio Antimo da Scruovolo

Annunci

7 thoughts on “I sorci…

  1. Ho sempre pensato che qualsiasi azione o comportamento deve convivere in armonia con i nostri valori, che ci motivano anche a dare, e hanno un significato profondo.. molto profondo!
    Viceversa il “troppo-vuole”, la presunzione,”il lei non sa chi sono io”, ect, viene improntata nella definizione degli idioti consapevoli e non…
    correggimi se sbaglio!
    Tuttavia a volte i”valori” tradiscono e possono provocare stress ,ansia, tristezza e perenne insoddisfazione.
    Mi viene in mente la filosofia “fai da te” per motivare il poco movimento nell’agire ..e nell’interpretazione…forse sbaglierò!
    Dicono che la vera intelligenza (o idiozia? NOO)non ostenta,è umile anche nel dire: lavo le scale piuttosto che mangiare pane e..cipolle!
    NON viceversa, guardando allegramente pure i topi che “ballano”..
    tutto ciò e ..oltre potrebbe fare la differenza… per tutti!
    Ripeto che avere UNA sola identità è molto più difficile, il perchè esistono delle rinuncie che non si vogliono accettare!
    E per concludere…bando alle ciancie, ai “piccioni-viaggiatori” agli alieni e al “gruppo ” che ci circonda!
    W LA PRIMAVERA!
    Buona notte Sdat

    P.s puoi anche non pubblicare! Oggi accontentati se non ho interpretato bene…
    è che a volte certe frasi mi escono cos’ì ..senza pensarci troppo!
    Sarò un’idiota inconsapevole( che sa di essere)..spero nella tua comprensione!
    Se hai tempo leggi il mio post: ora basta!

    TADS’ ANSWERS:

    hai scritto un bel commento,
    solo dovresti distinguere meglio gli idioti consapevoli da quelli inconsapevoli,
    la differenza è sostanziale, non formale.
    Presto verrò a leggerti, buona notte anche a te

    PS: ho corretto il link del tuo blog, non si apriva, mi è capitato pure da Re di Saturno, dopo il “cinzia20″ hai messo la virgola anzichè il punto, fai la dovuta modifica.

  2. Penso che per molti l’apparire sia meglio dell’ essere. Questo riguarda anche la rete. A volte lo scrivere forbito da la parvenza della cultura scolastica, poi però non ci si accorge di sbagliare il periodo della frase, e qualcuno leggendo si fa due tenere risate. Ritengo anche che nella rete si debba essere relativamente umili, soprattutto nel commentare, e se proprio un blog non lo si “digerisce” si passa avanti, c’è ne sono migliaia.

    TADS’ ANSWERS:

    sante parole Re

  3. Azzz, non si apriva il blog?? Il problema è che io scrivo velocissimo, 10 lettere l’ora, quindi sarà stata la supersonica velocità?

    TADS’ ANSWERS:

    prova a scrivere con il freno a mano tirato
    sei un mito, lo penso veramente

  4. Credo di aver capito benissimo a chi ti riferisci e so che tu hai assistito ad alcuni dei miei conflitti con gli “idioti inconsapevoli”, di certi ho avuto modo direttamente di conoscerne l’aspetto più viscido del comportamento umano che si può trovare nel web, altri per ciò che ho potuto osservare.
    Questa differenza perché i loro punti di “svista” li scoprii casualmente quando mi iscrissi ad un social network, da parte mia assolutamente in buona fede da parte loro per ravanare nella vita privata mia e altrui.
    Ti chiedo di lasciarmi scrivere quanto sono disgustosi, per far capire a chi legge cosa sono capaci di architettare i sorci, ma anche per rispolverare la memoria delli sorci.
    Tutto iniziò con una “personaggia” che aprì un account di facebook per conto di una persona e, approfittando della fiducia che gli era stata data, si leggeva allegramente le notifiche di lettura dello sventurato e quindi tutti i cazzi miei e di altri. Con un post svelai il mistero di tanto cicalare in giro che iniziava solitamente con un “dunque” e terminava con un “fidati”! Quindi, non contenta, cercò il mio cognome e mi contattò sul posto di lavoro. Per fortuna sua chiuse i battenti e sparì… insomma sparì usa comportarsi come l’uccello dell’orologio a cucù!
    Non basta, ricevetti una mail di una bloggheressa che le era amica, preciso che non sapevo nulla dei rapporti tra loro, dove mi scrisse che non c’entra niente con la suddetta. Dico io, ma chi glielo aveva mai chiesto? Sempre quest’ultima in altro momento mi ricontatta per….sapere se cancellavo le strisciatine che compaiono sulla home del mio profilo di facebook quando intervengo da “amici”, ma perché me lo chiede? Rispetto la libertà altrui di gestirsi le proprie cose come meglio crede, ma cose c’è da nascondere? Scopro che sono giochetti che usava fare lei, il perché non lo so e non mi interessa. Il marito della bloggheressa, quello che scrive poesie dopo essersi sparato una canna di salvia officinalis, gettò sul forum di questa piattaforma il contenuto di una mia mail alla moglie bloggheressa. Non basta, come niente fosse, mi contattò per chiedermi come si deve comportare quando rispuntò l’uccella a cucù, per la precisione sul blog della filosofa. Poco dopo mister cannabis mi “ammonisce” (????) scrivendomi che “devi aspettarti anche delle critiche e non che tutti vadano a nascondersi quando appari tu…giustiziera del web…vedi burattino non sono perché commento da tutti, critico tutti e sono tranquillamente in rapporto anche con gente tra loro in lite”… miiiiinchia!
    Non parliamo dei giochetti attiva/disattiva account del social network in questione di chi, con uno zoccolo e un tacco a spillo, si avventura nell’intervenire con piroette linguistiche nei blog dagli amici “idioti inconsapevoli”….dopo esser stata “alienata” per mesi, mesi e mesi, come l’amici sua.
    Termino con l’esilarante avventura che mi è capitata con la predicatrice di castronate che, oltre a rompere i marron glacè sul mio blog, mi ha inviato mail dove mi denunciava (???) come LUX ovviamente.
    Di questo personaggio comico non aggiungo altro, sai bene che ti sto scrivendo la verità.
    Non mi ritengo una vittima, anzi, riconosco il mio errore, come si suol dire nulla vien per nuocere e adesso so molto bene quanto schifo fanno sti sorci.
    Sai, mi piacerebbe che tutto tornasse come una volta, quando aprii il blog, nessuno sapeva niente di nessuno, si conosceva solo il nick, qualche frammento di vita privata solo se si decideva di svelarlo, verità e finzione non aveva importanza, e sono convinta che sarebbe diverso se qualcosa cambiasse al “vertice”. E il vertice che fa? Anziché eliminarli lascia che si infesti la piattaforma di escremento di ratto. Per carità!
    P.S.: frittatina alla frociona? Frociona nun se po di e manco ricchione!

    TADS’ ANSWERS:

    Ciao LUX,
    la tua è una testimonianza interessante e significativa, anche se onestamente devo confessarti che non mi dici niente di nuovo, pensa che ogni volta che apro la pagina del “vivistat” mi sento una Star Internazionale, il mio blog è letto in tutto il mondo, Vietnam, Australia, Nuova Zelanda, Burundi, Kazakistan, Polonia, Sud Africa, Uruguai, ecc. ecc.
    Ma che senso ha visitare un blog mascherandosi??? Io vado serenamente anche in quelli “ostili” palesandomi, lo sapevi tu che Londra, Tiblisi, Tirana, Manila… sono province Italiane???
    Quando si è “sorci” lo si è nell’anima.
    Ammetto che quando mi sono arrivate mail per “conoscenza” ho riso di gusto.
    Rileggiti cosa diceva mio nonno
    Io sono politicamente scorretto, gli uomini che succhiano cazzi e si fanno inculare li chiamo “froci” o “ricchioni”, quelli che raccolgono l’immondizia li chiamo “spazzini” o “netturbini”… e via dicendo, non chiamerò mai un macchinista delle ferrovie “trasportatore di umanità” da una stazione all’altra, trovo il termine “negro” molto meno offensivo di “nero” e personalmente considero le donne con l’utero ESTROVERSO “troie”. Tanto per capirci.
    Un abbraccio

  5. Ah!! ma che bella storia (saluto Lux)…tu pensa non mi giunge nuova: quello che non ho mai capito che .axxo c’entravo io…non lo sapremo mai!
    Emh non sono una frociona che sia ben chiaro!
    Sdat il tuo blog è stato letto in tutto il mondo? Bene Il “mondo” avrà solo da imparare….mentre nella mia posta il topo (veniva appositamente dall’inghilterra), guardava e leggeva in prima visione, ogni giorno! e rosigava tanto da ammirare, odiare e invidiare… della serie: la bella e la bestia!
    Pochi avranno capito quant’ è “suonata” (ma forse mi sbaglio) e naturalmente io passavo per ..diciamo visionaria…
    Chissà se le amiche sue ( quelle intime) e non, oggi le accenderanno un cero quando leggeranno…e sono certa che leggeranno!
    Credo che nella sua mente in qualche modo voleva identificarsi su qualcosa che lei non è e non sarà mai!
    Fammi sfogare anche a me Sdat per favore: ora il mio p.c è superblindato, ma ancora rosiga ossessiva, mi manda anche l’uomo del monte che…(lo scriverò in privato!):-)
    Ricevo ancora telefonate anonime-mute e pure da mia madre, dove lavoravo, mail di provenienze sconosciute (tempo fa 41 e-mail in pochi giorni)…
    Insomma la principessa deve capire che il sipario è calato anche per lei ….
    Ah dimenticavo gli utimi “primi piani” erano della hunkizer e il “critico d’arte” non si è nemmeno accorto…l’avranno poi sicurarmente informato
    Ciao Sdat UN BACIONE! (a presto!)

    TADS’ ANSWERS:

    un bacione anche a te

  6. Ciao Sdat,
    ti comunico che un paio d’ore fa mi sono venute le mestruazioni, stai tranquillo, anche per questo mese è andata bene!
    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    😀 😀 😀
    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    TADS’ ANSWERS:

    che bella notizia, mi è tornato l’appetito :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    ho ordinato un container di condom XXXL ma il cargo è stato assaltato dai pirati Somali.
    mi sa che finchè non si sblocca la situazione ci toccherà intraprendere “altre” strade :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  7. Ho appena telefonato alla farnesina, carissimo,via libera ! Ma un cargo basterà?

    TADS’ ANSWERS:

    vabbè dai, al limite li mettiamo in lavatrice,
    oppure nella lavastoviglie??? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...